Istituto di biofisica (IBF)

Focus

Le RNA polimerasi RNA dipendenti come target per l'identificazione di antivirali: una nuova classe di potenti composti contro i Flavivirus. D.ssa Eloise Mastrangelo

2015
Il genere flavivirus (appartenente alla famiglia Flaviviridae) è costituito da più di settanta virus differenti, per lo più trasmessi da artropodi e patogenici per l'uomo. Tra questi, il virus della Dengue, del Nilo Occidentale, dell'Encefalite Giapponese, della Febbre Gialla e di Zika, riemerso recentemente in sud America, occupano un'area importante all'interno del mondo dei virus a RNA. Una terapia efficace e specifica contro i flavivirus non è attualmente disponibile e anche un ...

Proteine CLC - Canali ionici passivi e trasportatori attivi

2008
Il trasporto di ioni attraverso le membrane cellulari è uno dei processi biologici più delicati e viene affidato a specifiche proteine integrali di membrana. Per esempio, il segnale nervoso si trasmette attraverso un sistema di feedback positivo mediato da "canali ionici" dipendenti dal potenziale elettrico. Termodinamicamente i canali ionici sono dispositivi passivi che sfruttano gradienti ionici creati da trasportatori ionici attivi. Fino a qualche anno fa si pensava che queste due classi di ...

La regolazione del trasporto di ioni cloro: l'uso di bloccanti dei canali CLC come sonde strutturali e come modelli per lo sviluppo di farmaci.

2003
I canali ionici sono delle proteine importanti per molti processi fisiologici. Gli esempi sono vari e vanno dall'eccitabilità delle cellule nervose e muscolari alla produzione delle urine. Infatti molti farmaci hanno come bersaglio molecolare dei canali ionici come p.e. molti neurofarmaci. Inoltre esiste una vasta classe di malattie genetiche causate da mutazioni in un gene che codifica un canale ionico (canalopatie). Una classe di canali per il cloruro, la cosiddetta famiglia dei canali CLC, ...

Lotta contro le infezioni batteriche: disarmare anziché uccidere.

2003
L'allarme sull'aumentato numero di ceppi batterici resistenti agli antibiotici è stato lanciato dall'OMS già da qualche anno ed è stato recentemente ripreso da varie società scientifiche e dall'UE. Il fenomeno è di rilevante importanza sia per la frequenza che per la rapidità di diffusione, ed ha costi circa doppi rispetto alle infezioni da ceppi sensibili. In Gran Bretagna la spesa sanitaria per il trattamento di infezioni provocate dal batterio resistente alla meticillina Staphylococcus ...

Misure elettrofisiologiche su cellule di spugna isolate: un sistema modello per lo studio di antiche risposte a stimoli ambientali?

2002
Armando Carpaneto, Istituto di Biofisica, Sede di Genova Obiettivo di questa ricerca è lo studio degli effetti indotti da un aumento di temperatura su spugne marine (poriferi) e la chiarificazione dei meccanismi molecolari alla base di tale fenomeno. La temperatura è un parametro ambientale che modula e determina una moltitudine di processi biologici. Nelle spugne il primo evento a seguito di un aumento di temperatura nell'ambiente è l'incremento dell'attività di un canale ionico di ...

Tossine batteriche: conoscerle è essenziale per combatterle

2002
Gianfranco Menestrina, Istituto di Biofisica, Sezione di Trento Ritenuti sconfitti con la scoperta della penicillina, i batteri tornano ad essere una minaccia per due importanti ragioni: lo sviluppo della resistenza agli antibiotici ed il bio-terrorismo. L'abuso di antibiotici nella sanità e nella catena alimentare, ci ha esposto al rischio d'insorgenza di super-batteri resistenti che non possono più essere curati. Nel caso dello Stafilococco aureo, un microorganismo responsabile negli ...