Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Modulo
Attività di monitoraggio dell'atmosfera mediante misure in stazioni di remote sensing attivo e passivo da terra e a terra, da aereo e da satellite e procedure di calibrazione, confronto, validazione, integrazione e assimilazione


Dipartimento: Terra e Ambiente
Progetto: Osservazione della Terra
Commessa: Sviluppo di Metodologie per l'integrazione di dati di osservazione della terra multisensore
Modulo: Attività di monitoraggio dell'atmosfera mediante misure in stazioni di remote sensing attivo e passivo da terra e a terra, da aereo e da satellite e procedure di calibrazione, confronto, validazione, integrazione e assimilazione
Stato: Modulo terminata    Primo anno di attività: 2005     Anno chiusura previsto: 2011
Tipologia di ricerca: Progetti relativi a linee tematiche a carattere strategico
Istituto esecutore del modulo: Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (ISAC)   Dipartimento di afferenza: Terra e Ambiente
Gestore: CLAUDIO TOMASI
Parole chiave: Valutazione Qualità Aria, Sensori Inquinamento Atmosferico, Reti di Monitoraggio
Abstract:
Questo modulo si propone di sviluppare le linee di ricerca previste nel progetto QUITSAT per il monitoraggio della qualità dell'aria, favorendo in tal modo la partecipazione a futuri progetti ESA (e a GMES in particolare). Tali attività sono mirate a definire metodologie di integrazione dei dati satellitari (su PM e gas) con misure di remote sensing attivo e passivo a terra e da terra e con i dati forniti dalla modellistica CTM (chimica, meteorologica e di trasporto). In particolare, sono in corso attività di sviluppo delle metodologie di radiometria solare multispettrale (PREDE) per la misura dello spessore ottico degli aerosol (AOD) a diverse lunghezze d'onda e delle sue proprietà radiative, da utilizzare per la validazione delle procedure di retrieval dell'AOD e delle proprietà ottiche degli aerosol da dati satellitari (MODIS, MISR,...). Particolare attenzione è stata rivolta alla definizione di un nuovo procedimento di calibrazione di fotometri solari non termostatati, utilizzando il metodo detto "Skyrad Improved Langley plot" sviluppato nell'ambito degli accordi di ISAC con SKYNET (Giappone) e con EuroSkyRad (Univ. di Valencia, Spagna; Plymouth Marine Laboratory, Regno Unito).











 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus