Scienze del sistema Terra e tecnologie per l'ambiente

L’osservazione del sistema Terra e la comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che regolano il nostro Pianeta sono alla base degli studi condotti dal Dipartimento scienze del sistema Terra e tecnologie per l’ambiente (Dta) ambiti sui quali è il principale riferimento per le politiche italiane ed europee. Le attività spaziano dalle ricerche sul clima e sull’atmosfera ai sistemi acquatici e terrestri, alla comprensione dell’evoluzione dell’ambiente anche attraverso l’analisi dei dati e il loro inserimento in modelli matematici. Il Dipartimento coordina il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra) e gestisce l’infrastruttura artica ‘Stazione dirigibile Italia’ a Ny-Alesund, nell’arcipelago delle Svalbard.

Scarica la brochure - Guarda il video di presentazione del Dipartimento.

Quanto durerà il terremoto? Ce lo dice la crosta terrestre

Comunicato stampa 13/12/2017

Le sequenze sismiche in aree estensionali mediamente hanno una magnitudo più bassa, ma durano di più rispetto a quelle in ambienti compressivi. Lo dimostra uno studio, condotto da Sapienza Università di Roma, Ingv e Cnr, che spiega anche l’imponente e persistente corteo di repliche dell’Appennino, 80.000 in 15 mesi. Il lavoro è stato pubblicato su Scientific Reports

Italia del Nord tra frane e alluvioni

Comunicato stampa 13/12/2017

Il più colpito dagli eventi calamitosi è risultato il Piemonte con 513 siti, seguito dalla Liguria (413), che però è la prima in proporzione alla superficie e come numero di vittime. I dati – che considerano anche Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna – derivano dal volume ‘Eventi di piena e frana in Italia settentrionale’ in cui l’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica del Cnr ha raccolto i dati sui 2.125 siti colpiti dal 2005 al 2016. La pubblicazione è stata presentata oggi,  13 dicembre,  a Torino, presso la Sala della Cavallerizza

Dinamiche dei laghi glaciali legate all'arretramento dei ghiacciai: evidenze passate e scenari futuri nelle Alpi Occidentali Italiane

Evento 19/12/2017

Istituto per lo studio degli ecosistemi, Ise-Cnr. Seminario di Cristina Viani (Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Torino). Il progressivo arretramento e la scomparsa delle masse glaciali, iniziato a partire dalla fine della Piccola Età Glaciale (PEG 1850 ca.), ha prodotto e sta producendo delle modifiche sostanziali negli ambienti di alta quota: una delle conseguenze più evidenti e rilevanti è la comparsa di laghi glaciali

Climate service for disaster prevention

Video Dicembre 2017

I cambiamenti climatici rappresentano una delle principali cause di perdita di vite umane nei paesi dell’Africa occidentale. Per questo è necessario ampliare la cooperazione, specie nelle aree più sensibili del pianeta. E’ nato con questo intento il corso ‘Climate service for disaster prevention’, inauguratosi a Firenze, presso l’Area della ricerca del Cnr, alla presenza di Francesco Loreto, direttore del Dipartimento di scienze bio-agroalimentari (Disba-Cnr)

Da foglie cadute nei boschi quantità di idrocarburi fuorilegge

Rassegna stampa 15/12/2017

Uno studio condotto da scienziati dell'Università Ca' Foscari di Venezia e dell'Istituto per la dinamica dei processi ambientali del Cnr (Idpa), in collaborazione con un'azienda padovana, rivela contaminazione del suolo 4 volte oltre limiti

 

 

Safeguarding cultural heritage from natural and man-made disasters

Evento 23/01/2017

Joint Communication Event in the framework of Interreg Central Europe ProtreCHt2save and Contract EAC-2016-0248. The main objective of this event is to present an overview on the progress of current relevant European studies and initiatives on Cultural Heritage Risk Management. It also aims to increase the awareness, need and requirement of stakeholders and policy makers who are involved in disaster risk reduction processes to become more integrated in their overall approach and ameliorating intentions

Smog in calo a Roma per riscaldamenti spenti e vento

Rassegna stampa 15/12/2017

Nicola Pirone, direttore dell'Istituto sull'Inquinamento Atmosferico del Cnr (IIA), spiega in questa intervista come  nel 2017 si siano superati solo 21 volte i limiti delle polveri sottili

Il National Geographic premia le ricerche sul mare

Almanacco dicembre 2017

Scade il 1 gennaio 2018 il concorso promosso dalla società scientifica che attribuisce borse di ricerca ai migliori lavori sulla tutela dell'ambiente marino e degli oceani. La partecipazione è aperta a giovani studiosi europei

Master universitario di I livello 'Pianificazione e progettazione sostenibile delle aree portuali'

Evento dall'1/11/2017 al 31/10/2018

L'Istituto di ricerca su innovazione e servizi per lo Sviluppo del cnr (Iriss-Cnr) contribuisce con i suoi esperti  all'attuale edizione del Master universitario di II livello “Pianificazione e progettazione sostenibile delle aree portuali”. Il Master si pone l’obiettivo di fornire gli approcci e gli strumenti per attivare processi rigenerativi delle aree portuali, fondati su rapporti di simbiosi tra porto e città, in una prospettiva di circolarizzazione economica, mediante tecniche innovative di supporto alla elaborazione di scelte progettuali sostenibili

Una nuova estate antartica: diario di viaggio

Speciale 2017/2018

Alla sua decima esperienza in Antartide, è in partenza per la Stazione Concordia Giuseppe Camporeale, tecnico dell’Istituto di studi sui sistemi intelligenti per l’automazione (Issia-Cnr).  Obiettivo: collaborare alle attività del progetto ‘OSS-10 Osservatorio Meteo-Climatologico Antartico a Concordia’ coordinato dal Laboratorio di osservazione e analisi della Terra e del clima dell’Enea

Isac-Cnr: 2017 anno più secco degli ultimi due secoli

Nota stampa 04/12/2017

Secondo i dati dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche, dal 1800 a oggi il 2017 emerge come anno meno piovoso. L'anno appena trascorso è stato inoltre il quarto per temperature, con 1,3°C di anomalia positiva rispetto alla media

Centro per la Microzonazione Sismica e le sue applicazioni

Area istituzionale

Il CentroMS svolge attività di supporto e coordinamento scientifico degli studi di microzonazione sismica di livello III, nei confronti dei Comuni interessati e dei professionisti affidatari degli incarichi, come da Ordinanza N.24 del 12 maggio 2017