Scienze fisiche e tecnologie della materia

Il coordinamento dell’area fisico-materia fa capo al Dipartimento scienze fisiche e tecnologie della materia (Dsftm). Le principali tematiche di ricerca sono lo sviluppo di nanostrutture basate su semiconduttori, ossidi, materiali organici e magnetici, superconduttori e ibridi, sistemi laser e fotonici, sensori e dispositivi con applicazioni in microelettronica, energia, health care e Ict; strumentazione avanzata e nuove metodologie di indagine per estendere la frontiera della conoscenza nella scienza della materia soffice condensata, dei materiali complessi e dei sistemi biologici a tutti i livelli di scala.

Nel campo delle scienze e tecnologie quantistiche, un ruolo di primo piano rivestono le tecnologie nell’ambito della manipolazione e del trasferimento dell’informazione, con l’obiettivo ultimo di contribuire alla realizzazione di dispositivi di elaborazione dell’informazione dalle caratteristiche ineguagliabili rispetto ai sistemi classici.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Informativa sui contratti attivati dal Cnr con i principali editori internazionali

News 03/06/2020

La Biblioteca Centrale del Cnr stipula, dal 2011, contratti per l’accesso alle pubblicazioni dei maggiori editori scientifici per tutto il personale del Cnr. Il lavoro inerente il rinnovo dei contratti di abbonamento e i rapporti con gli editori è svolto all’interno del Comitato di coordinamento permanente per la gestione delle Biblioteche del Cnr.  Dal 2019 è iniziato un dialogo con gli editori affinché nelle proposte contrattuali fosse incluso il costo delle pubblicazioni Open Access (OA) degli autori del Cnr

Virtual Conference on Thermoelectrics-VCT2020

Evento dal 21/07/2020 al 23/07/2020

In seguito alla cancellazione per Covid-19 di entrambe le conferenze, europea ed internazionale, sulla termoelettricità del 2020 - European Conference on Thermoelectrics/ECT2020 e International Conference on Thermoelectrics/ICT2020 - l’International Thermoelectric Society ha promosso la prima edizione della Virtual Conference on Thermoelectrics 2020/ VCT2020 (https://conferences.mines.edu/vct2020/), con Alessia Famengo e Monica Fabrizio dell'Istituto di chimica della materia condensata e di tecnologie per l'energia (Cnr-Icmate) parte del comitato organizzatore

Nuova scadenza Bando CNR - RS (Regno Unito). Programma di attività per il biennio 2021-2022

News 21/05/2020

In riferimento al bando in oggetto, prot. n. 0026129/2020 del 17/04/2020, si comunica che, su richiesta della Royal Society (Regno Unito), la scadenza del bando è stata prorogata fino a lunedì 15 giugno 2020 alle ore 12.00.

"Science and Techology Foresight": linee di ricerca e approcci innovativi per guardare al futuro

News 30/05/2020

Sulla piattaforma Cnr Outreach una overview del progetto interdisciplinare coordinato dall'Ente, che intende definire una visione di medio e lungo periodo in funzione della quale individuare delle strategie di sviluppo della ricerca in grado di rispondere ai gravi problemi emergenti nella società

Il polimero bidimensionale oltre il grafene diventa realtà

News 18/05/2020

Un team interazionale che coinvolge l'Istituto di struttura della materia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ism) con il laboratorio SAMOS, guidato da Giorgio Contini, e i ricercatori canadesi di Inrs e McGill University (Quebec) e Lakehead University (Ontario), ha ottenuto la sintesi di un polimero coniugato in due dimensioni, realizzando un materiale precedentemente previsto solo da studi teorici. I risultati della ricerca, pubblicati su Nature Materials, segnano una pietra miliare nello sviluppo, su larga scala, di polimeri coniugati 2D - oltre il grafene - che possono essere utilizzati come elementi attivi in dispositivi elettronici e optoelettronici

Una goccia che evapora diventa uno spettrometro per l’analisi chimica

Comunicato stampa 13/05/2020

All’Istituto nazionale di ottica del Cnr è stato dimostrato un metodo unico per l’analisi spettrochimica dei materiali che si basa sull’evaporazione di una goccia di liquido poggiata sulla punta di una fibra ottica attraversata dalla luce. I risultati dell’esperimento, descritto su Nature Communications, permettono la realizzazione di un nuovo tipo di spettrometro automatico, miniaturizzato ed economico, che apre un nuovo orizzonte di applicazioni per la spettroscopia e il sensing biochimico

'L'Urlo' di Munch: trovata la soluzione per evitarne lo scolorimento

Comunicato stampa 15/05/2020

È l'umidità, non la luce, il principale fattore di degrado dei pigmenti gialli di cadmio impiegati dal pittore nel suo celebre quadro. La scoperta è frutto di un’indagine condotta da un team internazionale coordinato dal Consiglio nazionale delle ricerche. Grazie all’utilizzo di metodologie spettroscopiche non-invasive del Cnr Molab, e micro-analisi presso l’ESRF di Grenoble, si è giunti ad un risultato che suggerisce le condizioni ambientali ottimali per esporre l’opera, finora raramente fruibile a causa delle sue delicate condizioni. Lo studio è pubblicato sulla rivista ‘Science Advances’

Così il carburo di silicio "cubico" rivoluzionerà l'elettronica di potenza

News 30/04/2020

I ricercatori dell’Istituto per la microelettronica e i microsistemi (Cnr-Imm) di Catania hanno dimostrato, tramite  uno studio teorico e sperimentale, come “controllare” le imperfezioni cristalline all'interno del carburo di silicio cubico. La capacità di manipolare tale materiale, potenzialmente superiore rispetto al silicio e al carburo di silicio esagonale, potrebbe rivelarsi rivoluzionaria nel campo della microelettronica. Lo studio è pubblicato sulla rivista Applied Physics Reviews ed è stato selezionato dell'editorial board come “Featured Article”

Dalla conservazione degli arazzi agli “smart clothes”

Almanacco della scienza Aprile 2020

Il restauro e la manutenzione di manufatti tessili, quali gli arazzi, richiedono molto tempo e competenze trasversali, dalla storia dell'arte alla chimica, fino alla fisica. Inutile dire che una buona manualità è indispensabile. Le tecniche di caratterizzazione di questi materiali, inoltre, permettono di dare una sbirciata ai vestiti del futuro. Ne abbiamo parlato con Fernanda Prestileo del Cnr-Isac e con Luana Persano del Cnr-Nano