Nota stampa

Serena Cosentino, borsista Cnr, vittima dell'incidente di Stresa

24/05/2021

Sede Cnr-Irsa Pallanza illuminata con il tricolore per ricordare Serena Cosentino
Sede Cnr-Irsa Pallanza illuminata con il tricolore per ricordare Serena Cosentino

La testimonianza della ricercatrice Nicoletta Riccardi dell'Istituto di ricerca sulle acque del Cnr, sezione di Verbania,  sulla figura di  Serena Cosentino, borsista di cui aveva avuto modo di apprezzare le qualità professionali e  umane:

"Serena aveva preso servizio il 15 marzo per iniziare un periodo di formazione sul tema emergente delle micro e nanoplastiche nelle acque dolci. Aveva vinto il concorso aperto dal CNR per una borsa di studio che era stata creata grazie ad un’idea dell’Unione Industriali VCO e al contributo di diversi Enti locali e delle Fondazioni Comunitarie del Verbano Cusio Ossola, di Novara e di Varese. Nonostante i tempi difficili dell’attuale pandemia, Serena era arrivata a Verbania piena di un entusiasmo che dava a tutti noi, Istituto di Ricerca sulle Acque, il senso vero del nostro ruolo. Un ruolo che non è solo ricerca, ma trasmissione alle nuove generazioni della passione e delle conoscenze che ci sostengono quotidianamente nel nostro lavoro, a volte reso difficile da molteplici ostacoli. Finalmente, Serena era riuscita a prendere servizio. Finalmente, si apriva per lei il futuro che tanto aveva desiderato, per il quale si era impegnata a fondo con tutta la sua capacità e tutta la sua passione. Conoscendola meglio, nello svolgimento del lavoro quotidiano, non ho potuto che apprezzarne la razionalità, la serietà che poneva in ogni impegno, l’umiltà di voler imparare a cominciare dalle basi più semplici, e la tenacia nel cercare le risposte che è la base vera della “ricerca”. In questo suo modo di porsi era favorita da una indipendenza di pensiero e capacità critica che non sono comuni in ricercatori così giovani, e ancora in fase di formazione. Queste sue qualità erano così apprezzate nel nostro piccolo gruppo di ricerca che, malgrado la giovane età, le erano già state affidate responsabilità per l’avanzamento dei progetti nei quali era già a pieno titolo coinvolta. Con Serena abbiamo perso un valore umano e di pensiero. Noi tutti la piangiamo, perché le abbiamo voluto tanto bene".

Per ricordare la giovane vittima, la sede dell'Istituto è stata illuminata con il tricolore. Cordoglio è stato espresso anche dalla presidente dell'Ente Maria Chiara Carrozza.

Vedi anche:

Immagini: