Consiglio Nazionale delle Ricerche

Tipo di prodottoArticolo in rivista
TitoloData processing options and response scoring for OAE-based newborn hearing screening
Anno di pubblicazione2001
Formato-
Autore/iTognola, G , Grandori, F , Ravazzani, P.
Affiliazioni autoriIstituto di Ingegneria Biomedica CNR
Autori CNR e affiliazioni
  • PAOLO GIUSEPPE RAVAZZANI
  • FERDINANDO GRANDORI
  • GABRIELLA TOGNOLA
Lingua/e-
AbstractScoring of click-evoked otoacoustic emissions (CEOAEs) is typically achieved by the evaluation of the reproducibility of the whole emission and/or within narrow bands. Screening outcomes are influenced not only by the specific combination of the subdivision scheme (i.e., the number, position, and bandwidth of the narrow bands) and the threshold used to determine pass and refer, but also by the accuracy with which the reproducibility is estimated. This study was designed to examine what factors affect the accuracy of the reproducibility estimate and how the accuracy of the reproducibility estimate together with the choice of the subdivision scheme/thresholds affect CEOAE scoring. Simulations with real CEOAEs corrupted with synthesized noise indicated that the reproducibility estimate is influenced by time-windowing and band-pass filtering: the longer the time-window or the broader the bandwidth of the filter, the more accurate the estimate. Quantitative figures on numerical scoring were given in terms of the referral rate and were derived from CEOAEs recorded in a clinical environment from more than 3400 newborns. The narrow bands were extracted according to 12 different subdivision schemes covering the 1.5-4-kHz range. The referral rate was found to depend on the subdivision scheme being used: (i) the worst results were obtained considering four narrow bands at 1.6-2.4-3.2-4 kHz; (ii) the best results were obtained considering two narrow bands at 2.25 and 3.75 kHz; (iii) bandwidths greater than 1 kHz resulted in the lowest referral rates. Also, scoring based on the extraction of four narrow bands produced the most unstable results, i.e., a small change in the threshold might cause even a great change in the referral rate.
Lingua abstract-
Altro abstract-
Lingua altro abstract-
Pagine da283
Pagine a290
Pagine totali-
RivistaThe Journal of the Acoustical Society of America
Attiva dal 1929
Editore: American Institute of Physics for the Acoustical Society of America. - [New York, etc.]
Paese di pubblicazione: Stati Uniti d'America
Lingua: inglese
ISSN: 0001-4966
Titolo chiave: The Journal of the Acoustical Society of America
Titolo proprio: The Journal of the Acoustical Society of America.
Titolo abbreviato: J Acoust Soc Am
Numero volume della rivista109
Fascicolo della rivista1
DOI10.1121/1.1326949
Verificato da refereeSì: Internazionale
Stato della pubblicazione-
Indicizzazione (in banche dati controllate)
  • ISI Web of Science (WOS) (Codice:000166377400029)
Parole chiaveobjective signal scoring, correlation, non-linear response, otoacoustic emissions
Link (URL, URI)-
Titolo parallelo-
Data di accettazione-
Note/Altre informazioniLo studio, pubblicato sul ‘Journal of the Acoustical Society of America’, una delle riviste più prestigiose di acustica, ha come peculiarità quella di aver sviluppato per la prima volta nel settore un modello matematico esaustivo che tiene in considerazione l’influenza congiunta di svariati parametri di acquisizione sulla sensitività del test di otoemissioni. Si tenga presente che le otoemissioni sono segnali fisiologici provenienti dall’orecchio interno e sono oggi applicati su larga scala per la valutazione funzionale uditiva nel neonato (3° giorno di vita). I risultati ottenuti hanno avuto anche un notevole impatto clinico/pratico in quanto hanno dato forti e chiare indicazioni su quale deve essere la scelta ottimale dei parametri di acquisizione del segnale otoemissivo al fine di ottimizzare la sua specificità e sensitività.
Strutture CNR
  • IEIIT — Istituto di elettronica e di ingegneria dell'informazione e delle telecomunicazioni
  • ISIB — Istituto di ingegneria biomedica
Moduli CNR
    Progetti Europei-
    Allegati
    • Tognola et al., Data processing options and response scoring for OAE-based newborn hearing screening; J Acoust Soc Am, 2001

    Dati storici
    I dati storici non sono modificabili, sono stati ereditati da altri sistemi (es. Gestione Istituti, PUMA, ...) e hanno solo valore storico.
    Area disciplinareMedical Research, Organs & Systems
    Area valutazione CIVRScienze e tecnologie per una società dell'informazione e della comunicazione
    Rivista ISIJOURNAL OF THE ACOUSTICAL SOCIETY OF AMERICA [48872J0]
    Descrizione sintetica del prodottoScopo dello studio è quello di sviluppare un modello matematico in grado di valutare l’influenza dei parametri di acquisisizione del segnale sulla specificità e sensitività del test audiologico delle otoemissioni. In particolare, il modello matematico sviluppato ha permesso di valutare quantitativamente il grado di affidabilità nella stima dell’indice di riproducibiltà (usato correntemente nella pratica clinica per la valutazione delle emissioni otoacustiche) in funzione del livello di rumore, della ampiezza di banda dei filtri in acquisizione e della durata della finestra temporale di acquisizione. I risultati ottenuti tramite il modello sono stati poi estrapolati e validati su una casistica di otoemissioni reali misurate da una popolazione di 3400 neonati.