Istituto per la Scienza e Tecnologia dei Plasmi (ISTP)

Descrizione

L'Istituto di Scienza e Tecnologia del Plasma (ISTP) svolge attività di ricerca teorica, sperimentale e di sviluppo diagnostiche nel campo della dinamica dei plasmi di laboratorio e naturali. Le tematiche scientifiche di cui l'Istituto si occupa spaziano dalla Fusione Termonucleare Controllata alla Fisica dei plasmi di bassa temperatura, alle problematiche dell'aerospazio, ai plasmi astrofisici e agli studi sull'interazione dei plasmi con fasci di particelle, con radiazione elettromagnetica e materiali.

ISTP viene istituito nell'Aprile del 2019 nell'ambito della riorganizzazione della rete di Istituti del CNR. Conta circa 120 unità di personale di cui oltre 80 Fisici, Ingegneri, Chimici ecc. La Istituto ha sede a Milano, ed è articolato nelle sedi secondarie di Padova e Bari. ISTP afferisce al Dipartimento di Scienze Fisiche e Tecnologia della Materia.

L'Istituto è il risultato dell'unione di tre gruppi da molti anni attivi nel settore di ricerca della fisica del plasma:
- l'Istituto di Fisica del Plasma (IFP, Milano)
- l'Istituto Gas Ionizzati (IGI, Padova)
- il gruppo P.Las.M.I. Lab (Bari)

A Padova l'attività di ricerca è svolta nell'ambito del Consorzio RFX (CRFX) a cui è comandata la quasi totalità del personale ISTP di questa sede.

ISTP partecipa ai principali programmi di ricerca nazionali ed internazionali relativi ai campi di sua competenza. Fa parte del Consorzio europeo EUROfusion per le ricerche nel campo della Fusione Termonucleare Controllata nell'ambito di Horizon 2020 e nel prossimo programma quadro, come "terza parte" di ENEA (beneficiario ufficiale per Italia).

Partendo dalle competenze complementari provenienti dall'esperienza dei tre gruppi di ricerca, ISTP si propone di essere punto di riferimento e di collegamento delle diverse comunità italiane che si occupano di plasmi dal punto di vista della scienza di base e dell'ampio spettro di potenziali applicazioni tecnologiche, favorendo lo sviluppo di convergenze e collaborazioni all'interno delle comunità stesse e con il mondo industriale, promuovendo il trasferimento tecnologico.