Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Istituto sull'inquinamento atmosferico

Torna all'elenco Contributi in atti di convegno anno 2015

Contributo in atti di convegno

Tipo: Contributo in atti di convegno

Titolo: Nuove prospettive per l'utilizzo del remote sensing nella gestione delle emergenze da rischi Natech e l'uso della terminologia specifica

Anno di pubblicazione: 2015

Formato: Elettronico

Autori: Di Franco Sabina, Salvatori Rosamaria, Rapisardi Elena

Affiliazioni autori: CNR-IIA, Univ. Torino

Autori CNR:

  • ROSAMARIA SALVATORI

Lingua: italiano

Abstract: The Earth Observation (EO) techniques are becoming increasingly important in risk management activities not only for natural hazards and natural disaster monitoring but also to ride out industrial and Natech accidents. The latest development in the aerospace industry such as sensors miniaturization and high spatial and temporal resolution missions devoted to monitoring areas of specific interest, have made the use of EO techniques more efficient and ready to use in near real time conditions. This paper summarize the current state of knowledge on how EO data can be useful in manage all the phases of the Natech disaster, from the environmental conditions before the accident strikes to the post accident relief, from the scenario setting and planning stage to damage assessment. Moreover some terminological tools are proposed NHWikisaurus and EOSterm thesaurus, that could be useful for semantic knowledge spreading in EO and risk managment.

Lingua abstract: inglese

Altro abstract: Riassunto Le tecniche di remote sensing hanno assunto un ruolo fondamentale nella gestione dei rischi, come è dimostrato anche dal programma Copernicus, fase operativa del GMES (Global Monitoring for Environment and Security), che offe tra i suoi servizi l'Emergency Management Service.I più recenti sviluppi del settore aerospaziale, la miniaturizzazione dei sensori, le missioni ad altra risoluzione, le costellazioni di micro-satelliti, così come l'utilizzo crescente di UAV (Unmanned Aerial Vehicle), stanno consentendo di superare le precedenti limitazioni tecnologiche (risoluzione spaziale, tempi di rivisitazione), che rendevano poco efficace l'uso di questi dati per la gestione delle emergenze. Questo lavoro pone l'attenzione sulla possibilità di utilizzare i dati provenienti dal remote sensing per quella categoria di rischi definiti "Natech" (Natural - Technological), che comprende tutti quegli incidenti tecnologici, innescati da fenomeni naturali, che avvengono in impianti o durante il trasporto di sostanze dannose. Viene inoltre evidenziata la necessità di uno specifico linguaggio, che permetta a tutti gli user un corretto e tempestivo recupero dei dati e delle informazioni necessarie. Si propongono alcuni strumenti terminologici, NHWikisaurus e EOSterm thesaurus, che possono contribuire alla condivisione semantica.

Lingua altro abstract: italiano

Pagine da: 331

Pagine a: 338

ISBN: 978-88-941232-2-7

Referee: Sì: Nazionale

Stato della pubblicazione: Published version

Parole chiave:

  • Emergency
  • Industrial accident
  • Man-made hazards
  • Natech
  • Preparedness
  • Recovery
  • Risk management
  • Small satellite
  • UAV

Congresso nome: XIX Conferenza Nazionale ASITA

Congresso luogo: lecco

Congresso data: 29-30 Settembre - 1 ottobre 2015

Congresso rilevanza: Nazionale

Congresso relazione: Contributo

Strutture CNR:

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus