Istituto per i sistemi agricoli e forestali del mediterraneo (ISAFoM)

Attività di ricerca

Le numerose e specifiche competenze scientifiche che sono confluite nell'ISAFOM al momento della sua costituzione, portano l'attività di ricerca a svolgersi su diverse tematiche che si estrinsecano in progetti di ricerca nazionali, regionali, e internazionali e con specifiche collaborazioni e protocolli d'Intesa con Università italiane ed estere e partner privati.

L'approccio multidisciplinare (biologico, fisiologico, biotecnologico agronomico, modellistico ecc.) al problema della sostenibilità della produzione vegetale agraria e dei sistemi forestali nell'ambiente considerato, permette di effettuare studi e ricerche scientificamente qualificati sia sul territorio che sulla singola pianta, e investe quasi tutte le specie forestali e agrarie di preminente importanza economica degli ambienti a clima mediterraneo (olivo, leguminose da granella, pomodoro, carciofo,ecc.).

Dovendo illustrare l'organizzazione dell'attività di ricerca svolta dall'ISAFOM, è opportuno presentarla per obiettivi suddivisi in linee di attività.

Obiettivo 1 - Analisi dei meccanismi di risposta di colture erbacee, arboree, delle formazioni forestali e della rizosfera agli stress abiotici (termici, idrici, salini).

Linea 1.1. Effetto di stress abiotici sui processi ecofisiologici con particolare attenzione all'efficienza di uso dell'acqua;
Linea 1.2. Analisi, caratterizzazione, conservazione e miglioramento delle risorse genetiche per finalità agronomiche, energetiche, ambientali e nutrizionali (ordinamenti colturali innovativi, banca del germoplasma di colture mediterranee tipiche in situ e ex-situ; collezione di varietà internazionali di olivo);
Linea 1.3. Studio dei fattori biologici, microbiologici, biochimici e fisici che determinano struttura, funzionalità e composizione della rizosfera.

Obiettivo 2 - Analisi della risposta del territorio all'uso agricolo e forestale, agli stress abiotici alle pressioni antropiche e ai cambiamenti ambientali.

Linea 2.1. Analisi dei processi idrologici, dei cicli del carbonio e dell'azoto e della biodiversità per la gestione e conservazione del suolo e dei sistemi agricoli e forestali;
Linea 2.2. Studio degli ecosistemi agricoli dominati da colture arboree tipiche (vite, olivo): i) caratterizzazione delle proprietà dei suoli e del substrato geologico; ii) risposta quali-quantitativa della produzione a fattori dell'ambiente fisico;
Linea 2.3. Risposta delle colture e del territorio rurale alla disponibilità idrica, alla qualità delle acque irrigue ed alla variabilità climatica ed opzioni di adattamento all'evoluzione del clima;
Linea 2.4. Studio integrato su ciclo di carbonio e acqua in ecosistemi forestali: funzionalità delle foreste, regolazione dei cicli e risposte di lungo termine ai cambiamenti ambientali in ambiente Mediterraneo;
Linea 2.5. Scambi di massa e di energia con l'atmosfera degli ecosistemi agrari, forestali e antropici.

Obiettivo 3 - Sviluppo di soluzioni tecniche per il miglioramento della produttività primaria, della qualità totale dei prodotti e della loro valorizzazione post-raccolta.

Linea 3.1. Effetti di biologia e tecniche di conservazione (temperatura, umidità, atmosfera controllata) sulle caratteristiche di qualità di prodotti destinati alla IV gamma;
Linea 3.2. Caratterizzazione, trasformazione, recupero di prodotti di scarto di lavorazione industriale, valutazione della compatibilità ambientale e dell'analisi economica e giuridica di: i) colture no-food, ii) algali, iii) sottoprodotti agroindustriali per fini agronomici, per la produzione di energie alternative e chimica verde;
Linea 3.3. Analisi delle emissioni e bilanci di massa realizzati in impianti per il compostaggio degli scarti agro-industriali in scala di laboratorio;
Linea 3.4. Biotecnologie per la valorizzazione della produzione e dei processi di conservazione (shelf-life) di prodotti vegetali innovativi con caratteristiche nutraceutiche e salutistiche (ad alto contenuto di sostanze bio-funzionali). Recupero di molecole bioattive da scarti agroindustriali.


Obiettivo 4 - Sviluppo di soluzioni tecniche a livello territoriale per la conservazione e la gestione delle risorse idriche, del patrimonio vegetale e del suolo

Linea 4.1. Sviluppo di modelli colturali e di sistemi geospaziali di supporto alle decisioni per la gestione dei sistemi colturali, del suolo e dell'acqua;
Linea 4.2. Modalità d'uso sostenibile dell'irrigazione anche con acque saline e di scarsa qualità;
Linea 4.3. Sviluppo ed applicazione di modelli idrologici ed erosivi ai fini della valutazione degli interventi selvicolturali e della funzionalità dei sistemi forestali;
Linea 4.4. Analisi e gestione di ecosistemi fluviali e costieri;
Linea 4.5. Sviluppo e integrazione di tecniche di inventariazione, di monitoraggio, di modellistica e sistemi informativi geografici (web-GIS) nella filiera ambiente-foreste-legno.