Evento

La foresta di Sandokan? Al museo di botanica!

Il 20/04/2017 ore 21.00 - 23.30

Firenze, Via dell'Oriolo 26
Biblioteca delle Oblate

Alla scoperta della Malesia con due guide di eccezione: Odoardo Beccari ed Emilio Salgari.
Nel percorrere i corridoi e le stanze della sezione di botanica del Museo di storia naturale dell’Università di Firenze, circondati da file di scaffali contenenti milioni di campioni di specie botaniche, raccolti in diverse parti del globo in epoche più o meno lontane, i visitatori si trovano immersi in un vero e proprio scrigno di tesori nascosti. Una parte cospicua di questi campioni vegetali è rappresentata dai reperti della Malesia raccolti dal botanico, antropologo ed esploratore fiorentino Odoardo Beccari (1843-1920).
I viaggi e le scoperte nel Sud-Est asiatico, vere e proprie avventure in un mondo allora sconosciuto e per certi versi molto pericoloso, furono raccontati dallo stesso Beccari nei suoi diari. Ambienti, natura e personaggi di terre lontane e misteriose che sorprendentemente trovano corrispondenza nelle avventure immaginate, ma non poi tanto..., e narrate da Emilio Salgari (1862-1911) nei suoi libri. Ma l’illustre botanico e lo scrittore si incontrarono mai? Gli ambienti naturali vissuti nella realtà dal botanico e nella fantasia dallo scrittore ci descriveranno anche una parte di una terra attualmente sottoposta a minacce ambientali molto serie e porteranno a soffermarci sul significato storico e scientifico che la museologia naturalistica ha al giorno d’oggi.

Con Paolo Ciampi, giornalista e Chiara Nepi, resonsabile di sezione botanica del Museo di storia naturale, Università di Firenze.

Modera Francesca Camilli, Ibimet-Cnr

In streaming su www.caffescienza.it

Organizzato da:
Associazione culturale Caffè-Scienza
Istituto dei Sistemi Complessi Isc-Cnr
Istituto di biometeorologia Ibimet-Cnr
Centro per lo Studio di Dinamiche Complesse - Università di Firenze

Referente organizzativo:
Francesca Camilli
f.camilli@ibimet.cnr.it

Modalità di accesso: ingresso libero

Vedi anche: