Progetto di ricerca

Nanopolveri CNR-SILEA 2019 (DFM.AD001.358)

Area tematica

Scienze fisiche e tecnologie della materia

Area progettuale

Sensori multifunzionali e dispositivi elettronici (DFM.AD001)

Struttura responsabile del progetto di ricerca

Istituto nazionale di ottica (INO)

Responsabile di progetto

MASSIMO DELGUASTA
Telefono: 05523081
E-mail: massimodelguasta@ino.cnr.it

Abstract

Le tecniche di combustione ed incenerimento più avanzate, come quelle adottate presso l'impianto SILEA di Valmadrera, prevedono una combustione pressochè completa del combustibile. Il risultato in termini di emissione di polveri è la drastica diminuzione della massa sospesa emessa (espressa tradizionalmente in PMx [ug/m3]) e l'adeguamento completo alle sempre più stringenti normative in materia. Le emissioni di particolato dell'inceneritore di Valmadrera sono attualmente ridotte sostanzialmente a nanoparticelle elementari di black-carbon, delle dimensioni mediane di 20 nm circa ed il cui contributo alla massa di particolato emessa (PMx) è trascurabile, nonostante la loro elevata concentrazione numerica (500000 part/cc al camino). Nonostante la concentrazione numerica di nano-particolato non sia attualmente oggetto di limiti di legge, un crescente corpus di letteratura in campo biologico suggerisce una particolare forma di tossicità per queste particelle, legata alla loro capacità di penetrazione pervasiva in tutti i tessuti

Data inizio attività

10/08/2020

Parole chiave

nanopolveri, inceneritori, inquinamento

Ultimo aggiornamento: 22/02/2024