Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Stato Avanzamento Attività
modulo
Sviluppo di Metodologie per l'integrazione di dati di osservazione della terra multisensore


  anni:  2005   2006   2007   2008   2009   2010   2011   2014 

Stato di Avanzamento attività anno 2007

Previsione attività per l'anno 2007
Attività svolta:
E' stato realizzato un esempio di sistema Integrato di Monitoraggio costituito da una rete di sensori in grado di rilevare la presenza in aria di inquinanti gassosi e di misurare l'inquinamento elettromagnetico e acustico a Parma. Per la natura composita della situazione emissiva e per la complessità del tessuto urbano in esame è stato individuato in un approccio basato sull'impiego di diverse metodologie di misura lo strumento migliore per effettuarne il monitoraggio. Affiancata a questa attività è stata effettuata un'attività di analisi dati di campagne di monitoraggio con campionatori passivi. Al fine di validare uno studio orientato a quantificare gli Inquinati Organici Persistenti (POPs) a livello globale mediante l'uso di campionatori passivi è stato effettuato in Cile una campagna di misure con un campionatore alto-volume. E' stata inoltre effettuata una caratterizzazione radiometrica del particolato autoveicolare e un confronto con corrispondenti tecniche analitiche tradizionali. Presso la Sezione di Rende sono state svolte le valutazioni per la messa a punto di un prototipo iniziale di uno strumento integrato per l'analisi in automatico del mercurio nelle diverse forme
Risultati conseguiti:
Sono state effettuate le seguenti campagne: - Parma: è stato realizzato nella città di Parma un sistema Integrato di Monitoraggio impiegando sensori elettronici a stato solido (RSD, reti di sensori distribuiti) e campionatori diffusivi. La combinazione delle due metodiche ha consentito di ottenere il duplice risultato di effettuare una indagine di vasta portata sul territorio su circa 80 stazioni equipaggiate con campionatori diffusivi (elevata risoluzione spaziale), ma allo stesso tempo di avere su una frazione dei siti indagati (10 degli 80 dislocati sul territorio) dati con un'elevata risoluzione temporale forniti dalla strumentazione automatica basata sui sensori. I sensori a stato solido (sensori a semiconduttore) sono stati assemblati in un'unica unità (centralina multigas) dalla società Pirelli Labs partner nel progetto. Le campagne di monitoraggio sono state precedute da test di verifica sui sensori per CO, NOx e NO2 in parallelo con strumentazione di riferimento secondo la vigente normativa. E' stato studiato l'andamento dei due sistemi di misura in diverse situazioni: (1) gas rilasciato in ambiente chiuso da bombole a concentrazione nota, (2) emissioni di un veicolo diesel convogliate nello stesso ambiente. Le prove sono state condotte servendosi di due differenti setup sperimentali. Il primo è stato impiegato nelle prove indoor. Questo setup è stato concepito come adattamento, prevalentemente di tipo pneumatico, della centralina multiparamentrica alle prove che hanno richiesto una configurazione dedicata (ad esempio nelle prove di interferenza). Il secondo setup sperimentale è stato utilizzato per le prove outdoor (Field Test) e si avvale della centralina nella sua configurazione standard utilizzata per le prove nella città di Parma. - Montenegro: esecuzione di 4 campagne di monitoraggio di SO2, NO2, NOx, NH3, O3, BTX, NMHC (mediante campionatori passivi) per la valutazione preliminare della qualità dell'aria nei siti di Podgorica e Budva - Serbia: completamento della valutazione preliminare della qu












 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus