Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Stato Avanzamento Attivitā
modulo
Processi di trasferimento di microinquinanti attraverso aerosol atmosferico.


  anni:  2005   2006 

Stato di Avanzamento attivitā anno 2006

Previsione attivitā per l'anno 2006
Attivitā svolta:
Durante il 2006 sono state effettuate campagne di campionamento di deposizioni atmosferiche sia secche che umide in diverse stazioni della Laguna di Venezia. Nei campioni raccolti sono stati determinati i microinquinanti organici (PCB, IPA, PBDE) ed elementi in tracce sia di origine crostale (Fe, Mn, Al, ecc..) che antropica (Pb, Cu, Cd, Zn, ecc). Nel mese di maggio sono state condotte campagne di campionamento di aerosol PM2.5. Nei campioni prelevati sono state effettuate determinazioni della concentrazione di elementi in tracce e microinquinanti organici.Per la determinazione dei composti organici solforati volatili di origine naturale durante tutto l'anno sono state condotte campagne di campionamento di acqua superficiale della Laguna di Venezia ed č stata effettuata la determinazione di dimetilsolfuro (DMS) e dimetilsolfonio propinato (DMSP), solfuro di carbonio (CS2) e dimetilsolfossido (DMSO). Nei primi mesi del 2006 si č conclusa la campagna di campionamento della frazione "dissolta" e "particellata" di microinquinanti organici in atmosfera sul plateau antartico (Dome C), mentre verso la fine del 2006 č iniziata quella presso la base Mario Zucchelli a Baia Terra Nova.
Risultati conseguiti:
L'attivitā di ricerca ha previsto lo studio del ruolo dell'aerosol nel trasferimento di inquinanti organici in aree urbane e della relazione tra i composti organici solforati di origine naturale e i cicli climatici e stagionali nella Laguna di Venezia. In particolare sono state determinate le concentrazioni di microinquinanti organici ed elementi in tracce nelle deposizioni atmosferiche secche e umide in una stazione della Laguna di Venezia. I dati ottenuti, congiuntamente a quelli prodotti nel 2005, permettono di ottenere un interessante trend temporale (14 mesi) che mette in evidenza la forte stagionalitā della concentrazione di tutti i composti e gli elementi indagati e di stimarne il flusso verso il sistema acquatico lagunare. Il flusso di IPA e PCB mostra valori maggiori nel periodo inverno-primavera e minori nell'estate. Si osserva inoltre che per tutto il periodo di studio il flusso di IPA dovuto alle deposizioni umide č superiore a quello delle deposizioni secche con valori superiori a quelli riscontrati in letteratura. Per quanto riguarda i metalli si osserva che elementi quali Ca, Na, Mg, Al, K, Fe mostrano i flussi di deposizione sia secca che umida notevolmente superiori a quelli di elementi quali V, Cr, Mn, Zn, Cu, Cd, Pb. Per il primo gruppo di elementi si possono identificare degli andamenti stagionali differenti per i flussi dovuti alle deposizioni secche rispetto alle deposizioni umide. In particolare i flussi maggiori per le deposizioni secche si hanno nel periodo invernale e di fine primavera mentre per le deposizioni umide i valori maggiori si hanno nei periodi primavera-estate. Per quanto riguarda il secondo gruppo di elementi l'evoluzione stagionale del flusso dovuto alle deposizioni mostra valori maggiori nel periodo invernale per le deposizioni secche e nel perido estivo per le deposizioni umide. Sono stati inoltre valutati i flussi medi turbolenti (PM2.5) ed i processi di diffusione di tutti gli inquinanti indagati. Per quanto riguarda la stima del flusso medio turbolento degli IPA i valo












 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus