Scienze bio-agroalimentari

L’attività di ricerca e innovazione nei campi connessi all’agricoltura e alle scienze dell’alimentazione ha la sua regia strategica nel Dipartimento di scienze bio-agroalimentari (Disba).

Gli studi sono focalizzati nelle aree di biologia e biotecnologia, alimentazione e agricoltura sostenibile, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni tecnologiche innovative e fornire, a soggetti pubblici e privati, servizi ad alto contenuto tecnologico quali caratterizzazione e conservazione di risorse genetiche animali e vegetali, certificazione e tracciabilità delle produzioni, analisi sensoriali e/o di contaminanti e allergeni degli alimenti, miglioramento genetico di specie animali e vegetali, diagnosi fitosanitarie e previsioni agrometeorologiche per l’agricoltura di precisione.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Dai vegetali il colorante del futuro

Rassegna stampa 20/06/2019

Negli ultimi anni sono stati impiegati sempre di più non solo i coloranti naturali, ma anche estratti vegetali coloranti, frutto di recenti scoperte scientifiche, valida alternativa ai coloranti di laboratorio che aggiungono anche proprietà aromatiche e nutrizionali agli alimenti.  Lo conferma in una intervista al 'Manifesto' Govanna Giovinazzo, ricercatrice del Cnr-Ispaam di Lecce esperta del metabolismo secondario delle piante

Memorandum of Understanding tra Cnr e Fraunhofer

Comunicato stampa 12/06/2019

Il Consiglio nazionale delle ricerche e il Fraunhofer tedesco hanno sottoscritto un'intesa ieri, presso la sede del Cnr a Roma. L'accordo è stato siglato dal presidente del Cnr Massimo Inguscio e dal presidente del Fraunhofer Reimund Neugebauer. Il Cnr è il maggiore Ente di ricerca pubblico italiano, il Fraunhofer è l'istituzione leader in Europa per la ricerca applicata. Con questo accordo, le parti vogliono sviluppare le attività congiunte, tra l’altro, nei settori delle comunicazioni quantistiche, dell'agricoltura intelligente, dei beni culturali, dell'industria 4.0

Spazio agricolo. Coltivare per il cosmo, aiutare la Terra

Rassegna stampa 12/06/2019

Su 'Il Foglio-48ore' un articolo di Alberto Battistelli, Cnr-Iret, sulle attività del progetto EDEN ISS, finanziato dal programma europeo di ricerca e innovazione Horizon 2020. Il progetto è finalizzato allo sviluppo di tecnologie utili per coltivare cibo in sistemi biorigenerativi da utilizzare a bordo dell’International Space Station (ISS) o nelle future missioni spaziali a lunga permanenza su basi planetarie

Oltre il genoma: quali opportunità per la filiera del frumento duro?

Evento 01/07/2019

SAVE THE DATE: In occasione della recente pubblicazione su Nature Genetics della sequenza del genoma del grano duro, il Cnr, il Crea e l’Università di Bologna organizzano un incontro per spiegare le conseguenze pratiche del sequenziamento del genoma sulla filiera del grano duro e della pasta. Perché la conoscenza del genoma permette di gestire in modo più efficiente la biodiversità? Come il genoma renderà più efficace il miglioramento genetico? Quali geni controllano i caratteri qualitativi? Quali saranno le ricadute della genomica del grano duro sulla cerealicoltura italiana? Queste ed altre domande saranno affrontate nel corso di un incontro che si terrà il 1 luglio 2019 presso la sala Marconi del Cnr

Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro. 'La Biodiversità: dall'ambiente all'uomo'

News 11/06/2019

Il 27 Maggio 2019 si è proficuamente concluso il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro (ASL), che ha visto coinvolti due Istituti Cnr dell’Area di ricerca Napoli 1, l’Istituto di genetica e biofisica 'Adriano Buzzati-Traverso' (Igb-Abt) e l’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri-Uos di Napoli (Iret) in collaborazione con il Liceo Ginnasio statale 'Gian Battista Vico' di Napoli

Le invenzioni per la sicurezza alimentare

Almanacco della scienza giugno 2019

Tra i brevetti presentati dal Cnr a InnovAgorà alcuni garantiscono la sicurezza dei prodotti alimentari. 'Bioristor' è un sistema biocompatibile e non invasivo, in grado di analizzare la concentrazione ionica della linfa di una pianta, monitorarne lo stato fisiologico e riconoscere l'insorgenza di eventuali stress biotici e abiotici, permettendo così di ottimizzare l'uso di acqua, concimi e antiparassitari.  Autore dell'invenzione Nicola Coppedè dell'Istituto dei materiali per l'elettronica e il magnetismo (Imem) del Cnr di Parma

Uno stop al latte straniero nella mozzarella di bufala

Rassegna stampa 10/06/2019

I ricercatori dell’Istituto per il sistema produzione animale in ambiente mediterraneo del Cnr hanno messo a punto un sistema in grado di rilevare una delle forme di adulterazione più comuni della mozzarella di bufala campana DOP.. Questa scoperta consentirà di realizzare test di routine veloci ed economici per individuare eventuali adulterazioni di latte e formaggi da bufala campana con materie prime provenienti al di fuori dell’area di produzione

Le lenticchie dei nonni sapore futuro

Rassegna stampa 12/06/2019

Gli antichi semi della lenticchia di Altamura avranno nuova vita. Sono stati rimessi in campo grazie al recupero degli ecotipi che sono conservati nella banca dati dell'Istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr sin dagli anni '60 e '70.  E un accordo è stato firmato per il brevetto di una nuova varietà

OISAIR Proof of Concept Call: Open

News 12/06/2019

Il 21 maggio si è ufficialmente aperta la OIS-AIR Proof of Concept Call, tesa a valorizzare i risultati della ricerca scientifica nell’area adriatico ionica. L’iniziativa si inserisce nel quadro del progetto europeo OIS-AIR che ha l’obiettivo di promuovere un sistema di Open Innovation nella macro-regione Adriatico-Ionica

Progetto HEAT-SHIELD: un workshop per discutere di 'stress da calore' sul lavoro

Video giugno 2019

La salute e la produttività sul posto di lavoro, potrebbero risentire in negativo degli effetti del caldo. Per questo sono state messe a punto alcune soluzioni innovative e misure preventive al fine di tutelare i lavoratori dalle elevate temperature. L’individuazione delle strategie di contrasto sono opera del progetto HEAT-SHIELD (Integrated Inter-Sector Framework To Increase The ThermalResilience Of European Workers In The Context Of Global Warming), finanziato dal programma Horizon 2020 e messo a punto da tre partner: il Dipartimento di prevenzione, Azienda USL Toscana Centro, il Dipartimento di scienze e tecnologie agrarie, alimentari e forestali dell’Università di Firenze e l’Istituto di biometeorologia del Cnr. La piattaforma è disponibile all’indirizzo: http://heatshield.zonalab.it/

I cambiamenti climatici responsabili dell'incidenza crescente di Parietaria Mottle Virus su Pomodoro

Rassegna stampa 10/06/2019

"In uno scenario di cambiamenti climatici, sta aumentando l'incidenza del parietaria mottle virus (PMoV, genere Ilarvirus, famiglia Bromoviridae) su pomodoro, fino a raggiungere incidenze del 30%, specie in serra; ciò è conseguenza dell'ampliamento del periodo di fioritura della Parietaria officinalis, principale serbatoio del virus, che ormai abbraccia tutto l'anno". Questo è quanto riportano i ricercatori Giuseppe Parrella, Elisa Troiano dell'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr di Portici durante un'intervista con FreshPlaza

Quinoa Coltivazione, Proprietà nutrizionali ed effetti sulla salute umana

Area istituzionale

E’ stato recentemente pubblicato un interessante libro dal titolo 'Quinoa: Cultivation, Nutritional Properties and Effects on Health' i cui curatori Editoriali sono stati Pier Giorgio Peiretti e Francesco Gai ricercatori del Cnr-Ispa di Torino. Alla stesura di alcuni capitoli del libro hanno partecipato oltre ai due editori anche altri ricercatori Cnr afferenti al Cnr-Disba, fra cui Maria Grazia Melilli dell’Istituto per i sistemi agricoli e forestali del mediterraneo di Catania e Francesco Damiani dell’Istituto di bioscienze e biorisorse di Perugia