Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici (ISTEC)

Collaborazioni

NETWORK NAZIONALE

Nel processo di crescita, stimolato negli anni dalla partecipazione a progetti di respiro nazionale ed internazionale, e dal continuo confronto con la comunità scientifica, ISTEC ha rafforzato le proprie competenze scientifiche e tecnologiche consolidando una ricca ed articolata Rete Relazionale e di Collaborazioni.

Il percorso di sviluppo di ISTEC è stato accompagnato da iniziative promosse per stimolare e creare un'aggregazione territoriale di nuove infrastrutture in un luogo fisico ad elevata contiguità che comprendessero istituzioni dedite non solo alla ricerca ma anche al trasferimento tecnologico, alla formazione e cultura ceramica.
Le azioni, condivise e supportate da diverse amministrazioni interessate, hanno quindi fatto crescere in loco, nei pressi della sede dell'ISTEC diverse strutture dedicate a

-ricerca e sviluppo in settori affini (Laboratori di Ricerca dell'Enea)
-trasferimento di tecnologie ed erogazione di servizi alle Imprese ( Centuria-RIT, Parco Scientifico Tecnologico della Romagna).
-analisi e certificazione per le imprese nei settori de i materiali da costruzione (Laboratorio CertiMaC co-fondato e co-partecipato da Enea ed ISTEC che ne sono anche i soci di maggioranza).
-iniziative di Spin-off: IPECC S.c.r.l, Fin-ceramica Faenza (nata come spin-off negli anni '90 e ora impresa S.p.A)
- sostegno alla creazione di nuova impresa. Dietro cessione della licenza in esclusiva del brevetto ISTE CNRC: Impianti per sostituzioni ossee "load-bearing" ad architettura gerarchicamente organizzata derivata dalla trasformazione di strutture vegetali" è stata creata l'azienda Ermine Technology (18.12.2014), con cui ISTEC ha attivato convenzioni e contratti di ricerca attivi.

La ricchezza del tessuto culturale locale e l'esigenza di una maggiore integrazione fra i diversi attori ha stimolato verso l'interesse comune di interfacciarsi con un contesto industriale rivolto verso le nuove tecnologie, attivando uno strumento innovativo per lo sviluppo economico del territorio: il Parco delle Arti e delle Scienze "Evangelista Torricelli" - Faventia, attualmente costituito nel suo primo nucleo destinato ad "incubatore" di impresa.
ISTEC ha partecipato alla rete regionale HighMech con il Laboratorio di Alta Tecnologia (MatMec), a progetti Spinner e PRRIITT e alla fase operativa dei Progetti definiti Tecnopoli. La Regione ha incluso ISTEC tra le strutture dedicate a Ricerca e Innovazione come una delle sedi di Laboratorio accreditato della Rete Alta Tecnologia, orientati allo sviluppo di infrastrutture innovative nei sistemi produttivi territoriali, al sostegno dell'insediamento di nuovi laboratori di ricerca e di nuove imprese derivanti dai risultati della ricerca.

ISTEC partecipa all'organizzazione di eventi (workshop, seminmanri, scuole, fiere) a cadenza regolare indirizzati all'intro tra operatori della ricerca e innovazione del comparto industriale. In particolare aderisce alle iniziative pormosse e sostenute sa Aster (Regione Emilia Romagna) per la diffusiONe delle informazioni e sede di incontri e scambi, quale per es. l'evento annuale R2B e la partecipazione alle piattaforme regionali. Stante la diversificazione di competenze all'interno dell'istituto, ricercatori ISTEC sono presnti nelle seguenti piattaforme regionali: Meccanica e Materiali, Costruzioni, Energia e Ambiente e Scienze della Vita.

Una fitta rete di collaborazioni scientifiche consente al personale dell'ISTEC contatti frequenti con la comunità scientifica istituzionale (Università, Enti di Ricerca) ma anche con realtà industriali ed imprenditoriali. Risulta anche di rilievo una numerosa persenza in piattaforme e grupopi di lavoro nazionali.
Le principali collaborazioni sono elencate a corredo nel campo dedicato.


NETWORK INTERNAZIONALE

Fin dai primi anni '80, la presenza dell'ISTEC sullo scenario internazionale è cresciuta e si è intensificata. Attualmente sono attive numerose iniziative quali
o partecipazione a Progetti Europei
o programmi inter-ministeriali
o contratti di ricerca
o accordi bilaterali
o collaborazioni dirette

che comportano uno stretto confronto tra ISTEC e numerosi Enti di Ricerca, Università ed Istituzioni Nazionali.
Dal 2003 al 2008 è stato attivo, a Kyoto (Giappone), il Laboratorio congiunto Research Institute on Nanoscience (RIN) tra ISTEC e il Kyoto Institute of Technology (KIT), con il supporto finanziario del Ministero degli Affari Esteri ed il CNR.
Altre iniziative finanziate dal Ministero degli Affari Esteri hanno sostenuto progetti di collaborazione e formazione professionale verso paesi in via di sviluppo: Vietnam, Indonesia, Brasile, Siria.
ISTEC attualmente collabora con molteplici partners europei coinvolti in Progetti comunitari congiunti.
Attività di collaborazione prolungate negli anni sono state favorite dagli accordi bilaterali del CNR (Cina, Slovacchia, Argentina, Romania, Spagna, Brasile, Portogallo, Turchia), o da accordi diretti con varie Istituzioni ed Università.
La visibilità dell'ISTEC sulla scena sovranazionale ha beneficiato della presenza attiva in Associazioni culturali quali la Società Ceramica Italiana, la Società Italiana di Reologia, la Società Ceramica Europea, l'International Ceramic Federation, la Società Europea Biomateriali, le piattaforme europee (ENMAT,EUMAT, Nanomedicine, Costruzioni).
Le principali colalborazioni sono elencate a corredo nel campo dedicato.