Nota stampa

Nel 90° anniversario dell'impresa di Umberto Nobile, il genovese Gabriele Bruzzone lancia un pallone aerostatico dalla base Cnr in Artico

24/05/2018

Gabriele Bruzzone con il veicolo robotico marino 'Proteus'
Gabriele Bruzzone con il veicolo robotico marino 'Proteus'

Il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) sta ricordano in questi giorni con diversi eventi i 90 anni della spedizione al Polo Nord del comandante Umberto Nobile a bordo del Dirigibile Italia (24/25 maggio 1928), al quale è intitolata la stazione di ricerca di Ny-Alesund nelle Isole Svalbard, in Norvegia, che si trova proprio nel punto dal quale partì il velivolo per la sua missione.

Proprio in questi giorni è impegnato in Artico anche il genovese Gabriele Bruzzone, ricercatore del Laboratorio di robotica marina del Cnr, esperto di progettazione e realizzazione di veicoli marini robotizzati.

“La base scientifica gestita dal Cnr si trova nei pressi del luogo in cui ancora oggi è visibile il pilone di attracco del velivolo con cui Nobile sorvolò il Polo Nord. Volendo fare un parallelo con la spedizione di 90 anni fa, possiamo dire che anche noi quest’anno siamo qui con un nostro veicolo: anziché essere un dirigibile è un piccolo pallone aerostatico che ci consentirà –tramite dei sensori- di rilevare i parametri dell’atmosfera”.

Il veicolo, ideato e progettato dal Laboratorio di robotica marina del Cnr, consente di rilevare i parametri ambientali marini e atmosferici lungo tutta la colonna verticale.

“Essere presenti in un contesto di ricerca internazionale come Ny-Alesund ci permette di presentare le nostre tecnologie e farle conoscere a gruppi di ricerca di tutto il mondo, e di attivare collaborazioni con l’obiettivo comune di monitorare e salvaguardare la ‘risorsa mare’, che anche qui al Polo mostra segni di antropizzazione e inquinamento”.

 

Per informazioni:
Gabriele Bruzzone
Laboratorio di robotica marina - Cnr
gabriele.bruzzone@cnr.it

Ufficio stampa:
Francesca Gorini
Ufficio stampa Cnr
francesca.gorini@cnr.it
0106598742

Vedi anche:

Immagini: