Consiglio Nazionale delle Ricerche

Tipo di prodottoArticolo in rivista
TitoloModelli di Screening dell'udito
Anno di pubblicazione2017
Formato
  • Elettronico
  • Cartaceo
Autore/iGrandori Ferdinando, Tognola Gabriella
Affiliazioni autoriCNR IEIIT - Istituto di Elettronica, Ingegneria dell'Informazione e delle Telecomunicazioni, Milano (Italy)
Autori CNR e affiliazioni
  • GABRIELLA TOGNOLA
Lingua/e
  • italiano
AbstractI disturbi uditivi sono considerati come la maggior causa di disabilità media e medio-grave negli adulti. Le statistiche attuali riportano che il 16% dei soggetti di età compresa tra 55 e 64 anni ed il 24% tra 65 e 75 e quasi il 40% di età superiore ai 75 anni presentano perdite superiori a 30 dB HL, mentre nel 2020 il numero di individui con problemi uditivi nella UE (27) potrà superare i 40 milioni. Nonostante le severe implicazioni sulla qualità della vita come il declino funzionale e cognitivo, la depressione e l'isolamento sociale, i disturbi uditivi nell'anziano sono ancora largamente sotto-diagnosticati e non adeguatamente affrontati in modo sistematico, in assenza di norme e raccomandazioni. Appare quindi chiaro che per far sì che i programmi di screening dell'adulto diventino una prassi, si dovranno sviluppare strategie e modelli di screening opportuni. Tra i numerosi ed importanti componenti dello screening si elencano: la definizione accurata del target e della popolazione da sottoporre a screening, l'identificazione di metodi, protocolli, follow-up, etc. Per quanto riguarda le tecnologie, lo screening uditivo per l'identificazione della sordità nell'adulto/anziano può essere effettuato attraverso numerose metodiche che si diversificano in base allo strumento/tecnologia impiegati. Alcune di esse prevedono l'uso di questionari, altre, invece, si basano sull'uso di test audiometrici; in quest'ultimo caso, le modalità di screening si diversificano in base al materiale sonoro utilizzato, tra cui i toni puri o le parole con rumore additivo. In questo contributo sono fornite le caratteristiche salienti, gli ambiti di utilizzo e la performance in termini di sensitività e specificità del test delle principali metodologie di screening tra cui: i. metodi basati sull'uso di questionari di autovalutazione della disabilità uditiva; ii. test di audiometria vocale in campo libero per la misura della percezione del parlato; iii. audiogrammi tonali di screening; iv. test di riconoscimento del parlato nel rumore.
Lingua abstractitaliano
Altro abstract-
Lingua altro abstract-
Pagine da227
Pagine a232
Pagine totali-
RivistaORL audiologia e foniatria
Attiva dal 1980
Editore: C.I.C. Edizioni Internazionali. Gruppo Editoriale Medico. - Roma
Paese di pubblicazione: Italia
Lingua: italiano
ISSN: 0391-8890
Titolo chiave: ORL audiologia e foniatria
Titolo abbreviato: ORL audiol. foniatr.
Numero volume della rivista2
Fascicolo della rivista2
DOI-
Verificato da refereeSì: Nazionale
Stato della pubblicazionePublished version
Indicizzazione (in banche dati controllate)-
Parole chiaveScreening della Presbiacusia, Evoluzione dei criteri di screening, Programmi di screening
Link (URL, URI)https://www.gruppocic.com/scheda_rivista.php?ID=94
Titolo parallelo-
Data di accettazione-
Note/Altre informazioniTrattasi di contributo invitato per la relazione ufficiale del Congresso SIAF 2017 sul tema "L'udito e l'equilibrio nel soggetto anziano", organizzato dalla Società Italiana di AudioFonologia (Siena, 27-30 settembre, 2017).
Strutture CNR
  • IEIIT — Istituto di elettronica e di ingegneria dell'informazione e delle telecomunicazioni
Moduli CNR-
Progetti Europei-
Allegati
  • Modelli di Screening dell'udito
    Descrizione: Copia dell'articolo pubblicato