Evento

WORKSHOP - 'IL GRANDE TESORO MONETALE DI MISURATA (LIBIA). STATO DEGLI STUDI E PROSPETTIVE FUTURE'

Il 07/07/2009

Roma, CNR Sede Centrale Aula Marconi, P.le A. Moro, 7 - 00185 Roma - Orario: 9:30-18:00

Il tesoro monetale di Misurata (Libia), scoperto casualmente nel 1981, con i suoi 108.000 nummi (monete in bronzo argentato, databili tra il 294 e il 333 d.C.) è il maggiore ritrovamento sinora effettuato di monete romane. Il dr. Salvatore Garraffo, direttore dell'ITABC-CNR, coordina il progetto di studio e di pubblicazione, al quale partecipano attualmente anche l'IBAM-CNR, l'INFN-LNS, le Università di Catania e di Genova.
Scopo del Workshop è di fare il punto sui 'lavori in corso', con la presentazione dei risultati sinora ottenuti, e di tracciare le linee future della ricerca sul Tesoro che costituisce il 'cantiere permanente per lo studio della monetazione in bronzo arricchita in argento del Tardo Impero Romano'.
Il tesoro monetale di Misurata (Libia) costituisce il più grande ritrovamento di monete romane. Scoperto nel 1981 circa 18 km. ad Ovest di Misurata, in occasione di lavori agricoli, è composto da oltre 108.000 nummi (monete in bronzo con arricchimento superficiale in argento) databili tra il 294 e il 333 d. C., da Diocleziano a Costantino I.
Il tesoro è attualmente custodito presso il Museo Archeologico di Leptis Magna (Lebda, El Khoms).
Lo studio del tesoro è stato affidato dal Dipartimento delle Antichità della Grande Repubblica Araba Popolare e Socialista Libica al dr. Salvatore Garraffo, direttore dell'Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali, Consiglio Nazionale delle Ricerche.
Il tesoro di Misurata, che ha restituito, tra l'altro, un numero considerevole di monete inedite o rare, è un documento di eccezionale importanza per lo studio della circolazione monetaria nella Tripolitania antica nella età di Costantino il Grande, per l'individuazione delle varie tappe dello svilimento del contenuto in fino del nummus, e non in ultimo, per lo studio delle tecnologie adottate per la sua produzione.
Le monete sono state restaurate nel corso delle varie Missioni che si sono succedute presso il Museo di Leptis Magna a partire dagli anni '90 del secolo scorso.
Al Progetto interdisciplinare su 'Il Grande Tesoro Monetale di Misurata' attualmente partecipano:
- CNR, Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali, Roma;
- CNR, Istituto per il Beni Archeologici e Monumentali, Lecce - Potenza - Catania;
- INFN, Laboratori Nazionali del Sud, Catania;
- Università di Catania, Dipartimento di Chimica;
- Università di Genova, Dipartimento di Chimica, Sezione di Chimica Inorganica e Metallurgia.
Le ricerche sono finanziate, oltre che dal CNR, dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dal MIUR e dal Ministero degli Affari Esteri.
Obbiettivo del Workshop è di fare il punto sui 'lavori in corso', con la presentazione dei risultati sinora ottenuti, e di tracciare le linee di sviluppo della ricerca nel prossimo futuro.

Comitato Organizzativo
- ITABC - CNR
- IBAM - CNR
- INFN, Laboratori Nazionali del Sud, Catania;
- Università di Catania, Dipartimento di Chimica;
- Università di Genova, Dipartimento di Chimica.

Riferimenti:

Dr. Salvatore Garraffo, Direttore Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali, CNR, AdR Roma 1 -Montelibretti (Rm)
Tel. 06 90672382 - 348 3015532

Vedi anche: