Scienze bio-agroalimentari

L’attività di ricerca e innovazione nei campi connessi all’agricoltura e alle scienze dell’alimentazione ha la sua regia strategica nel Dipartimento di scienze bio-agroalimentari (Disba).

Gli studi sono focalizzati nelle aree di biologia e biotecnologia, alimentazione e agricoltura sostenibile, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni tecnologiche innovative e fornire, a soggetti pubblici e privati, servizi ad alto contenuto tecnologico quali caratterizzazione e conservazione di risorse genetiche animali e vegetali, certificazione e tracciabilità delle produzioni, analisi sensoriali e/o di contaminanti e allergeni degli alimenti, miglioramento genetico di specie animali e vegetali, diagnosi fitosanitarie e previsioni agrometeorologiche per l’agricoltura di precisione.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Qualità e sostenibilità: l’innovazione al centro di Agrifoodnext

Video novembre 2019

Askanews – Innovare nel settore di agrifood, garantendo la qualità al consumatore e la sostenibilità economica al produttore, è una realtà a portata di mano. Lo ha dimostrato la due giorni, che si è svolta a Siena, dal titolo AgrifoodNext, che ha messo a confronto piccoli imprenditori e mondo della ricerca, tracciando gli orizzonti futuri del settore ma raccontando innanzitutto 30 esperienze concrete di cambiamento

Inguscio, ricercatori italiani all'avanguardia per l'agroalimentare

Intervento del presidente 19/11/2019

"La buona ricerca pubblica italiana può essere di grande aiuto nell'innovazione e nello sviluppo delle produzioni sostenibili del settore agroalimentare". Lo ha dichiarato Massimo Inguscio, presidente del Consiglio nazionale delle ricerche, parlando oggi a Siena dove ha partecipato ad una tavola rotonda su innovazione e sostenibilità nell'agroalimentare organizzato nell'ambito di Agrifood Next.  

La FAO e il Cnr consolidano il rapporto con iMarine

Rassegna stampa 19/11/2019

La FAO e il Cnr hanno concordato di intensificare la loro collaborazione su iMarine, la piattaforma di condivisione basata su cloud che mira a migliorare la gestione delle risorse ittiche. Grazie all’accordo, le ampie conoscenze della FAO in materia di pesca saranno ulteriormente integrate nel portale iMarine e potranno essere sfruttate per programmi di ricerca e sviluppo di dati. La collaborazione su iMarine consente agli scienziati del Cnr e di tutto il mondo di promuovere l’Open Data e l’Open Science, estremamente utili per deframmentare i dati delle ricerche e sviluppare strumenti di monitoraggio efficaci e riutilizzabili ai fini delle scienze marine e alimentari

Il Cnr partner della XXXIII edizione di Futuro Remoto

Evento dal 21/11/2019 al 24/11/2019

Dal 21 al 24 Novembre 2019 si svolgerà a 'Città della Scienza, Napoli, la più longeva manifestazione europea di diffusione della cultura scientifica 'Futuro Remoto'. Il tema di questa XXXIII edizione 'Essere 4.0 – Storie di Rivoluzioni, Scienza e Tecnologia, da Leonardo da Vinci ad oggi' sarà esplorato con grandi mostre, laboratori e dimostrazioni, eventi, incontri e spettacoli. ll Cnr, con una partecipazione nutrita e multidisciplinare, che coinvolge numerosi istituti dell’area campana, afferenti a tutti e sette i Dipartimenti del Cnr, e la Biblioteca Centrale affronterà con le proprie attività e numerosi percorsi tematici una sfida fondamentale nell’ottica della Quinta Rivoluzione Industriale, che porterà uomo e robot a lavorare fianco a fianco

Filiera del pecorino: il Cnr promuove i pascoli sardi

Rassegna stampa 19/11/2019

Una ricchezza, quella dei pascoli sardi, che parla di specificità, e quindi di identità e di opportunità di sviluppo. La vecchia convinzione che l'agroalimentare sardo abbia una marcia in più non è solo orgoglioso campanilismo, ma ora è la scienza a supportare questa tesi. Se n'è parlato in un riuscito convegno organizzato dal Cnr-Ispaam intitolato "Pascoli naturali e qualità sensoriali e nutrizionali del latte e dei formaggi" con particolare attenzione per " Il formaggio ovino nella nutrizione umana"

La qualità dell'aria nei processi di lavorazione dei materiali legnosi

News 18/11/2019

Il 12 Novembre, presso la prestigiosa sede dell’Accademia dei Georgofili di Firenze, sono stati presentati i risultati finali del progetto FREEFORES, coordinato da Cnr-Disba e finanziato da Inail tramite del Bando Ricerca in Collaborazione (BRiC) 2016. Lo scopo del progetto è stato quello di sviluppare nuovi collanti a base organica e inorganica a bassa o nulla emissione di formaldeide per ridurre i rischi derivanti dall’uso di colle UF nei processi di lavorazione di prodotti legnosi usati nell’edilizia e negli arredi. Le soluzioni proposte nel progetto hanno suscitato grande interesse 

Longevità in buona salute

Video novembre 2019

Askanews – Garantire agli astronauti che nel prossimo futuro abiteranno le basi lunari o, ancora oltre, verdure fresche, buone e di ottima qualità da coltivare direttamente in loco con pochissimo dispendio di energia. È l’obiettivo di EDEN ISS, progetto finanziato dal programma Horizon 2020 della Commissione europea, che ha portato alla realizzazione in Antartide di una serra nella quale sono stati coltivati pomodori, cetrioli e altre verdure. Alberto Battistelli, primo ricercatore del Cnr-Iret, ha coordinato le attività dei due istituti del Cnr coinvolti nel progetto, Cnr-Iret e Cnr-Isa

Dieta e moto contro il diabete di tipo 2

Almanacco della scienza novembre 2019

In costante aumento anche tra i giovani a causa della sempre maggiore diffusione di sovrappeso e obesità, questa malattia può essere individuata grazie a sintomi piuttosto evidenti e contrastata con uno stile di vita sano e una corretta alimentazione, che preveda il consumo di frutta, verdura, cereali integrali e la riduzione di carni rosse, dolci e bibite zuccherate. Lo spiega Rosalba Giacco del Cnr-Isa

Le uve di Aglianico combattono il mesotelioma

Rassegna stampa 18/11/2019

Secondo una recente ricerca medico-scientifica, in cui sono stati impegnati ricercatori del Cnr, dell'Enea e dell’Università Federico II di Napoli, gli acini di uva, noti anche come vinaccioli, sono contraddistinti dalla presenza di molecole a dir poco portentose per la nostra salute, e in particolar modo la salute dell’intestino. Tra le loro funzioni è possibile ricordare anche la loro capacità di bloccare la crescita delle cellule cancerose del mesotelioma, tumore causato dall’esposizione alle fibre di amianto e con numeri in crescita di anno in anno

Che succederebbe se le cozze d'acqua dolce si estinguessero?

News 11/11/2019

Come le cozze di mare anche quelle d'acqua dolce sono formate da un piccolo grumo di delicati tessuti molli contenuti in un guscio duro. Si trovano sul fondo di fiumi, laghi e altri habitat di acqua dolce in tutto il mondo e sono biofiltri incredibilmente efficienti che rimuovono alghe, batteri e altro materiale, comprese molte sostanze tossiche, dalla colonna d'acqua. Sfortunatamente, le cozze d'acqua dolce sono gli animali più a rischio di estinzione. Il progetto COST ('CONservation of FREswater MUSsels: Pan-European approach', CA18239) che vede 25 Paesi alleati ha l'obiettivo di contrastare il loro declino e tra i partner anche l’Italia, con due rappresentanti nazionali appartenenti al Cnr-Irsa (Nicoletta Riccardi) e all’Università di Milano (Camilla Della Torre)

Progetto 'LivingAgro'

Area istituzionale

Cnr-Isafom è partner del progetto 'Livingagro – Cross-Border Living Laboratories for Agroforestry' finanziato dal Programma ENI CBC Med 2014-2020 con un budget totale di 3,3 milioni di Euro e che coinvolge 6 organizzazioni di 4 paesi diversi. I sistemi agroforestali, intesi come modelli multifunzionali di uso del suolo in cui coesistono sia colture agrarie, sia specie arboree e/o animali, nelle regioni mediterranee sono radicati in una solida cultura di tradizione e produzioni di nicchia. Tuttavia, seppur ampiamente diffusi in ambiente mediterraneo, tali sistemi non riescono oggi a strutturare le proprie conoscenze e innovazioni per realizzare un modello di sviluppo integrato basato sull’adozione di buone pratiche per la sostenibilità delle produzioni, la tutela della biodiversità in ecosistemi distinti, il trasferimento di innovazione e l'aumento della redditività delle realtà coinvolte. Livingagro si propone di affrontare questi problemi.

Ricercatrice Cnr-Iret nominata chair di una flagship della Ny-Alesund Science Managers Committee

News 13/11/2019

Angela Augusti, ricercatrice dell'Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri (Iret) del Cnr, è stata nominata coordinatrice della Terrestrial Ecology Flagship nell'ambito del Ny-Ålesund Science Managers Committee. La flagship raggruppa le attività di ricercatori di tutta Europa impegnati nello studio dell'ecosistema artico, soprattutto in relazione al cambiamento climatico 

Il progetto 'Pasta d'oliva'

Area istituzionale

Con 'Pasta d'oliva', il team costituito da Ispa-Cnr, Coldiretti Lecce, Coopolio Salento e il gruppo del Prof. Servili (UniPG) si propone di creare nuove opportunità agli operatori del settore olivicolo. L’idea è quella di valorizzare i sottoprodotti derivanti dalla molitura effettuata con il nuovo decanter DMF. Il sottoprodotto che si ottiene con questo decanter (pasta d’oliva) è costituito da polpa e buccia che una volta stabilizzata sarà utilizzata per realizzare prodotti da forno

PPGR: Perennial Plant Germplasm Repository

Area istituzionale

ll Perennial Plant Germplasm Repository (PPGR) rappresenta il campo collezione di germoplasma delle specie vegetali perenni mantenuto presso la sede di Palermo dell’Istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr. Gli obiettivi del PPGR sono il reperimento, l’identificazione e la conservazione delle risorse genetiche delle specie vegetali perenni di importanza strategica per l’agricoltura italiana e mediterranea

Call for abstract della 5° conferenza europea di agroforestazione, Euraf 2020

Evento dal 18/05/2020 al 20/05/2020

È aperta la call for abstract della 5° Conferenza europea sull’agroforestazione (Af), Euraf 2020, Agroforestry for the transition towards sustainability and bioeconomy (www.euraf2020.eu), promossa da Euraf, la Federazione europea di agroforestazione. Euraf 2020 si terrà in Sardegna dal 18 al 20 maggio 2020.