Istituto di geologia ambientale e geoingegneria (IGAG)

Direttore

Prof. SANDRO CONTICELLI

E-mail: sandro.conticelli@cnr.it
Telefono: 06 90672926

Curriculum (IT)
Curriculum (EN)

Profilo

Sandro Conticelli è geologo e accademico italiano, professore ordinario presso l'Università di Firenze, Presidente della Società Geologica Italiana, membro della Società Italiana di Mineralogia e Petrologia, della International Association of Volcanology and Chemistry of Earth Interior e della Geochemical Society.
Principali interessi scientifici:
Chimica analitica di rocce magmatiche e minerali ottenuta attraverso Spettrometria di Fluorescenza a Raggi X (XRF), Spettrofotometria di Assorbimento Atomico (AAS), Spettrometria per Attivazione Neutronica (INAA), Microanalisi attraverso spettrometria X (EPMA).
Spettrometria di Massa a ionizzazione termica (TIMS) per la definizione delle composizioni isotopiche in rocce magmatiche, metamorfiche, minerali e prodotti dell'agroalimentare: 87Sr/86Sr, 143Nd/144Nd, 206Pb/204Pb, 207Pb/204Pb, 208Pb/204Pb, 230Th/232Th, 238U/232Th.
Mineralogia, geochimica e geochimica delle rocce ignee, vulcaniche ed intrusive, con la finalità di definirne i processi di genesi e differenziazione delle rocce, sia per fusione parziale che per evoluzione magmatica in sistemi aperto e chiuso. Definizione delle relazioni esistenti tra produzione dei magmi e ambiente geodinamico.
Caratterizzazione dei parametri chimici ed isotopici rilevanti alla definizione dei meccanismi pre-eruttivi dei magmi in sistemi vulcanici attivi fornendo parametri rilevanti ai fini della pianificazione per la prevenzione dal rischio vulcanico.
Petrologia e geochimica dei materiali lapidei e dei manufatti di rilievo storico, architettonico, ed artistico con caratterizzazione finalizzata alla definizione della provenienza dei materiali lapidei, delle rotte e vie di trasporto antiche dei materiali da costruzione.
Geochimica e geologia isotopica della frazione inorganica in prodotti dell'agroalimentare (Vino, Olio, etc.) con la finalità di definire la loro tranciabilità geografica e la sicurezza alimentare.