Scienze del sistema Terra e tecnologie per l'ambiente

L’osservazione del sistema Terra e la comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che regolano il nostro Pianeta sono alla base degli studi condotti dal Dipartimento scienze del sistema Terra e tecnologie per l’ambiente (Dta) ambiti sui quali è il principale riferimento per le politiche italiane ed europee. Le attività spaziano dalle ricerche sul clima e sull’atmosfera ai sistemi acquatici e terrestri, alla comprensione dell’evoluzione dell’ambiente anche attraverso l’analisi dei dati e il loro inserimento in modelli matematici. Il Dipartimento coordina il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra) e gestisce l’infrastruttura artica ‘Stazione dirigibile Italia’ a Ny-Alesund, nell’arcipelago delle Svalbard.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Quando è meglio “non fare”

Almanacco della scienza febbraio 2020

La mancanza di consapevolezza con cui gestiamo l'ambiente è sconcertante: gli impatti che operiamo sono sempre sostenuti da una idea di “bene” che però in genere avvantaggia un singolo o un gruppo. Disboscamenti, consumo del suolo, diversioni di fiumi, costruzione di siti industriali inquinanti: tutte queste azioni vengono compiute dall'uomo per domare e dominare la natura. Un pensiero tecnico distorto che si illude di migliorare la nostra esistenza solo attraverso gli aspetti materiali e rischia di portarci alla “sesta estinzione”. Il compito dei ricercatori oggi è affermare il principio di precauzione che porta anche a scegliere di non agire, di rinunciare. La riflessione del direttore del Dipartimento Terra e Ambiente del Cnr

A teatro è di scena il clima

Almanacco della scienza gennaio 2020, n.2

Il ricercatore e divulgatore del Cnr Mario Tozzi e il matematico e cantante Lorenzo Baglioni sono in tournée con uno spettacolo che affronta in modo divertente il tema del cambiamento climatico

Fenomeni di crollo: casi di studio e metodologie a confronto

Evento 21/02/2020

I crolli in roccia e, più in generale, i fenomeni gravitativi di natura impulsiva sono spesso causa di gravi danni se non addirittura di perdita di vite umane. Il forte impatto di questa tipologia di fenomeni rende quindi necessaria un’attenta opera di studio e di confronto delle metodologie utilizzate. 'evento è organizzato dal Gruppo Italiano dell’International Association of Engineering Geology and Environment, dall'Istituto di metodologie per l'analisi ambientale (Imaa) del Cnr, dall'Istituto per la ricerca per la protezione idrogeologica (Irpi) del Cnr, dall'Università degli studi della Basilicata e dall'Ordine dei geologli della Basilicata

Come comunicare il Green New Deal: un corso a Roma su energie rinnovabili e riqualificazione urbana

Evento 11/03/2020

Il prossimo 11 marzo si terrà a Roma un corso di formazione proposto dal Gestore dei Servizi Energetici (Gse Spa) e dedicato allo sviluppo sostenibile attraverso l’incentivazione delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica. Il corso ruota intorno al progetto del Green New Deal e a come comunicare in modo efficace per incoraggiare cittadini, imprese e pubblica amministrazione a prendere parte attiva al cambiamento globale, un cambiamento che da anni il Cnr promuove attraverso iniziative di sostenibilità ambientale

Mostra 'Aquae. Il futuro è nell'oceano'

Evento dal 31/12/2019 al 31/03/2020

Prosegue presso la sede dell'Istituto di scienze marine (Ismar) del Cnr di Venezia la mostra itinerante del Cnr. Inaugurata il 18 giugno nel contesto del Salone Nautico, è stata prorogata fino al 31 marzo 2020, data la grande richiesta soprattutto da parte delle scuole del territorio, molte delle quali hanno già assistito alle 'speciali' visite guidate tenute dai ricercatori del Cnr-Ismar. Inoltre, a gennaio 2020, si svolgerà a Venezia il Mediterranean Workshop nell’ambito dell’UN Decade of Ocean Science for Sustainable Development (2021-2030) e 'Aquae' verrà considerato uno degli eventi di punta

Visita virtuale ai fondali oceanici australiani

Video febbraio 2020

Tg3 Emilia Romagna – Due classi della scuola secondaria ‘G. Dozza’ di Bologna, hanno visto in diretta i fondali oceanici antistanti la zona sud-ovest dell’Australia in quanto ospitati virtualmente sulla nave da Ricerca Falkor dello Schmidt Ocean Institute. I ragazzi hanno avuto la possibilità di conoscere le modalità di lavoro e di interagire con i ricercatori dell’Istituto di scienze marine del Cnr (Cnr-Ismar) a bordo

Radon rEal time monitoring System and Proactive Indoor Remediation

Area istituzionale

The project is realized with the financial contribution of the European Union LIFE programme(LIFE16 ENV/IT/000553).The RESPIRE project will implement an intelligent ,adaptable and versatile hybrid Rn remediation systemcomposed of sensors, an Air Quality Balancer (SNAP) and an external additional fan-system (eolian and/orelectric) working on positive pressure method

Antartide: il record della 'Bassi', mai nessuna nave italiana si era spinta tanto a Sud

News 06/02/2020

La rompighiaccio 'Laura Bassi' dell’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale (OGS) è la nave italiana che ha raggiunto il punto più meridionale della Terra (latitudine 78° 41.1006S). Questo record è stato battuto nel corso di un campionamento nel Mare di Ross in Antartide, effettuato per la campagna oceanografica della 35a spedizione del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), gestito da ENEA per la pianificazione e l’organizzazione logistica e dal Consiglio nazionale delle ricerche per la programmazione e il coordinamento scientifico