Scienze bio-agroalimentari

L’attività di ricerca e innovazione nei campi connessi all’agricoltura e alle scienze dell’alimentazione ha la sua regia strategica nel Dipartimento di scienze bio-agroalimentari (Disba).

Gli studi sono focalizzati nelle aree di biologia e biotecnologia, alimentazione e agricoltura sostenibile, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni tecnologiche innovative e fornire, a soggetti pubblici e privati, servizi ad alto contenuto tecnologico quali caratterizzazione e conservazione di risorse genetiche animali e vegetali, certificazione e tracciabilità delle produzioni, analisi sensoriali e/o di contaminanti e allergeni degli alimenti, miglioramento genetico di specie animali e vegetali, diagnosi fitosanitarie e previsioni agrometeorologiche per l’agricoltura di precisione.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

La biodiversità fa bene all'olio

Rassegna stampa 25/05/2020

Una partnership con il Cnr per la sostenibilità della coltivazione olivicola e migliorare la qualità dell'olio attraverso la valorizzazione della biodiversità. A portarla avanti è il Gruppo Salov che, nell'ambito del progetto, nel mese di maggio ha avviato la messa a dimora di 52 differenti varietà di olivo all’interno dell’azienda agricola Villa Filippo Berio, di proprietà del Gruppo. "Lo studio sarà funzionale al recupero di antiche cultivar toscane che sono andate in disuso nel corso degli anni e che, invece, torneranno in auge come rappresentative in una delle aree più adatte alla coltivazione dell’olivo”, spiega Claudio Cantini, tecnologo del Cnr

Una migliore tecnologia per estrarre i flavonoidi degli agrumi

Comunicato stampa 21/05/2020

Lo studio, condotto da un team di ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibe, Ismn), è pubblicato su Processes. Se saranno confermate le indagini preliminari sul ruolo di tali molecole contro il Covid-19, la metodologia per cavitazione idrodinamica sviluppata dal Cnr potrebbe renderle disponibili su vasta scala

Le nuove frontiere dell’alimentazione: Healthy food designer

Area istituzionale

Si terrà ad Avellino, in data 10-11 Settembre 2020, presso la sede dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche, il 4° Convegno organizzato dal Network CNR “NUTRHEFF – Nutraceutical Health Enhancing Functional Food”.  Nutrheff è il network promosso nel 2013 dal Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche ed è volto a favorire l’interazione, la crescita e la diffusione della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico nel campo degli alimenti funzionali e dei nutraceutici. È disponibile il first announcement con maggiori specifiche per la presentazione degli abstract e per le iscrizioni

Covid-19, carenza di vitamina D e perdita dell'olfatto e del gusto

News 21/05/2020

Un gruppo di ricercatori di varie istituzioni italiane, tra cui l'Istituto di scienze dell'alimentazione del Cnr di Avellino, e di una università americana, coordinati da Francesco Facchiano del Dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare dell’Istituto superiore di sanità, ha pubblicato il 21 maggio una lettera sull'American Journal of Physiology – Endocrinology and Metabolism, sul ruolo della vitamina D nel trattamento dei pazienti affetti da Covid-19

Premio giovani ricercatori edizione 2020

News 14/05/2020

Il Gruppo 2003 per la ricerca scientifica indice la seconda edizione del “Premio Giovani Ricercatori 2020” per promuovere l’attività di ricerca e richiamare l’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica sulle nuove generazioni di scienziati e scienziate, risorsa preziosa per il futuro del nostro Paese. Il prenio riconscerà sarà assegnato ai migliori studi di giovani che lavorano in Italia in diverse aree scientifiche tra le quali: Agricoltura, Alimenti e nutrizione e Ambiente.  Scadenza delle candidature 20 giugno

La scienza e le sue battaglie

Almanacco della scienza maggio 2020

Questo il tema affrontato da Roberto Defez, dell'Istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr, in “Scoperta” (Codice edizioni), proposto da Roberto Reali del Dipartimento di scienze bioagroalimentari. Il volume evidenzia l'obiettivo di tornare “alle origini di quella particolare e umana conoscenza e alla storia della sua vicenda, in un mondo che rischia ogni giorno di perdere questo filo d'Arianna dentro un labirinto sempre più complicato"

Spauracchio siccità? Una soluzione sono le acque reflue

Rassegna stamoa 08/05/2020

In Puglia e in Emilia Romagna la situazione idrica non è buona e si teme per la stagione produttiva. A contribuire a risolvere il problema potrebbero essere le acque reflue depurate. A lavorare su questi argomenti è il progetto Ecoloop, di cui Cnr-Ispa e Cnr-Irsa sono partner, nato in Puglia per riutilizzare in agricoltura, in maniera smart, gli oltre 270 milioni di metri cubi di acqua depurata dall'Acquedotto pugliese. Una risorsa che sarebbe in grado di soddisfare un terzo del fabbisogno idrico regionale

Carne: quando e come sostituirla

Rassegna stampa 07/05/2020

Secondo i dati del Rapporto Italia 2020 dell’Eurispes, il 6,7% dei connazionali si dichiara vegetariano e il 2,2% vegano, per un totale dell’8,9% della popolazione, in aumento rispetto al 2019 (7,1%) e al 2018 (7,3%). In molti casi, questa scelta si inserisce in un più ampio quadro di attenzione alla salute e al benessere, in altri al rispetto per gli animali e l’ambiente. “Nella Dieta mediterranea, universalmente riconosciuta come modello di alimentazione sana ed equilibrata, la carne è consumata meno di tre volte la settimana e le porzioni non superano i 150 grammi”, dice  Giacco ddel Cnr-Isa

Il barattiere, tra cetriolo e melone

Rassegna stampa 07/05/2020

Nell'ambito del progetto 'Biodiversità delle Specie Orticole della Puglia (BiodiverSO)' finanziato con i Programmi di Sviluppo Rurale della Puglia 2007-2013 e 2014-2020, il barattiere è stato caratterizzato dal punto di vista qualitativo ed i risultati della ricerca sono stati appena pubblicati, in un articolo scientifico ad accesso aperto, sulla rivista scientifica internazionale 'Plants' dai ricercatori del Cnr-Ispa e del Dipartimento di scienze agro-ambientali e territoriali dell'Università degli studi di Bari Aldo Moro, in collaborazione con la Cooperativa Progresso Agricolo di Fasano che ha ospitato le prove sperimentali in campo

"Decreto Rilancio": il commento del presidente del Cnr Massimo Inguscio

Nota stampa 14/05/2020

"Decreto Rilancio": apprezzamento del presidente del Cnr per lavoro del Governo e del Ministro Manfredi per il sistema dell’alta formazione e della ricerca pubblica quale infrastruttura strategica per il progresso e sviluppo dell'Italia.  Il provvedimento stanzia – tra l’altro - 1,4 miliardi di euro per rilanciare il sistema dell’alta formazione e della ricerca, prevede 4.000 nuovi posti per ricercatori, anche mediante rientri dall’estero, e 600 milioni di euro per finanziare il nuovo Piano Nazionale della Ricerca che il Ministero dell’Università e della Ricerca sta costruendo secondo il nuovo paradigma che il momento impone, con il contributo di tutte le competenze della comunità scientifica