Press release

ALLERGIE: E' ALLARME ROSSO PER I POLLINOTICI - DALLA PROSSIMA SETTIMANA ESPLODE LA "STAGIONE DEI FIORI"

09/03/2001

COMUNICATO N. 18/2001

ALLERGIE: E' ALLARME ROSSO PER I POLLINOTICI

DALLA PROSSIMA SETTIMANA ESPLODE LA "STAGIONE DEI FIORI"

Con la metà di marzo si apre ufficialmente la stagione di rischio per gli allergici.

Si preannuncia come una delle più violente degli ultimi anni

 

Dalla prossima settimana inizia ufficialmente la stagione del polline, che si preannuncia come una delle più forti degli ultimi anni, con conseguenze anche molto gravi per chi soffre di questi disturbi. Ad annunciare l'arrivo del periodo più insidioso per i pollinotici - che nel nostro Paese rappresentano una percentuale molto elevata e in progressivo aumento - è l'Istituto di Scienza dell'Atmosfera e dell'Oceano del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISAO-CNR) di Bologna che ha previsto per la prossima settimana un sensibile aumento della concentrazione dei pollini allergenici, sancendo così l'inizio ufficiale della stagione 2001.

"In questo periodo" spiega Paola De Nuntiis, ricercatrice dell'ISAO-CNR "si è verificata la combinazione ideale per la presenza di polline: un caldo anomalo nelle scorse settimane, seguito da un periodo di piogge molto intense. Questa situazione ha determinato la fioritura anticipata di numerose piante, che potrebbe favorire anche le graminacee che rappresentano l'insidia più diffusa per i pollinotici. Ne bastano infatti pochi granuli in atmosfera per determinare disagi anche molto pesanti."

Se negli anni passati i fastidi maggiori si avvertivano intorno al mese di aprile, il comportamento delle erbe spontanee fa presagire un anticipo delle sofferenze per i pollinotici che cominceranno dalla seconda metà di marzo. Il suggerimento dei ricercatori del CNR che gestiscono in collaborazione con l'Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA) la rete nazionale di monitoraggio aerobiologico, è di cominciare a consultare subito il proprio medico di fiducia per prevenire i rischi maggiori legati alle allergie da polline. La rete è attiva dal 1985 ed è costituita da 80 stazioni dislocate su tutto il territorio nazionale.

In attesa delle graminacee, la parietaria interessa in questo momento soprattutto i residenti al sud che debbono usare maggiori cautele, mentre su tutta l'Italia domina il polline di cipresso, abbondante e facilmente trasportato dal vento, maggiormente presente nelle regioni centrali.

In ogni caso il 2001 promette di rimanere negli annali come un anno storico per la precocità e la produzione abbondantissima di polline: "I pollinotici - sottolinea Paola De Nuntiis - rischiano di ricordare questo periodo come uno dei peggiori degli ultimi tempi: il cipresso e l'ontano, per fare solo due esempi, hanno messo in evidenza una percentuale di polline che non avevamo mai riscontrato in precedenza. La causa di queste "superfioriture" va molto probabilmente ricercata nella maggior frequenza delle situazioni di stress che inquinamento atmosferico ed anomalie climatiche sottopongono la vegetazione." Per chi volesse saperne di più il Consiglio Nazionale delle Ricerche mette comunque a disposizione il sito www.aerobio.bo.cnr.it/

Roma, 9 marzo 2001

 

Tel 051/6399575

Fax 051/6399649

www.aerobio.bo.cnr.it/

aerobio@isao.bo.cnr.it


News a cura dell'Ufficio Stampa

Capo ufficio stampa:
Marco Ferrazzoli
marco.ferrazzoli@cnr.it
ufficiostampa@cnr.it
06 4993 3383