Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Consulenze disponibili
Settore:
Biodiversità


Applicazioni del telerilevamento per indagini ambientali in aree polari ed in ambiente mediterraneo. 
Metodologie per l'elaborazione delle immagini multi- ed iper- spettrali per l'estrazione di tematismi finalizzati alla realizazione di GIS; realizzazione di banche dati ambientali correlabili con dati satellitari; misure spettroradiometriche ed osservazioni di campo per la validazione dei dati telerilevati e per analisi terriroriali.

Diversità e trasformazione spazio-temporale della comunità cianobatterica di ambiente artico nello Spitsbergen, Isole Svalbard 
Si vuole sviluppare un confronto fra ambienti polari ed ambienti alpini, anche coinvolgendo altri gruppi italiani che svolgono attività in ambiente polare. Campioneremo siti e corpi idrici sulla morena del Midtre Lovènbreen, nella striscia pianeggiante costiera e attorno a Ny Ålesund (base polare CNR).

Gestione sostenibile degli ecosistemi marini e lagunari mediante protocolli sperimentali di potenziamento e salvaguardia delle risorse biologiche. 
Le risorse biologiche nelle aree marino-costiere sono influenzate dall'impatto antropico. La consulenza che si offre riguarda: a) la progettazione e gestione di strutture fisse, quali le barriere artificiali, atte a preservare e incrementare tali risorse a beneficio anche della produttività lagunare; b) la messa a punto di protocolli per la gestione idrica e biologica delle lagune mediante paratoie e lavorieri, il ripopolamento selettivo e la formazione di operatori del settore.

Metodologie di utilizzo di immagini satellitari per studi territoriali. 
Utilizzo di sensori remoti multi ed iperspettrali; analisi comparata di dati satellitari multispettrali ripresi da sensori diversi; analisi multitemporali basate sull'estrazione di parametri ambientali da immagini telerilevate per la determinazione delle modifiche indotte sul territorio.

Monitoraggio delle comunità bentoniche e demersali dei mari italiani 
Campionamenti con benne e draghe da benthos, reti a strascico e pelagiche per la caratterizzazione delle comunità bentoniche, demersali e nectoniche e per lo studio della biodiversità dei mari italiani, anche in relazione all'espansione nel Mediterraneo di specie aliene (Non Indigenous Species) introdotte accidentalmente dall'uomo o in seguito al cambiamento globale.

Piano Operativo Nazionale Sicurezza per lo sviluppo del Mezzogiorno - Sistema MIVIS (Multispectral Infrared and Visible Imaging) per riprese elettroniche iperspettrali 
L’attività di servizio è finalizzata alla realizzazione di campagne di volo con lo spettrometro MIVIS su tutte le regioni obiettivo 1; successiva elaborazione di immagini per la produzione di tematismi georiferiti (carte tematiche di uso del suolo e delle specie vegetali predominanti, mappatura dei siti adibiti a discariche, etc.) utilizzabili direttamente dagli utenti finali, nell'ambito del sistema informativo del PON. Attività di consulenza scientifica e di formazione.

Sperimentazioni e attività di gestione del campo sperimentale nell'Adriatico settentrionale 
L'attività prevede la gestione di un campo sperimentale in mare e permetterà: i) descrizione delle comunità biologiche in relazione alla realizzazione di un’area con barriere artificiali antistrascico; ii) valutazione della capacità produttiva e dell’impatto mediante bioindicatori; iii) studio delle condizioni ambientali e monitoraggio mediante boa per misure oceanografiche e meteomarine.

Studio della comunità cianobatterica nel quadro del catasto delle tipologie fluviali d’alta quota in Trentino 
Cianobatteri isolati e campioni naturali verranno studiati con approcci basati sulla morfologia e sulla caratterizzazione di isolati in coltura e con approcci molecolari innovativi. Verrà sviluppato un DNA microarray specifico per lo studio della comunità cianobatterica di ambienti di alta montagna e polari che permetterà di estendere rapidamente le osservazioni a numerosi siti, costruendo mappe di diffusione di specie chiave da poter utilizzare nel confronto con altri parametri ambientali.

 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus