Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell'ambiente

Torna all'elenco Contributi in atti di convegno anno 2014

Contributo in atti di convegno

Tipo: Contributo in atti di convegno

Titolo: Integrazione progressiva di dati geotecnici e da satellite nell'analisi del rischio da frana in area urbana: il quartiere di Ianò-Catanzaro

Anno di pubblicazione: 2014

Formato: Cartaceo

Autori: Gullà G., Fornaro G., Borrelli L., Antronico L., Reale D., Verde S.

Affiliazioni autori: CNR-IRPI, CNR-IREA

Autori CNR:

  • LOREDANA ANTRONICO
  • LUIGI BORRELLI
  • GIANFRANCO FORNARO
  • GIOVANNI GULLA'
  • DIEGO REALE
  • SIMONA VERDE

Lingua: italiano

Abstract: Nel febbraio del 2010, e nell'inverno 2008-2009, numerose aree urbane della Calabria sono state interessate da diffusi fenomeni di frana. Fra queste il popoloso quartiere di Ianò, nel comune di Catanzaro, dove si determinò una grave condizione di emergenza. L'area di interesse risulta in larga parte classificata a rischio molto elevato (R4) nel PAI Calabria. Per le finalità indicate nell'Ordinanza P.C.M. n. 3862/2010 e negli approfondimenti successivi, sono stati condotti rilievi, indagini e monitoraggi. L'area su cui insiste il quartiere di Ianò, a Nord del centro di Catanzaro, è caratterizzata dalla presenza di creste costituite dalle testate di strato di arenarie e di concavità morfologiche riempite da colluvioni. Le frane presenti sono del tipo scorrimento roto-traslazionale, a volte con evoluzione in colata della porzione terminale. In particolare, le frane del febbraio 2010 sono prevalentemente riattivazioni parziali di fenomeni franosi preesistenti. Per finalità conoscitive e per supportare la gestione della fase di post-emergenza è stata realizzata una rete integrata di monitoraggio (verticali attrezzate con piezometri e con tubi inclinometrici, capisaldi GPS). L'attività di monitoraggio ha tratto beneficio dall'elaborazione di una serie di immagini radar ad apertura sintetica (SAR), acquisita dal satellite TerraSAR-X, attraverso tecniche di Interferometria Differenziale. L'uso dell'approccio interferometrico ha condotto alla stima di mappe di spostamento sull'intera area di interesse, con accuratezze sub-centimetriche e risoluzioni spaziali dell'ordine di 2 m. Nella nota, partendo da una valutazione del rischio residuo da frana condotta su base geologico-geomorfologica, sono proposti alcuni semplici criteri per integrare progressivamente nella stessa valutazione le indicazioni desumibili dall'elaborazione di dati satellitari e dal monitoraggio geotecnico degli spostamenti.

Lingua abstract: italiano

Pagine da: 571

Pagine a: 578

ISBN: 978-88-97517-05-4

Referee: Sì: Nazionale

Parole chiave:

  • frana
  • rischio da frana
  • monitoraggio geotecnico
  • TerraSAR-X
  • DInSAR

Congresso nome: XXV Convegno Nazionale di Geotecnica

Congresso luogo: Baveno

Congresso rilevanza: Nazionale

Congresso relazione: Contributo

Strutture CNR:

Moduli:

Allegati: Integrazione progressiva di dati geotecnici e da satellite nell'analisi del rischio da frana in area urbana: il quartiere di Ianò-Catanzaro (application/pdf)
Presentato anche come poster.

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus