Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Conoscenze Integrate per Sostenibilitą e Innovazione del Made in Italy Agroalimentare

Il sistema agroalimentare è, per sua natura e dimensioni, di forte impatto economico, sociale e ambientale. Questo vale ovviamente anche e forse a maggior ragione per tutte le Regioni e Province indicate nella legge 191/2009.

Dalla ricerca ci si aspetta un contributo decisivo a incrementare la sostenibilità delle produzioni.

Il presente progetto si muove in questa direzione, e grazie al background di infrastrutture e di capacità di ricerca realmente interdisciplinare che caratterizza l’attività del CNR, si propone di:

  • Aumentare, con le tecnologie più avanzate oggi disponibili, le conoscenze del patrimonio genetico di microorganismi, piante e animali che concorrono, e sono la base dei prodotti Made in Italy e le relazioni tra queste conoscenze e lo sviluppo di processi atti a migliorare la sostenibilità e la qualità della produzione agroalimentare. La conoscenza approfondita delle risorse genetiche e ambientali del territorio determina la capacità di sfruttamento delle stesse, attraverso la convergenza di tecnologie e servizi in un sistema integrato in grado di supportare l’attività produttiva sostenibile ed in grado di allinearsi con gli standard di qualità internazionali. A cascata queste conoscenze si tradurranno in tutela e innovazione dei prodotti tipici anche trasformati, elementi essenziali per lo sviluppo del territorio, e la competitività delle impres), nella individuazione di composti bioattivi per la nutriceutica e in genere per la valorizzazione della dieta mediterranea, ma anche programmi di miglioramento genetico per gli organismi interessati.
  • Sviluppare una rete di diagnostica avanzata per la qualità e la sicurezza alimentare. L’individuazione e sviluppo di metodologie di diagnostica chimica e molecolare avanzata (compresi biochip e nanochip multi-array, biosensori) di metodi bioinformatici e di metodi e materiali di riferimento saranno finalizzati a dimostrare/assicurare qualità, rintracciabilità, sicurezza e a valorizzare le produzioni. Una filiera agroalimentare integra e trasparente è fondamentale per una politica di promozione e garanzia per il consumatore.
  • Individuare nuovi prodotti e/o processi di interesse per l’industria agroalimentare (tra cui alimenti ipoallergenici e composti naturali salutistici). Risposta, in conoscenza e innovazione, alla domanda dei cittadini verso l’interazione alimentazione-salute.

Strumenti per il raggiungimento degli obiettivi saranno il potenziamento e costituzione di network, aventi come base le strutture scientifiche operanti nelle Regioni indicate dalla legge 191/2009. Tali network saranno principalmente costituiti dalla rete CNR ed ENEA che ne propongono le relative attività progettuali, in un insieme integrato.

Particolare attenzione verrà rivolta alla valorizzazione dei risultati ottenuti e al conseguente trasferimento tecnologico, anche con indirizzo e stimolo alla creazione di nuove realtà produttive. Tutte le azioni progettuali sviluppate dal programma verranno svolte con interazione e collaborazione con le realtà produttive e/o con associazioni di categoria. Sono previste collaborazioni attive con le Università.

Le azioni di comunicazione, informazione ed educazione sulle tematiche in studio, con il coinvolgimento delle strutture pubbliche e degli attori del sistema produttivo, prima di tutto le associazioni di categoria, costituiranno un prodotto strategico.

Fondamentale e perseguito, sarà lo sviluppo di interventi di alta formazione.

Il CNR impegna nel settore agroalimentare circa 900 persone, di cui 357 ricercatori a tempo indeterminato e 260 ricercatori a tempo determinato. Di queste forze, poco più del 65% operano nelle Regioni e Provincie indicate dal progetto.

In questi territori il CNR-agroalimentare già collabora con cluster di PMI in laboratori “pubblico-privati” e in programmi finanziati da Ministeri, Regione ed EU (PON, PSR, PIF), oltre che in distretti tecnologici e consorzi.

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus