Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Istituto di studi sul Mediterraneo

Torna all'elenco Contributi in volume anno 2020

Contributo in volume

Tipo: Contributo in volume

Titolo: Abitare il luogo, il luogo dell'abitare. Le tracce francesi negli studi urbani italiani

Anno di pubblicazione: 2020

Formato: Cartaceo

: Capitolo

Autori: Marichela Sepe

Affiliazioni autori: CNR

Autori CNR:

  • MARICHELA SEPE

Lingua: italiano

Sintesi: L'abitare è uno dei concetti che sta alla base dell'esistenza dell'uomo sia in senso antropologico, che sociale, che urbano. L'ampiezza di significato riporta anche al suo valore psicologico, filosofico, economico e si può ancora estendere verso molteplici direzioni, costituendo da sempre campo di interesse per studiosi, amministratori, professionisti. L'abitare contemporaneo è ancora più complesso. Riprendendo la definizione fornita da Secchi «la città contemporanea, alle diverse scale dello spazio fisico, sociale, economico, istituzionale, politico e culturale, appare connotata da un medesimo grado di frammentarietà, esito di razionalità molteplici e legittime, ma spesso semplicemente accostate le une alle altre, percorsa da confini tanto invisibili quanto difficili da valicare. (...) I loro abitanti ci mostrano una città fatta a pezzi che, alle diverse scale, affida la propria organizzazione, la riconoscibilità e leggibilità della propria forma a un variegato insieme di strutture che, in una sorta di sincretismo popolare, fanno riferimento a principi e prototipi diversi». Per restringere il campo di studio, il concetto dell'abitare può essere traslato verso la sua accezione di involucro, di contenitore. Una forma di contenitore è costituita dal luogo, poroso, ma allo stesso tempo resistente e recettore di interazioni complesse non meno denso di significato dell'abitare, ma almeno comparabile e funzionale agli scopi di questo saggio. Negli studi francesi il concetto di luogo è continuamente rimandato a quello di abitare, contenendone le caratteristiche materiali ed immateriali. Iniziando da Augè, per proseguire non cronologicamente con Berque, Le Corbusier, Lefebvre, Perec, Ricoeur si proverà a disegnare - utilizzando parole e definizioni - un mosaico di sensi che si lascerà volutamente aperto, per tracciare le diverse direzioni, a volte derive, più che definire precisi percorsi, attraverso il quale gli studi francesi hanno influito e continuano ad influire su quelli italiani in campo urbano e urbanistico. Nelle sezioni Materiale/immateriale, Intersezioni/condivisioni, Contenitore/contenuto, Misura/descrizione, derive il saggio delineerà una serie di storie parallele che non arriveranno a chiudere il cerchio, ma che cercheranno di proporre ed aprire nuove strade, nuove "specie di spazi" .

Lingua sintesi: ita

Titolo del volume: Pensare lo spazio urbano. Intrecci tra Italia e Francia nel Novecento

Curatore/i del volume: Attilio Belli

ISBN: 9788891790859

Editore: FrancoAngeli, Milano (ITA)

Referee: Sì: Nazionale

Stato della pubblicazione: Published version

Parole chiave:

  • abitare contemporaneo
  • luoghi urbani
  • identità dei luoghi

Strutture CNR:

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus