Scienze del sistema Terra e tecnologie per l'ambiente

L’osservazione del sistema Terra e la comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che regolano il nostro Pianeta sono alla base degli studi condotti dal Dipartimento scienze del sistema Terra e tecnologie per l’ambiente (Dta) ambiti sui quali è il principale riferimento per le politiche italiane ed europee. Le attività spaziano dalle ricerche sul clima e sull’atmosfera ai sistemi acquatici e terrestri, alla comprensione dell’evoluzione dell’ambiente anche attraverso l’analisi dei dati e il loro inserimento in modelli matematici. Il Dipartimento coordina il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra) e gestisce l’infrastruttura artica ‘Stazione dirigibile Italia’ a Ny-Alesund, nell’arcipelago delle Svalbard.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Il problema del buco nell’ozono è stato risolto? Risponde Antonello Pasini

Rassegna stampa 26/11/2021

I clorofluorocarburi (Cfc) sono al bando, grazie al Protocollo di Montreal, dal 1987. Eppure l’assottigliamento dello scudo che ci ripara dai raggi ultravioletti a settembre era tornato ad essere più esteso dell’Antartide. Ne abbiamo parlato con il climatologo del Cnr, autore di numerosi saggi e pubblicazioni divulgative

Il contributo del Cnr-Irpi al sistema paese per la mitigazione dei rischi geo-idrologici

News 26/11/2021

Oggi si è concluso il workshop dell’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica, Cnr-Irpi, dal titolo “Il contributo del Cnr-Irpi al sistema paese per la mitigazione dei rischi geo-idrologici”, organizzato presso la Sala convegni della sede del Cnr in piazzale Aldo Moro a Roma in occasione dei 50 anni di attività dell’Istituto

Resti. Cosa rimane prima di buttare?

Evento dal 23/11/2021 al 03/12/2021

Nell’ambito della XXXV edizione di Futuro Remoto (Transizioni) sarà visitabile la mostra fotografica "Resti: cosa rimane prima di buttare?" di Michela Alfè (Cnr-Istituto di scienze e tecnologie per l'energia e la mobilità sostenibili) e Mauro Caccavale (Cnr-Istitudi di scienze marine). Abbiamo ereditato la mentalità del consumo nella illusione di una abbondanza virtualmente infinta delle risorse. Fino ad ora ci siamo limitati a “spostare” il problema del destino degli oggetti alla fine del loro ciclo vitale, trasferendo enormi masse di “cose” lontano dal nostro sguardo, come si fa nascondendo la polvere sotto un tappeto

Evento conclusivo "Blu di Genova": scoprire, studiare e proteggere il mare della città

Evento 03/12/2021

Presso le Cuspidi del Genova Blue District (Via del Molo 65) si svolge l'evento conclusivo del "Blu di Genova", a cui il Cnr ha partecipato con l’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino (Cnr-Ias). "Blu di Genova" è finanziato da Fondazione CARIGE nell’ ambito del progetto “Genova Blue District – blue New Deal tra volontariato ed innovazione" del Comune di Genova

Gas serra e cambiamenti climatici: la ricerca italiana è pronta

News 25/11/2021

Il processo di riduzione della concentrazione di gas serra in atmosfera dovrà accelerare nei prossimi anni, e le infrastrutture di ricerca possono fornire un contributo importante nell’ottica di dati di alta qualità. Questo il tema centrale del webinar “Dopo COP26. Scienza, sfide e prospettive per il monitoraggio dei gas a effetto serra”, organizzato dall’infrastruttura di ricerca Icos (Integrated Carbon Observation System), di cui il Consiglio nazionale delle ricerche è partner.

Mercalli: 'Il surriscaldamento mette a rischio un miliardo di noi'

Rassegna stampa 12/11/2021

"Il Cnr-Isac segnala che l'ottobre italiano è stato fresco, 0,5 °C sotto media a livello nazionale, ciononostante il 2021 resta per ora il dodicesimo anno più caldo in oltre due secoli...E il futuro aumento delle temperature potrà esporre crescenti fasce di territorio a caldo estremo e potenzialmente mortale, con un miliardo di abitanti coinvolti (quindici volte l'attuale)"

Protagoniste dell'ambiente

Almanacco della scienza 24/11/2021

Due scienziate del Consiglio nazionale delle ricerche impegnate in quest'area di ricerca, Chiara Cagnazzo e Angela Marinoni, sono state segnalate per la loro influenza nella società italiana. Ma il percorso professionale delle donne e madri non è ancora così lineare come dovrebbe

Newsletter Imaa

Area istituzionale

Online il nuovo numero della newsletter dell'Istituto di metodologie per l'analisi ambientale del Cnr

Il futuro di Venezia

Video Nov 2021

L’Ismar raccoglie dati e crea modelli numerici in previsione di scenari futuri estremi, legati all’innalzamento del livello del mare, che preoccupa gli scienziati. In previsione dell’aumento del livello “in un futuro prossimo le misure a difesa della laguna potrebbero non bastare”, dice Debora Bellafiore del Cnr-Ismar. Per questo servono “misure e modelli di previsione sempre più affidabili”.

G20 e Cop26: l'ambiente al centro del dibattito istituzionale

Speciale 2021

Dopo il G20 ospitato a Roma lo scorso 30 e 31 ottobre, gli occhi del mondo guardano a Glasgow, dove è in corso la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che riunisce oltre 190  leader mondiali riuniti per dodici giorni di negoziati. Nello Speciale, alcuni contributi di esperti Cnr che sono intervenuti sul tema

Monte Cimone Cnr-Isac GAW Global Station. Real Time Data

Area istituzionale

The Italian Climate Observatory “Ottavio Vittori” is a research infrastructure managed by the Institute of Atmospheric Sciences and Climate (Isac) of the National Research Council of Italy. It is the only high mountain station for atmospheric research both South of the Alps and the Po basin and it represents a strategic platform to study the chemical-physical characteristics and climatology of the South Europe and North Mediterranean basin