Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Focus

Enzimi fuor d'acqua  (2002)

A cura di: Istituto di chimica del riconoscimento molecolare - ICRM

Gli enzimi sono proteine che catalizzano le reazioni chimiche indispensabili per gli esseri viventi. Esercitano la loro azione in condizioni blande e mostrano proprietà molto utili per la sintesi di composti chimici di interesse farmaceutico, agrochimico o alimentare. Fino ai primi anni '80 si pensava che gli enzimi fossero attivi solo in acqua, in cui la maggior parte delle molecole organiche è poco solubile, e che i solventi organici distruggessero il loro potere catalitico. Per ovviare a questa incompatibilità di mezzo di reazione tra catalizzatori e reagenti, i primi gruppi di ricerca attivi nella cosiddetta "biocatalisi" - tra cui quello presente nel nostro Istituto dall'inizio degli anni '70 - hanno condotto reazioni in presenza di quantità crescenti di solventi organici. Inizialmente sono stati utilizzati co-solventi miscibili (es. acetone), poi si è passati a solventi non miscibili che formano sistemi bifasici acqua/solvente organico (es. toluene) in cui la fase organica contiene i substrati e/o i prodotti mentre l'enzima è disciolto nella fase acquosa (Figura). Riducendo progressivamente la fase acquosa si è arrivati all'utilizzo di solventi organici puri: il biocatalizzatore, liofilizzato o precipitato, viene sospeso nei solventi in presenza della minima quantità di acqua necessaria per garantire l'attività catalitica. In queste condizioni non è possibile osservare una fase acquosa distinta, poiché la sua concentrazione è inferiore al valore massimo della sua solubilità nel solvente organico. Con iniziale sorpresa si è scoperto che in queste condizioni estreme non solo gli enzimi continuano a "funzionare" ma presentano anche nuove proprietà quali l'aumento della termostabilità, la possibilità di catalizzare reazioni di sintesi anziché di idrolisi o di modulare la loro regio- ed enantioselettività.
I ricercatori del nostro Istituto, dopo aver svolto un ruolo pionieristico nell'uso di enzimi in sistemi bifasici, sono da anni impegnati nello studio della biocatalisi in solventi organici puri, sia per trasformare substrati non naturali su scala preparativa che per ottimizzare le condizioni di reazione, in particolare relativamente alla formulazione degli enzimi. Analizzando le cause che concorrono ad una minore attività degli enzimi e studiando le loro prestazioni una volta immobilizzati o adsorbiti su idonei supporti o in presenza di additivi attivanti, è stato possibile ottenere formulazioni enzimatiche che mostrano un'attività catalitica simile, o in alcuni casi perfino superiore, a quella mostrata dagli stessi biocatalizzatori in acqua. Tutto questo ha permesso non solo di acquisire conoscenze di base sul funzionamento degli enzimi, ma di sviluppare nuove metodologie facilmente trasferibili a laboratori di ricerca accademici ed industriali, nonché utilizzabili per la produzione di molecole di interesse per la chimica fine. Le ricerche sono state finanziate dal CNR, dalla Comunità Europea e da industrie farmaceutiche italiane.

Immagine - Figura
Documento - Enzimi fuor d'acqua

 

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus