Istituto

Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (IGAG)

Logo Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (IGAG)

Direttore

Dott. PAOLO MESSINA Primo Ricercatore CNR

E-mail: paolo.messina@igag.cnr.it
Telefono: 0690672595

Informazioni

c/o Area della Ricerca di Roma 1
Via Salaria km 29,300 - 00015 Montelibretti (RM)
Telefono: 0690672595
Fax: 0690672733
E-mail: direttore.igag@igag.cnr.it
Url: http://www.igag.cnr.it

Brochure

Missione

La principale missione dell'Istituto è quella di studiare e comprendere i processi naturali geologici e quelli riferibili alle attività umane che interagiscono e influenzano l'ambiente, le attività umane stesse e la vita. Temi di ricerca strategici sono: (1) Il passato della Terra e l'evoluzione recente, come chiave per prevedere e pianificare lo sviluppo sostenibile; (2) rischi naturali e antropici; (3) le risorse naturali; (4) cambiamenti ambientali globali e locali; (5) le interazioni uomo-ambiente.
Al riguardo l'Istituto è impegnato da anni in:
Studi di base e applicativi riguardanti la storia geologica piu' recente del pianeta;
reperimento e sfruttamento delle risorse minerarie e dei materiali geologici, riduzione dell'impatto ambientale causato da modifiche strutturali e dall'alterazione chimico-fisica generate dall'attività antropica;
recupero di aree degradate e valorizzazione delle risorse naturali;
mitigazione dei rischi indotti dall'attività' antropica (industriale e non) e dei rischi naturali, relativi agli effetti di terremoti, vulcani e frane;
studi di base per la geologia degli idrocarburi;
modelli evolutivi geologici, tettonici e geomorfologici in aree continentali, costiere e marine;
produzione di cartografia tematica estensiva del territorio e dei fondali marini nella fascia batimetrica a maggiore dinamicità;
definizione e rappresentazione dei lineamenti geomorfologici dei fondali marini, in particolar modo quelli derivanti da dinamiche morfo-sedimentarie che implicano mobilità e/o instabilità dei sedimenti e conseguenti situazioni di pericolosità per le infrastrutture e le aree costiere urbanizzate;
valutazione dei fattori di pericolosità ai fini della prevenzione e della gestione dei rischi connessi all'evoluzione naturale e all'utilizzo delle aree marine;
messa a punto di tecnologie di scavo e di stabilizzazione, connesse anche ai problemi di sicurezza del lavoro;
caratterizzazione fisico-meccanica di rocce, indagini e monitoraggi per la stabilita' dei versanti.

Sedi secondarie