Focus

Promozione e coordinamento del progetto GSOMEN (CEE VI PQ STRP)

Negli ultimi anni i nanoaggregati di metalli di transizione (particelle auto-organizzate di diametro inferiore a 10 âEUR" 100 nm) sono stati oggetto di un interesse crescente sia scientifico che tecnologico grazie a proprietà uniche proprie della scala nanometrica.
La massa di informazioni raccolte ha dimostrato come questi materiali abbiano molte applicazioni affascinanti quali quantum dots, quantum computers, dispositivi per lâEUR(TM)immagazzinamento dellâEUR(TM)informazione e opto-elettronici, ferromagneti nanoscopici, sensori, catalizzatori eterogenei, etc. Sono state studiate sia singole particelle monodisperse sia sistemi nanoscopici di particelle supraâEUR"organizzate, ed è stato dimostrato come le proprietà di nanoparticelle organizzate in super-reticoli differiscano da quelle dei singoli componenti, e come le proprietà di entrambi differiscano in maniera peculiare dalle proprietà del materiale bulk e delle singole molecole.
Tuttavia, lâEUR(TM)ottimizzazione ed anche la determinazione delle proprietà più interessanti di questi sistemi in vista delle applicazioni, ha proceduto finora per tentativi, dal momento che la conoscenza (e quindi il controllo) del meccanismo di auto-organizzazione e delle relazioni fra struttura e proprietà è ancora incompleto o del tutto inesistente.
Recentemente si sono avuti miglioramenti dei metodi di sintesi e delle tecniche di caratterizzazione che sono particolarmente adatte a chiarire i meccanismi di crescita. Inoltre, dal punto di vista teorico, grazie allo sviluppo dello hardware e del software, è stato possibile eseguire simulazioni di Dinamica Molecolare capaci di riprodurre la crescita di nanoparticelle metalliche nella fase gassosa in condizioni realistiche.
Questi sviluppi hanno aperto la strada ad un confronto dettagliato fra le simulazioni teoriche ed i risultati sperimentali in un ampio ambito di fenomeni che sono di enorme importanza tecnologica e scientifica: il processo di crescita di nanoparticelle in fase condensata e la loro supra-organizzazione in strutture mono, bi e tridimensionali.
Un focus dellâEUR(TM)IPCF nel 2003 è stato di promuovere e coordinare un ambizioso progetto scientifico, coinvolgente otto unità di ricerca in undici centri di ricerca di quattro diverse nazioni europee, teso a chiarire: (1) il meccanismo di nucleazione e crescita di nanoaggregati di metalli nobili e di transizione sia âEURoenudiâEUR

Vedi anche:

Immagini: