Focus

SOCRATES & CO(MPUTER). Nuovi strumenti di ricerca in filosofia antica

Anche nel campo delle 'scienze umane' la presenza sempre più forte della tecnologia informatica si rivela determinante nell'elaborazione di nuovi stili di ricerca, nella preparazione, conservazione e diffusione di testi, nonché nelle modalità di insegnamento e apprendimento.
Un simile radicale cambiamento di prospettiva ha cominciato a farsi valere anche rispetto alle possibili interconnessioni fra innovazioni digitali e studi di filosofia antica. Alla luce di queste considerazioni, la Sezione Pensiero Antico ha deciso di promuovere un progetto di ricerca (curato da E. Spinelli, con la collaborazione tecnica di G. Iannotta, A. Manchi e D. Papitto e con il coordinamento di V. Celluprica, responsabile della Sezione Pensiero Antico) dedicato alla elaborazione e conversione in formato digitale della prima e unica edizione completa delle testimonianze relative a Socrate e ai cosiddetti Socratici minori. Il punto di riferimento cartaceo di tale 'edizione elettronica' - che può essere sfogliata grazie alle semplici opzioni offerte dal browser NETSCAPE - è costituito dai quattro volumi delle Socratis et Socraticorum Reliquiae, curate da G. Giannantoni (Bibliopolis, Napoli 1990). Oltre a riprodurre in formato digitale (HTML) tutti i testi raccolti da Giannantoni e i relativi Indici delle fonti e dei nomi, il prodotto elettronico offre in aggiunta due Appendici, contenenti rispettivamente il testo completo delle 'Nuvole' di Aristofane e tutti gli scritti socratici di Senofonte, e la possibilità di richiamare, visualizzare e poi 'processare' tutti gli altri rinvii testuali - fra cui, importantissimi, quelli a passi e sezioni rilevanti dei dialoghi platonici - inseriti da Giannantoni nell''apparatus superior' della sua edizione cartacea. L'insieme dei links messi a disposizione del 'lettore elettronico' grazie a questo innovativo progetto rappresentano un vero e proprio 'labirinto' di rinvii incrociati, di connessioni intertestuali, immediatamente disponibili per chiunque voglia tornare a lavorare seriamente e con profitto sulla tradizione socratica.
Sulla scia di questo primo 'lavoro elettronico' - ormai giunto a termine e i cui punti salienti sono stati recentemente illustrati da E. Spinelli, in occasione prima di un incontro di studio presso l'Accademia Nazionale dei Lincei (26 maggio 2003) e poi del Convegno Internazionale tenutosi a Castelvecchio Pascoli "Philological Disciplines and Digital Technology. Computational Philology: Tradition versus Innovation", finanziato dalla European Science Foundation (10 settembre 2003) - la Sezione Pensiero Antico ha deciso di promuovere, avvalendosi sempre della collaborazione degli studiosi impegnati nella precedente ricerca, un ulteriore e ancor più impegnativo progetto di ricerca, che mira a riprodurre in formato digitale la raccolta completa (in lingua originale, in traduzione italiana e tedesca) di tutti i testi relativi ai cosiddetti Presocratici.