Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Stato Avanzamento Attività
modulo
Biodiversità e gestione sostenibile di ecosistemi agroforestali


  anni:  2011   2012   2013 

Stato di Avanzamento attività anno 2013

Previsione attività per l'anno 2013
Attività svolta:
1. Studi di genetica di popolazioni su diverse specie agroforestali: Castanea, Juglans, Quercus, Alnus, Araucaria 2. Studi di biologia fiorale: Castanea, Juglans. 3. Caratterizzazione clonale: Robina pseudoacacia 4. Analisi socio-ecologiche
Risultati conseguiti:
1.Studi di genetica di popolazioni: Castanea sativa - Sono proseguite le analisi genetiche, mediante marcatori SSR, di popolazioni naturali di Castanea sativa provenienti dall'Europa, includendo nuove popolazioni dalla Georgia, Atzerbajan, Russia e Slovakia. I risultati hanno confermato tre principali pool genici: in Europa occidentale, in Turchia occidentale e Grecia e in Turchia centro-orientale. L'analisi spaziale (GIS) ha fornito ulteriori indicazioni sulle principali aree di diversità genetica. Quercus trojana - Sono state completate le analisi genetiche, mediante marcatori SSR, sui 75 campioni di Q. trojana raccolti nel parco dell'Alta Murgia nel 2012. Le analisi hanno evidenziato due gruppi geneticamente differenziati e con un elevato livello di eterozigosi e di numero di alleli privati. Inoltre sono stati effettuati ulteriori campionamenti in Puglia e in Sicilia. Alnus cordata e Alnus glutinosa – Sono state completate le analisi genetiche , mediante SSR, delle 16 popolazioni di Alnus cordata/A. glutinosa campionate nel 2012. E' stato quantificato il livello di variabilità e divergenza genetica delle due specie ed sono stati evidenziati fenomeni di introgressione interspecifica in diverse popolazioni miste. Araucaria araucana - Sono state analizzate, mediante 8 marcatori SSR, 30 popolazioni cilene e argentine. I risultati relativi alle popolazioni cilene hanno evidenziato due gruppi (cordigliera Ande e costa) geneticamente differenziate. Juglans regia - E'stata completata l'analisi spaziale (landscape genetic overlay approach) su 39 popolazioni asiatiche basata su dati molecolari, geografici e ambientali. I risultati hanno permesso di evidenziare le principali zone di diversità genetica, barriere genetiche e green corridors (vie di comunicazione) nel continente asiatico. 2.Studio della fenologia di fioritura: Castanea sativa – L'analisi è stata condotta, seguendo il protocollo di osservazione e calcolo sviluppato nel 2012, su piante mantenute in common garden provenienti da popolazioni turche geneticamente divergenti e ibride. I risultati hanno evidenziato una significativa variabilità temporale della fioritura tra i tre gruppi di popolazioni. Juglans regia e J. nigra - Sono state identificate piante ibridogene nel campo sperimenatale dell'Istituto. Sono state raccolte le progenie ibride (F1) sulle quali sono state eseguite analisi di paternità mediante marcatori molecolari e caratteri morfologici e fenologici dei fiori femminili e del pool pollinico.Sono stati identificati 4 potenziali padri all'interno dell'impianto. Sono stati raccolti semi F2 (J.xintermedia x Jxintermedia) e backcross (J.xintermedia x J.nigra/J.regia). I semenzali ottenuti sono stati analizzati per caratteri morfologici (es. posizione e forma brattee) e marcatori molecolari. I risultati morfologici hanno permesso di identificare possibili piante backcross vs. J.regia (brattee chiuse/parallele) mentre la conferma molecolare necessita ulteriori analisi con un numero più elevato di marcatori. 3.Caratterizzazione clonale Robinia pseudoacacia- L'identità/diversità clonale di 20 ramets/5 ortet nate da talee radicali di 5 cloni ungheresi è stata verificata con 9 marcatori microsatellitari. L'analisi MLG ha evidenziato 4 gruppi, invece di 5, e 6 MLG privati. I risultati sono un importante esempio di controllo clonale pre e post raccolta. 4.Analisi socio-ecologiche - Nell'ambito del progetto "Qualità delle produzioni tipiche campane ed il suo territorio: approcci innovativi ed integrati per rafforzare la competitività del sistema agroalimentare" è stata condotta un'indagine sulla filiera della castanicoltura da frutto nel territorio di coltivazione della castagna di Montella (AV). Tenuto conto della diffusione del cinipide del castagno, lo studio si pone come obiettivo principale quello di valutare se nel territorio sono in atto strategie per fronteggiare la crisi del settore. A tal fine sono stati intervistati testimoni privilegiati della filiera presenti nel territorio (aziende produttrici, imprese di trasformazione, istituzioni locali). Da ciò è emersa una forte crisi dovuta alla diminuzione della produzione locale (fino all'80-90% in queste ultime 3 annate) che può innescare diverse problematiche che possono avere importanti ricadute. Sono stati identificati i principali effetti socio-economici, sull'ambiente e sulla qualità del prodotto.












 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus