Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Istituto di studi sul Mediterraneo

Torna all'elenco Contributi in volume anno 2018

Contributo in volume

Tipo: Traduzione in volume

Titolo: Sulle disparità economiche e politiche prevalenti e sulle prospettive di una stretta integrazione di una regione euro-mediterranea

Anno di pubblicazione: 2018

Formato: Cartaceo

Autori: Giovanni Canitano

Affiliazioni autori: CNR-ISSM

Autori CNR:

  • GIOVANNI CANITANO

Lingua: italiano

Sintesi: L'obiettivo dichiarato del partenariato euro-mediterraneo, l'Unione per il Mediterraneo, è quello di lavorare per la prosperità condivisa attraverso un processo che mira a realizzare una stretta integrazione della regione mediterranea, promuovendo in tal modo lo sviluppo e la stabilità principalmente dei paesi del sud del Mediterraneo e il restringimento degli attuali divari economici e politici tra nord e sud. Lungo il percorso di integrazione, sono state create una serie di istituzioni per promuovere la cooperazione tra i partner dell'Unione. Tuttavia, la realizzazione di questo obiettivo deve affrontare ostacoli importanti in quanto il mondo «Med» è costituito da diverse sfere politico-economiche che non necessariamente convergeranno lungo questo percorso, almeno fino a quando non saranno soddisfatte alcune importanti condizioni politiche, come verrà discusso di seguito. Questo lavoro ha un duplice obiettivo: il primo di delineare le disuguaglianze economiche nella regione del Mediterraneo, e il secondo, ancora più importante, di concentrarsi sulla regione araba mediterranea quale partner potenzialmente vitale in un sodalizio significativo con i paesi euro-mediterranei. Ciò che sembra ostacolare lo sviluppo di un simile partenariato non sono tanto le disuguaglianze economiche, quanto il divario che separa la governance politica nelle zone settentrionali e arabe nell'area nordafricana e l'ambiente conflittuale che prevale in Medio Oriente. Allo stato attuale, qualsiasi negoziato di partenariato rifletterebbe posizioni contrattuali estremamente disuguali: l'Ue come un blocco rispetto ai singoli paesi arabi, essendo la Lega degli Stati arabi un'organizzazione inefficace. In altre parole, la mancanza di un vero governo democratico nella maggior parte deipaesi arabi, se non in tutti, agisce come fattore limitante di qualsiasi integrazione utile e significativa. A meno che non si verifichi un'importante transizione dall'autocrazia (indipendentemente dalla sua forma o grado) alla vera democrazia, e che i conflitti regionali (in particolare il conflitto arabo/israeliano) siano legittimamente risolti, la prosperità condivisa, che presumibilmente il partenariato euro-mediterraneo intende raggiungere, rimane un desiderio, forse, irraggiungibile. Questo capitolo discute i fattori alla base della persistenza dell'autocrazia nell'area mediterranea araba e il ruolo dei conflitti nel mantenerla. Le rivolte del 2011 hanno inizialmente suscitato la speranza di un cambiamento fondamentale nel corso politico di diversi paesi del Mediterraneo arabo, per poi dissolversi negli anni a venire. L'esito finale delle rivolte rimane incerto.

Lingua sintesi: ita

Pagine da: 77

Pagine a: 105

Pagine totali: 28

Titolo del volume: Rapporto sulle economie del Mediterraneo. Edizione 2018

Curatore/i del volume: Eugenia Ferragina

ISBN: 978-88-15-27938-5

Edizione/Versione: Edizione 2018

Editore: Il Mulino, Bologna (ITA)

Referee: Sì: Nazionale

Stato della pubblicazione: Published version

Parole chiave:

  • disparità economiche
  • disparità politiche
  • integrazione
  • regione euro-mediterranea

Titolo dell'opera originale: On Prevailing Economic and Political Disparities and the Prospects for Close Integration of the Med RegionOn Prevailing Economic and Political Disparities and the Prospects for Close Integration of the Med Region

Autore dell'opera originale: Samir Makdisi

Lingua dell'opera originale: inglese

Strutture CNR:

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus