Nota stampa

"Ottimismo e Scienza" al National Geographic Festival delle scienze 2020

20/11/2020

National Geographic Festival delle scienze
National Geographic Festival delle scienze

Dal 23 al 29 novembre il Cnr, partner scientifico del Festival, organizza ed è presente a conferenze, eventi e webinar, tutti in modalità online da remoto.

Da lunedì 23 a domenica 29 novembre, i canali social e il sito dell’Auditorium Parco della Musica di Roma e del National Geographic e la pagina Facebook del Festival ospitano la 15esima edizione del National Geographic Festival delle Scienze, rinviata la scorsa primavera per l’emergenza Covid-19 e oggi fruibile in modalità online. Quest’anno il Festival propone un programma di appuntamenti articolati in sette macro-aree: Pianeta, Società ed Economia, Universo e Spazio, Tecnologia e Innovazione, Cervello e Pensiero, Snodi della Scienza, Salute e Medicina.
Il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) è partner scientifico della manifestazione e partecipa a tavole rotonde e webinar in diretta streaming, e con un’offerta on-demand di decine di lezioni di scienza e conferenze, a cura dell’Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Cnr con il coinvolgimento della rete scientifica dell’Ente.

Si inizia martedì 24 alle 11.00 con il webinar per la scuola ‘Roma e le immigrazioni dal 1870 a oggi: 150 anni di storia’ tenuto da Michele Colucci, ricercatore dell’Istituto di studi sul Mediterraneo (Cnr-IsMed), e la moderazione di Silvia Mattoni, responsabile Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Cnr, in cui si analizza come l’immigrazione sia stata al centro della crescita e dell’espansione della città di Roma.
Alle 16.00 si tiene una tavola rotonda dal titolo ‘Blue-economy e tecnologie del mare, l’innovazione che parla italiano’ con Laura Beranzoli, dirigente tecnologo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Emilio Campana, direttore del Dipartimento Ingegneria, Ict e tecnologie per l’energia e i trasporti del Cnr, Alessandro Iafrati, direttore dell’Istituto di ingegneria del mare (Cnr-Inm), Fabio Trincardi, direttore del dipartimento Scienze del sistema terra e tecnologie per l’ambiente del Cnr, e le ricercatrici Elena Ciappi (Cnr-Inm) e Fedra Francocci dell’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino (Cnr-Ias), introdotti e moderati dal divulgatore scientifico Lorenzo Pinna, autore del programma tv Superquark. I relatori spiegano con quali tecnologie all’avanguardia sia possibile generare benefici sociali ed economici per il futuro, tutelando le risorse naturali e ambientali del mare.

Mercoledì 25 alle 10.00 Elisa Palazzi, ricercatrice presso l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima (Cnr-Icar) e autrice del libro ‘Perché la terra ha la febbre?’ (Editoriale Scienza), partecipa alla conferenza, a cura del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (Cmcc), dal titolo ‘Pianeta dei ragazzi: clima, scienza e i futuri adulti’: con Christian Casarotto del Museo delle scienze di Torino (Muse) ed Eleonora Cogo di Cmcc, moderati da Selvaggia Santin di Cmcc., si dibatterà su come coinvolgere i ragazzi nel dibattito sul cambiamento climatico.
Alle 11.00, nel webinar per la scuola dal titolo ‘Internet, ma siamo proprio sicuri?’ Anna Vaccarelli, responsabile relazioni esterne del Registro .it e primo tecnologo Istituto informatica e telematica (Cnr-Iit), e Domenico Laforenza, associato emerito del Cnr, moderati da Silvia Mattoni, responsabile Unità comunicazione del Cnr, espongono come prevenire e gestire le problematiche di sicurezza informatica della propria identità online e delle relazioni sociali in rete.
Alle 16.00 nella tavola rotonda dal titolo ‘Il potere dell’acqua’, con Raffaella Balestrini, ricercatrice dell’Istituto per la protezione sostenibile delle piante (Cnr-Ipsp), Stefania Grillo e Anna Tedeschi, ricercatrici dell’Istituto di bioscienze e biorisorse (Cnr-Ibb), moderate dal giornalista del Tg2 Giorgio Pacifici, illustrano le innovazioni della ricerca agro-alimentare per la riduzione del consumo di acqua, un risorsa sempre più scarsa a causa dell’aumento della popolazione e dei crescenti bisogni alimentari.

