Scienze bio-agroalimentari

L’attività di ricerca e innovazione nei campi connessi all’agricoltura e alle scienze dell’alimentazione ha la sua regia strategica nel Dipartimento di scienze bio-agroalimentari (Disba).

Gli studi sono focalizzati nelle aree di biologia e biotecnologia, alimentazione e agricoltura sostenibile, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni tecnologiche innovative e fornire, a soggetti pubblici e privati, servizi ad alto contenuto tecnologico quali caratterizzazione e conservazione di risorse genetiche animali e vegetali, certificazione e tracciabilità delle produzioni, analisi sensoriali e/o di contaminanti e allergeni degli alimenti, miglioramento genetico di specie animali e vegetali, diagnosi fitosanitarie e previsioni agrometeorologiche per l’agricoltura di precisione.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Pnrr: al via "Agritech", Centro Nazionale per lo sviluppo delle nuove tecnologie in agricoltura

News 22/06/2022

Il Cnr è tra gli enti che partecipano ad "Agritech", il Centro Nazionale per lo sviluppo delle nuove tecnologie in agricoltura finanziato dall’Unione europea - NextGenerationEU. Il Centro rientra nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, in particolare nella misura di investimento dedicata al Potenziamento strutture di ricerca e creazione di "campioni nazionali di R&S" su alcune Key Enabling Technologies

Piante grasse le verdure del futuro

Rassegna stampa 01/07/2022

Da ricerche e report scientifici realizzati dal Cnr risulta che i cactus, tra cui il fico d'India, contengono ottime quantità di vitamina C ed E, aminoacidi e fibre, oltre che, ovviamente, di acqua. Il nopal, in particolare, gode di una densa concentrazione di sali minerali, come potassio, ferro, magnesio, calcio e manganese, e conta su ulteriori vitamine, come la A, la B e la K. "La peculiare anatomia e fisiologia delle specie di opuntia rende queste piante adatte ai climi secchi, proprio come quelli del sud Italia - spiega Federica Blando, ricercatrice presso l'Istituto di scienze delle produzioni alimentari del Cnr di Lecce -. E questo aspetto risulta ancor più rilevante oggi, in vista di un incremento sostanziale della popolazione mondiale, del cambiamento climatico e della scarsità di acqua e di terreno coltivabile"

Uno stile alimentare che regala benessere

Almanacco della Scienza Cnr 22/06/2022

La Dieta mediterranea prevede il consumo di pane e pasta integrali, verdure, legumi, frutta fresca, frutta secca, olio extra vergine di oliva e l’assunzione moderata di pesce, carne bianca e rossa, latticini e uova. A illustrarne i benefici sono Stefania Maggi, presidente della Fondazione Dieta mediterranea e ricercatrice dell’Istituto di neuroscienze del Cnr, e Antonio Logrieco, direttore dell’Istituto di scienze delle produzioni alimentari del Cnr

La "Cellula della vita", innovativo vivaio sperimentale, tecnologico e trasportabile

News 17/06/2022

Sostenibilità delle produzioni vegetali e acquatiche: Italia e Tunisia tracciano la strada con la "Cellula della vita", il vivaio trasportabile nato nell'ambito del progetto "Celavie", finanziato con Fondi Ue. Presentato il modello sperimentale attivato a Palermo, che sarà poi replicato a Sfax

Da 'Graditi': una sfida locale alla 'crisi' del grano

Video Cnr WebTv giugno 2022

Tgr Campania – La crisi del grano è uno degli effetti della guerra in Ucraina. In questo quadro assumono un valore particolare i progetti come quello presentato a Città della scienza “Graditi Grani antichi – dalla coltivazione alla creazione di prodotti salutistici” per la valorizzazione dei grani antichi. La sfida locale alla crisi è partita dall’Istituto di scienze dell’alimentazione del Consiglio nazionale delle ricerche di Avellino e dalla Fondazione Idis. La finalità del progetto è utilizzare farine ottenute da grani antichi per nuovi prodotti ad alto valore salutistico con ricadute positive sul consumatore, per la salvaguardia della biodiversità agraria e l’uso sostenibile del suolo

Il batterio che attacca l'olivo

Rassegna stampa 22/06/2022

In Salento i danni maggiori, ma Xylella fastidiosa colpisce molte altre specie vegetali. Fondamentale è la prevenzione. A portare il batterio da una pianta all'altra sono diverse specie di insetti. "Xylella è un patogeno che ha molte analogie con il Covid - dice la ricercatrice Maria Saponari del Cnr di Bari - perché viene da un Paese lontano, l'America, è altamente infettivo e al momento non è curabile. L'unica arma è la prevenzione, e cioè monitoraggi frequenti da parte del Servizio Fitosanitario Nazionale, sfalcio e fresatura dei terreni a marzo-aprile per eliminare gli insetti giovani e trattamenti insetticidi contro quelli adulti, che diffondono la malattia"

Biodiversità: comprenderla per tutelarla

Almanacco della Scienza Cnr 22/06/2022

Le foreste che interessano il bacino mediterraneo costituiscono un patrimonio di biodiversità, un ecosistema fra i più importanti al mondo in un’area relativamente piccola ma tra le più minacciate e vulnerabili del Pianeta. Bruno de Cinti, dell’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del Cnr, spiega come si monitora e salvaguarda la varietà biologica grazie a due progetti Life

Avvio della mappatura delle piante di ulivo colpite da Xylella fastidiosa in Puglia

Nota stampa 14/06/2022

Oggi 14 giugno si avviano le attività per l'individuazione precoce e la mappatura delle piante di ulivo colpite da Xylella fastidiosa in Puglia. Per l'occasione, vengono effettuati contestualmente sorvoli aerei con due diversi aviomobili, con drone e con spettroradiometro da campo. La collaborazione è realizzata nell'ambito del progetto REDoX (Remote Early Detection of Xylella), finanziato dal MiSE, che vede coinvolti quattro istituti del Cnr: Irea, Irsa, Ipsp, Ispa

Citizen Science: entrano nel vivo le attività del progetto "BRIDGES"

News 10/06/2022

Sono partite presso l’Istituto agrario “A.Tosi” di Codogno (Milano) le prime attività partecipative del progetto di ricerca "BRIDGES": gli studenti hanno potuto confrontarsi con le ricercatrici dell'Ente su alcune delle pratiche attuali di ricerca agronomica e sperimentarle direttamente nel frutteto dell’Istituto 

Pura Bioeconomia: l'incontro fra micelio fungino per biomateriali e design

News 07/06/2022

La borsista Cnr Camila Charpentier-Alfaro vince il Gareth Williams Award (GWA)  per il miglior contributo scientifico presso IRGWP (International Research Group on Wood Protection) avente come oggetto i micelli per materiali da biocostruzione. Questi stessi  diventano al Salone Satellite di Milano 2022, grazie allo scultore artigiano Cosimo de Vita, la base delle opere con cui è presentata l'installazione "Meta. Fisico: un omaggio a Giorgio de Chirico" dove le architetture miceliari diventano materiale così vivo per fare ritrovare una  vera connessione tra uomo e natura

Al congresso nazionale Sisef i primi risultati del progetto "ResQ"

News 10/06/2022

Il team multidisciplinare di ricerca del progetto “Deperimento della quercia nei boschi planiziali: studio multidisciplinare per la selezione di risorse genetiche resistenti” cui il Cnr partecipa con l’Istituto di bioscienze e biorisorse (Ibbr) di Firenze, ha partecipato al congresso con un poster dedicato alla presentazione del progetto e una comunicazione orale, che illustra i risultati preliminari dell’analisi dendroecologica

"Mad for Science": vince un progetto supportato dal Cnr-Ibbr

News 10/06/2022

Con il progetto  “Extremophiles for future: Hot Enzymes Vs Global Warming” , il liceo scientifico "Emilio Segrè" di Mugnano di Napoli, guidato dalla prof.ssa Marialuisa Mazzone e supportato scientificamente dai gruppi di ricerca della dott.ssa Beatrice Cobucci Ponzano dell'Istituto di bioscienze e biorisorse (Ibbr) del Cnr di Napoli e del prof. Marco Moracci dell'Università di Napoli Federico II, si è aggiudicato l’edizione 2022 del concorso nazionale per le scuole promosso dalla Fondazione DiaSorin

Nuovo pomodoro biofortificato contrasta la carenza di Vitamina D

Comunicato stampa 23/05/2022

Da uno studio condotto dall’Istituto di scienze delle produzioni alimentari del Cnr, in collaborazione con il John Innes Centre di Norwich e pubblicato sulla rivista Nature Plants, viene progettata una nuova linea di pomodoro in grado di contrastare la carenza di vitamina D

Bonifica, recupero ambientale e sviluppo del territorio: esperienze a confronto sul fitorimedio e sul phytomanagement

Evento 09/09/2022

Arpa Umbria e RemTech Expo (Ferrara Fiere), in collaborazione con gli Istituti Irsa e Iret del Cnr, propongono un incontro formativo/informativo sulle esperienze progettuali e applicative sviluppate nel nostro Paese nei campi del fitorimedio e del phytomanagement