Cooperazione scientifica e tecnologica

La cooperazione scientifica e internazionale, che da sempre rappresenta un importante scopo istituzionale nell’ambito della missione e degli obiettivo del Consiglio nazionale delle ricerche, ha assunto una valenza prioritaria nel quadro della riconfigurazione del sistema globale per la ricerca e l’innovazione, divenuto multipolare. Per questo l’Ente ha avviato, in tempi recenti, un processo di potenziamento dei propri rapporti internazionali, a partire da Paesi come Brasile, Cina, India, Messico, Sud Africa e Sud Corea che - esercitando un’influenza crescente nello scenario internazionale - hanno imposto un cambiamento di strategia nella consapevolezza di dover innovare, modificare e rafforzare le interconnessioni a livello internazionale.

Gli Accordi bilaterali di cooperazione scientifica e tecnologica siglati con Enti omologhi stranieri rappresentano un importante strumento per la definizione di un quadro istituzionale per lo sviluppo di azioni congiunte di ricerca. Essi mirano a favorire lo scambio e la mobilità dei ricercatori in ambito internazionale e possono riguardare il finanziamento congiunto di:

Non tutti gli Accordi prevedono tutte e tre le tipologie di finanziamento: pertanto, si prega di voler consultare la scheda relativa al Paese di interesse dalla Tabella sottoriportata, nella quale è indicato anche il personale responsabile della gestione dell'Accordo. Il finanziamento è relativo alle sole spese di viaggio e di soggiorno dei ricercatori e, in alcuni nuovi accordi, è prevista una piccola quota per i costi di ricerca destinati al funzionamento ed al materiale di consumo; esso viene definito prevalentemente da uno specifico ‘Addendum’ all'Accordo e riguarda lo scambio di ricercatori fra i due enti (Cnr ed Ente omologo straniero). Sono esclusi da tutti gli accordi le richieste di finanziamento per la partecipazione a convegni, corsi, ecc. Gli Accordi prevedono, in generale, tutte le discipline tranne nei casi di competenze specifiche dell'Ente straniero.

Inoltre il Cnr sottoscrive Memorandum of Understanding (v. elenco MoU) con enti omologhi di paesi stranieri che esprimono l'intendimento di avviare dei rapporti di collaborazione, spesso propedeutici alla firma di Accordi bilaterali di cooperazione scientifica.

Informazioni a cura di: Ufficio Relazioni Europee e Internazionali

Ultimo aggiornamento: 27/02/2018