Giovedì 26 alle 16.00 si dibatte di infodemia e del rapporto spesso conflittuale tra scienza, media e cittadini nella conferenza ‘La comunicazione scientifica ai tempi del Covid-19’ con Lella Mazzoli, professore emerito di Sociologia della Comunicazione all’Università di Urbino Carlo Bo e il virologo Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare (Cnr-Igm), introdotti e moderati da Marco Ferrazzoli, capo Ufficio stampa del Cnr.

Alle 21.00 Bruno Carli, direttore di ricerca associato presso l'Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara (Cnr-Ifac) e membro dell’Accademia nazionale dei Lincei, partecipa alla conferenza ‘Crisi climatiche e ottimismo nell’Antropocene’ con lo psicologo Geoffrey Beattie, Gianfranco Bologna, presidente onorario della Scientific Committee WWF ITALIA e membro del Club di Roma, moderati da Alessandra Viola, giornalista scientifica e scrittrice.

Venerdì 27 alle 19.00, nell’evento ‘Venezia: il futuro del pianeta’, curato dalla rivista National Geographic, il climatologo Antonello Pasini, ricercatore dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico (Cnr-Iia) e il geologo Luca Zaggia, ricercatore presso l’Istituto di geoscienze e georisorse (Cnr-Igg), insieme all’esploratore e speleologo Francesco Sauro, intervistati dal direttore editoriale di National Geographic Italia Marco Cattaneo, riflettono sul cambiamento climatico del pianeta, partendo dal grande laboratorio naturale a cielo aperto che è l’area della città Venezia.

La giornata di sabato 28 si apre alle 12.15 con la tavola rotonda ‘Bioplastiche e molecole sostenibili. Come salvare il mare’, in cui verranno presentate le tecnologie che permettono la riduzione della dipendenza dalle fonti fossili non rinnovabili, attraverso il recupero e il riutilizzo delle plastiche, e lo sviluppo di plastiche biodegradabili e compostabili. Introdotti e moderati dalla giornalista scientifica dell’agenzia Ansa Enrica Battifoglia, intervengono Mario Malinconico, direttore di ricerca presso l’Istituto per i polimeri, compositi e biomateriali (Cnr-Ipcb), la ricercatrice Simona Bronco dell’Istituto per i processi fisico chimici (Cnr-Ipfc) e Paola Stagnaro, ricercatrice presso l’Istituto per lo studio delle macromolecole (Cnr-Ismac).
Alle 17.15 si prosegue con un incontro che, a partire dallo straordinario data-base sul clima del passato, costituito dalle informazioni nascoste nelle calotte polari e nei ghiacciai alpini, cerca di spiegare fenomeni attuali come il cambiamento climatico e l'aumento del livello dei mari, grazie agli interventi del direttore dell’Istituto di scienze polari (Cnr-Isp) Carlo Barbante, di Silvio Gualdi del Centro Euro-mediterraneo sui cambiamenti climatici (Cmcc), nonché presidente della Società italiana per le scienze del Clima, e dei ricercatori Marco Anzidei (Ingv), Florence Colleoni dell’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale (Ogs) e Antonello Pasini (Cnr-Iia), introdotti e moderati dal giornalista di Rai Tg Leonardo Maurizio Menicucci.

Prodotto dalla Fondazione Musica per Roma, con la partnership progettuale di Codice Edizioni, il National Geographic Festival delle Scienze è realizzato insieme a National Geographic, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, realizzato con Asi e Infn, con la partecipazione delle Biblioteche di Roma e di Scuola dello Sport di sport e salute.
Partner scientifici del festival sono Cnr, Cmcc, Esa, Rete Garr, Gssi, Iit, Ispra, Inaf, Ingv, Planetario di Roma Capitale, e i partner culturali Fondazione Reggio Children-Centro Loris Malaguzzi, Wonderful Education e Future Education Modena, Casa degli Alfieri, Fablabforkids.

Roma, 20 novembre 2020


Referenti organizzativi per il Cnr:
Silvia Mattoni
Responsabile Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Cnr
email silvia.mattoni@cnr.it

Marco Ferrazzoli
Responsabile Unità ufficio stampa del Cnr
email marco.ferrazzoli@cnr.it

Edward Bartolucci
Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Cnr
email edward.bartolucci@cnr.it

Vedi anche: