Dipartimento

Scienze del sistema terra e tecnologie per l'ambiente

Direttore

Dott. ENRICO BRUGNOLI

E-mail: direttore.dta@cnr.it
Telefono: 0649933836

Informazioni

Piazzale Aldo Moro 7 - 00185 Roma (RM)
Telefono: 0649933836
Fax: 0649933887
E-mail: direttore.dta@cnr.it
Url: dta.cnr.it

Obiettivi

Energia, Ambiente, Alimentazione e Salute dell'Uomo sono le quattro grandi sfide sulle quali l'umanità sta investendo in ricerca al fine di aumentarne in modo significativo la conoscenza a supporto delle decisioni e delle azioni che portino beneficio e creino posti di lavoro.
Il programma del DTA continua quindi a essere sviluppato in sintonia con il quadro internazionale, impostato sugli indirizzi dell'ICSU, dell'UNEP e dell'ESF, nonché della domanda espressa in prevalenza dalle call dei Programmi-Quadro della CE, dalle nascenti Iniziative di Programmazione Congiunta (JPI), dai Ministeri, le Regioni, gli Enti locali e le Aziende del settore che a vario titolo chiedono e finanziano ricerca.
Particolare attenzione viene dedicata alle infrastrutture programmate in ambito ESFRI, in particolare le reti osservative dei diversi comparti ambientali, anche al fine di realizzare gli obiettivi previsti in ambito GMES (Global Monitoring for Environment and Security) e GEOSS (Global Earth Observation System of Systems).
In sintesi, gli indirizzi programmatici del triennio 2011-2013 vedranno il DTA impegnato a sostenere la realizzazione di progetti principalmente nei seguenti ambiti:
a) valutazione ed evoluzione dello stato dei sistemi ambientali, con osservazioni in area mediterranea e in ambienti estremi (es. polari e di alta quota);
b) mare e risorse marine, sostenibilità della pesca, biodiversità, osservazioni marine integrate, pianificazione dello spazio marittimo;
c) comprensione dei processi naturali e valutazione dell'impatto dei cambiamenti climatici sulla qualità e sul funzionamento dei sistemi ambientali;
d) studio dei rischi naturali, geofisici e meteorologici, valutazione delle loro interazioni, e dei loro impatti sull'uomo e sull'ambiente;
e) sviluppo di strumenti e metodi di monitoraggio al suolo e di osservazione della Terra, sia per la comprensione dei processi ambientali che per monitorare le aree interessate da rischi naturali o di origine antropica;
f) sviluppo di tecnologie di risanamento di suoli e acque e di trattamento di rifiuti per il riutilizzo;
g) valutazione, protezione e sfruttamento di risorse idriche;
h) metodologie di valutazione e tecnologie di sfruttamento di risorse geotermiche;
i) ambiente e salute.

Oltre ai progetti europei riferiti in dettaglio nell'apposita sezione, il triennio 2011-2013 sarà caratterizzato dall'avvio del Progetto-bandiera RITMARE, coordinato dal CNR, dai progetti mirati al rilancio del tessuto produttivo del Mezzogiorno (SSD-Pesca, Atlante geotermico, InTeAM-aquacoltura sostenibile, Remedia-bonifiche suoli inquinati), dal progetto VIGOR (energia geotermica) finanziato dal MiSE in ambito POIN, nonchè dalla realizzazione dei diversi progetti presentati al MIUR in ambito PON 2007-2013 nei suoi diversi bandi.
A livello di organizzazione della ricerca, nel corso del 2010 il DTA ha avviato e quindi realizzato una revisione radicale dei progetti dipartimentali, ridotti da 7 a 5, e delle relative commesse. Per un migliore riconoscimento delle effettive responsabilità e per configurare gruppi di ricerca coesi sulle diverse tematiche di ricerca, la quasi totalità delle commesse multi-istituto è quindi divenuta mono-istituto. Si prevede di realizzare il coordinamento delle diverse commesse nell'ambito dei progetti dipartimentali attraverso la definizione di "Linee di ricerca" che, è doveroso precisarlo, non hanno rilevanza di tipo gestionale e non compaiono in SIGLA. Il programma DTA 2011 contiene quindi n. 95 commesse coordinate in n. 29 Linee di ricerca, come descritto appresso nell'ambito della sezione dedicata ai Progetti.