Nota stampa

Emergenza da Covid-2019: da Cnr-Issirfa una guida alla lettura delle disposizioni vigenti

29/04/2020

Testo aggiornato al giorno 29 aprile 2020


L’emergenza epidemiologica da Covid-19 (Coronavirus) ha imposto l’adozione di misure di contenimento che riguardano tutto il territorio nazionale. La diffusione del virus ha richiesto misure progressivamente stringenti che iniziano a configurare un complesso quadro normativo per la gestione dell’emergenza. L’obiettivo è limitare i contatti sociali, e creare le condizioni per l’attuazione della misura più efficace per il contenimento del contagio: “Io resto a casa”.

Inizialmente, con delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, è stato dichiarato per la durata di mesi sei lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. A seguito dell’evoluzione della situazione epidemiologica, è stato poi approvato il decreto legge 23 febbraio 2020, n.6, cui hanno fatto seguito diversi decreti attuativi; sono stati altresì approvati il decreto legge 2 marzo 2020 n. 9, per introdurre misure di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese insistenti nei territori maggiormente colpiti nella prima fase di diffusione del virus Covid-19, il decreto legge n. 11 del 2020, avente ad oggetto misure straordinarie per la giustizia, il decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 recante misure economiche per il sostegno a famiglie, lavoratori e imprese, il decreto legge 25 marzo 2020, n. 19 recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 applicabili sull’intero territorio nazionale, il decreto legge 8 aprile 2020 n. 22, recante misure urgenti sulla regolare conclusione e sull’ordinato avvio dell’anno scolastico e sullo svolgimento degli esami di Stato, il decreto legge 8 aprile 2020 n. 23 recante misure urgenti sulla in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga dei termini amministrativi e processuali.

I provvedimenti di carattere generale attualmente vigenti che riguardano tutto il territorio nazionale sono i seguenti: decreto legge 8 aprile 2020 n. 23; decreto legge 8 aprile 2020 n. 22; decreto legge 25 marzo 2020, n. 19; decreto legge 17 marzo 2020, n. 18; decreto legge 8 marzo 2020, n. 11; decreto legge 2 marzo 2020, n. 9; decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6 limitatamente agli articoli 3, comma 6-bis, e 4; decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del giorno 10 aprile 2020; ordinanza del Ministro della Salute del giorno 20 marzo 2020; decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del giorno 25 febbraio 2020; decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del giorno 23 febbraio 2020; delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020. A tali provvedimenti si aggiungono ordinanze del Ministro della salute, ordinanze della Protezione civile, direttive del Ministero dell’interno, e ordinanze regionali.

I provvedimenti straordinari inizialmente introducevano una serie di restrizioni valide su tutto il territorio nazionale per il periodo dal giorno 8 marzo al giorno 3 aprile 2020, incidenti su diversi ambiti materiali e su diversi settori produttivi; ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza, più restrittive, valide su tutto il territorio nazionale sono state previste dapprima per il periodo dal giorno 12 marzo al giorno 25 marzo 2020, e poi prolungate fino al giorno 3 aprile 2020; da ultimo, le misure di contenimento e gestione dell’emergenza sono state prolungate fino al giorno 3 maggio 2020 (cfr. DPCM 10 aprile 2020).

Considerata la stratificazione dei provvedimenti adottati dal Governo, e la complessità delle regole per la gestione dell’emergenza, per contribuire alla piena conoscenza delle misure straordinarie, e quindi a un’efficace attuazione, si procede a una raccolta sistematica delle disposizioni vigenti valide per tutto il territorio nazionale, ordinate per settore, con eccezione delle disposizioni specificamente dedicate agli aspetti sanitari, al personale medico e infermieristico, al personale impegnato nelle attività di assistenza e soccorso, alle misure per assicurare la funzionalità delle Forze di polizia, delle Forze armate, del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e delle Prefetture U.T.G., alle misure di informazione e prevenzione, nonché delle disposizioni riferite all’amministrazione della giustizia e ad interventi di sostegno dell’economia nazionale; per le disposizioni valide nei Comuni ricompresi nella c.d. “zona rossa”, e nelle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, si vedano il decreto legge 2 marzo 2020, n. 9, le ordinanze e le direttive ministeriali, le ordinanze regionali. Si vedano inoltre le ordinanze regionali, con riferimento alle diverse parti del territorio nazionale.

La sintesi semplificata delle misure straordinarie è finalizzata a favorire la conoscenza delle principali regole per la gestione dell’emergenza; per la corretta applicazione delle singole disposizioni si rinvia al testo ufficiale pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Per informazioni:
Antonino Iacoviello
Cnr-Issirfa
antonino.iacoviello@cnr.it

Vedi anche: