Scienze fisiche e tecnologie della materia

Il coordinamento dell’area fisico-materia fa capo al Dipartimento scienze fisiche e tecnologie della materia (Dsftm). Le principali tematiche di ricerca sono lo sviluppo di nanostrutture basate su semiconduttori, ossidi, materiali organici e magnetici, superconduttori e ibridi, sistemi laser e fotonici, sensori e dispositivi con applicazioni in microelettronica, energia, health care e Ict; strumentazione avanzata e nuove metodologie di indagine per estendere la frontiera della conoscenza nella scienza della materia soffice condensata, dei materiali complessi e dei sistemi biologici a tutti i livelli di scala.

Nel campo delle scienze e tecnologie quantistiche, un ruolo di primo piano rivestono le tecnologie nell’ambito della manipolazione e del trasferimento dell’informazione, con l’obiettivo ultimo di contribuire alla realizzazione di dispositivi di elaborazione dell’informazione dalle caratteristiche ineguagliabili rispetto ai sistemi classici.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

L'infrastruttura di ricerca Elixir-It a supporto degli studi sul Covid-19

News 06/04/2020

Il Consiglio nazionale delle ricerche coordina il nodo italiano della infrastruttura di ricerca europea per la bioinformatica e i dati biologici, che mette a disposizione della comunità scientifica impegnata nello studio di Sars-CoV-2, competenze in ambito di servizi di calcolo, dati e strumenti bioinformatici

Le nanotecnologie che permettono di ascoltare il dialogo tra le cellule a stella del cervello

Comunicato stampa 30/03/2020

Una ricerca coordinata dal Cnr-Isof in collaborazione con il Cnr-Imm dimostra che, sebbene siano 'non eccitabili', gli astrociti hanno una propria attività bioelettrica di eccitazione e comunicazione. Pubblicato su Advanced Biosystems lo studio presenta possibili applicazioni nanotecnologiche per la cura di patologie come epilessia e ictus

Predire l'evoluzione della sclerosi multipla con l'intelligenza artificiale

News 26/03/2020

Uno studio interdisciplinare nato dalla collaborazione tra quattro diversi dipartimenti della Sapienza Università di Roma, che ha coinvolto anche fisici dell'Istituto dei sistemi complessi (Cnr-Isc), ha individuato un nuovo paradigma per predire lo sviluppo della sclerosi multipla nel medio periodo utilizzando algoritmi di machine learning e dati medici disponibili nella comune pratica clinica

Covid-19: in presenza di misure di contenimento la velocità della pandemia segue la legge di crescita osservata in materiali quantistici complessi

News 19/03/2020

Secondo un gruppo di ricercatori dell’Istituto di cristallografia (Ic) del Cnr in collaborazione con l’Istituto nazionale di fisica nucleare, il Centro RICMASS della Superstripes-onlus e l’Unità di fisica della Scuola di farmacia dell’Università di Camerino, la legge di crescita del contagio mostra come le misure di contenimento mutano la crescita esponenziale rendendola del tipo di crescita "arrestata" o "frustrata", già osservata nei sistemi e materiali quantistici. Ciò dimostra, pertanto, l'efficacia delle misure adottate

La termoelettricità è possibile anche in materiali nei quali si riteneva non potesse esistere

News 16/03/2020

All'Istituto nanoscienze del Cnr identificato un nuovo meccanismo di termoelettricità nei materiali superconduttori, materiali per i quali si pensava fosse “impossibile”. Lo studio, pubblicato su 'Physical Review Letters', permetterà di studiare nuovi modi di generare termoelettricità e apre alla realizzazione di memorie termoelettriche, rivelatori ultrasensibili o di altre tecnologie quantistiche

Modelli matematici per la previsione della diffusione dell'epidemia COVID-19

Nota stampa 17/03/2020

Nota dell’Istituto per le applicazioni del calcolo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac) su una previsione della diffusione del Coronavirus, realizzata con modelli matematici che utilizzano i dati forniti dalla Protezione Civile, aggiornati al 16 marzo

Analisi numerica dei dati relativi alla diffusione del Covid-19 in Italia e nel mondo

Nota stampa 14/03/2020

Ll'Istituto superconduttori, materiali innovativi e dispositivi (Cnr-Spin) del Cnr di Napoli ha realizzato un'analisi numerica dei dati relativi alla diffusione del Covid-19 in Italia e nel mondo, in cui vengono osservati i diversi andamenti funzionali che descrivono l'espansione del virus, paese per paese, in diverse fasi dell'epidemia