Cnr in mare: le campagne estive 2017

Dalle fredde acque dei mari del Nord alle temperature semi-tropicali del nostro Mediterraneo, l’estate è da sempre sinonimo di ricerca sul campo per la comunità scientifica del Cnr.

Nell’estate 2017, in particolare, il Cnr è coinvolto in tre importanti spedizioni oceanografiche:

Alle Svalbard, droni e robot marini per il campionamento dei mari glaciali: dal 13 al 26 giugno si è svolta la spedizione artica organizzata dall’Istituto di studio sui sistemi intelligenti e l'automazione (Issia-Cnr) relativa al progetto ‘Uvass – unmanned vehicles for autnomous sensing and sampling’, volta a testare l’impiego di robot marini per il campionamento di aria e acqua in ambienti estremi. Coordinata da Gabriele Bruzzone (Issia-Cnr), la spedizione ha consentito di testare  diverse tipologie di veicoli marini sviluppati dal gruppo di ricerca ‘Field and Interaction robotics’ e in particolare ‘Proteus’, ultimo nato tra i veicoli robotici marini, impiegato per attività di campionamento di aria, acqua e ghiaccio in zone particolarmente difficili e pericolose da raggiungere per l’uomo. Obiettivo ultimo della campagna, raccogliere dati utili a migliorare la comprensione dei cambiamenti climatici che avvengono nelle zone polari, cruciale per individuare le migliori strategie di contenimento del fenomeno su scala globale. Vedi anche: http://www.issia.cnr.it/wp/svalbard-2017/

Tour Greenpeace ‘Rainbow Warrior’: dal 23 giugno all’8 luglio 2017 ricercatori dell’Istituto di scienze marine del Cnr (Ismar-Cnr) hanno preso parte alle tappe italiane della campagna europea di ricerca e sensibilizzazione ‘Meno plastica più Mediterraneo’ promossa dall’organizzazione ambientale Greenpeace. In una traversata da Genova ad Ancona i ricercatori Ismar Cnr hanno raccolto dati e testimonianze dirette sull’inquinamento da plastica che affligge il Mare Nostrum, e organizzato momenti di incontro con la cittadinanza per informare l’opinione pubblica sul tema.

Campagna di geofisica marina 'High North 17': dal 9 al 29 luglio ricercatori Cnr degli Istituti Irea, Issia e Isac sono a bordo della nave da ricerca 'Alliance' con l’obiettivo di collaborare alla spedizione ‘High North 2017’ promossa dalla Marina militare italiana attraverso l'Istituto idrografico della marina. La campagna -che coinvolge anche l’Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale (Ogs), l’Enea e il Centre for Maritime Research and Experimentation (NATO)- si svolge nelle acque del Mar Glaciale Artico antistanti le isole Svalbard, in Norvegia, toccando aree inesplorate ed effettuando misurazioni e campionature in atmosfera, nel mare, nei sedimenti e nel sottosuolo. Lo scopo è raccogliere dati di geofisica, geologia marina, caratterizzazione del fondale e oceanografia fisica, nonché misure integrate di atmosfera e ottica, per acquisire elementi utili in molteplici settori, a partire da quello climatico, per una migliore comprensione dell’evoluzione del clima e del suo impatto sul pianeta.

Vedi anche:

- foto e video disponibili sul sito Issia: http://www.issia.cnr.it/wp/high-north-17/

- la missione seguita dal Secolo XIX

- Diario di bordo sul sito della Marina Militare, .

 

Ultimo aggiornamento: 16/11/2017