Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Previsione Attività
Commessa
Gestualita', oralita' e lingua scritta nello sviluppo e nella lingua dei segni


  anni:  2006   2007   2008   2009   2010   2011   2012   2013   2014   2015 

Previsione attività anno 2015

Attività da svolgere:
Proseguiranno le collaborazione attive nell'ambito del prog. SIGNMET con i seguenti obiettivi: studiare il ruolo dei fattori ambientali nell'acquisizione delle lingue dei segni; creare una metodologia di valutazione delle competenze linguistiche nelle lingue dei segni condivisa a livello europeo; approfondire l'analisi comparativa tra alcune lingue dei segni usate in Europa allo scopo di mettere in luce somiglianze e differenze. Diffondere la piattaforma sviluppata nell'ambito del progetto VOLIS negli ambienti educativi e riabilitativi in cui viene usata la LIS con bambini sordi e udenti. Proseguiranno inoltre gli studi sul bilinguismo di bambini e ragazzi sordi e sulle loro abilità di comprensione del testo scritto nonchè sull'efficacia di diverse tipologie di facilitazioni del testo. Proseguirà la definizione di indici precoci di rischio per lo sviluppo del linguaggio, anche in riferimento a bambini bilingui. I dati raccolti con bambini sordi segnanti utilizzando la stessa prova verranno analizzati per indagare la continuità fra gesti coverbali dei bambini udenti e i segni (LIS) di bambini e adulti sordi. In collab. con l'Univ. di Trento, verranno analizzati e pubblicati dati raccolti nell'ambito del del prog.MIUR Futuro in Ricerca n. RBFR086HEW 'The Other Understanding in Movement' (TOUM) (resp. L. Sparaci), verranno analizzati i dati raccolti su un campione di bambini con Disturbi dello Spettro Autistico, sia in base ai parametri cinematica provenienti dai sensori di movimento utilizzati, sia tramite sistemi di codifica video tradizionale. Nell'ambito del progetto GEST_LAN_D (EU People IRSES - Grant Agreement 2013-612563, resp. CNR O. Capirci) verrà completata la raccolta dati con il test di comprensione e produzione lessicale PING nelle lingue Italiano, Francese, Zulu e South Sotho su 120 bambini di 2-3 anni (30 per ciascuna lingua). I dati raccolti saranno codificati attraverso il coding scheme precedentemente messo a punto con il software ELAN e analizzati in un ottica evolutiva e di confronto cross-culturale e cross-linguistico. Proseguiranno le collaborazioni con le Univ. del Salento, Trieste, Milano-Bicocca e Milano-Cattolica, con i seguenti obiettivi: approfondire l'interazione fra modalità di scrittura sub-lessicale e lessicale in bambini di scuola elementare; estendere alla scrittura di frasi il trattamento riabilitativo lessicale di bambini con disortografia evolutiva; analizzare la casistica degli errori di lettura e scrittura compiuti dai bambini (normolettori e con dislessia evolutiva) per individuare modalità di potenziamento delle capacità di lettura e scrittura.. Nell'ambito del progetto WoRHD (FP7, ERG n.224919, resp. L. Barca), verrà finalizzato per la pubblicazione un lavoro dedicato allo studio dell'elaborazione implicita di informazioni fonologiche in uno studio di cinematica (i.e., Mouse Tracker) con paradigma di categorizzazione semantica di immagini (sessione A) o parole (sessione B). Ai partecipanti, adulti monolingui, era richiesto di selezionare con il movimento del mouse uno di due elementi (target e distrattore) in base alla loro congruenza semantica (artefatto o naturale) con una parola cued. La somiglianza fonologica tra la parola cued ed il distrattore era manipolata. I risultati preliminari mostrano che la presenza del distrattore fonologico ha prodotto delle traiettorie di risposta con curvatura maggiore verso la categoria semantica concorrente rispetto ai trial in cui il distrattore non era fonologicamente relato con la parola cued. Questo suggerisce che la categorizzazione semantica degli stimoli è influenzata dall'attivazione automatica delle informazioni fonologiche, anche quando sono irrilevanti per la corretta esecuzione del compito. Prosegue lo studio comparativo fra le lingue dei segni (LS) e le lingue verbali (LV) e le attività relative alla rappresentazione scritta della LIS; si indagherà, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Documentarie, Linguistico-Filologiche e Geografiche dell'Università Sapienza di Roma, come la ricerca sulle lingue dei segni influenzi i cambiamenti linguistici e apra nuove prospettive di ricerca sul linguaggio umano. Si diffonderanno i risultati relativi alle strategie di elaborazione di testi scritti in apprendenti sordi e quelli relativi alla sperimentazione di metodologie E-learning che promuovono le abilità in lingua scritta in persone sorde. Nell'ambito del progetto MODEL ACT (FIRB-"FUTURO IN RICERCA", resp. Tomasuolo), sulla base dello studio pilota condotto su 10 bambini di età scolare, si sta definendo il protocollo e il setting sperimentali appropriati per testare l'acquisizione dei verbi d'azione nei bambini. In seguito al pilot infatti è stata riesaminata l'ipotesi che ci sta portando ad arrivare alla ridefinizione ultima del protocollo sperimentale che verrà usato nella prossima raccolta dati vera e propria. Non proseguiranno le attività relative al modulo 002.
Punti critici e azioni da svolgere:
E' necessario: - affinare sistemi di notazione e codifica per analizzare gesti e segni sul piano formale e motorio in funzione dell'età e delle esperienze comunicative e linguistiche del parlante/segnante; ideare e usare nuovi strumenti di rappresentazione e elaborazione informatizzata, ontologie, image-processing; - sviluppare e adattare griglie di codifica e analisi delle abilità pragmatiche e delle modalità di controllo, da parte degli adulti, dell'attenzione dei bambini (udenti, sordi, con sindromi genetiche), che tengano conto della modalità e del codice comunicativo usati; - proseguire o completare la messa a punto e validazione di nuovi strumenti per lo studio e la valutazione dello sviluppo comunicativo e linguistico di bambini e ragazzi con sviluppo tipico e atipico, anche in riferimento alla lingua dei segni e alle abilità di lettura e scrittura lessicale; E' indispensabile acquisire adeguate risorse umane e finanziare che consentano la prosecuzione dei progetti avviati. A tal fine, sono state anche elaborate nuove proposte progettuali
Risultati attesi nell'anno:
Pubblicazioni scientifiche in riviste nazionali ed internazionali. Pubblicazione di libri e/o manuali. Presentazione dei risultati in convegni. Ampliamento dei corpora di dati sull'acquisizione del linguaggio vocale, dei gesti di bambini anche con sviluppo atipico, e della lingua dei segni di bambini e adulti sordi. Avanzamento delle conoscenze relative ai processi di interazioni madre-bambino in situazione di difficoltà cognitiva, relazionale o linguistica. Nuove evidenze sulle peculiarità dei processi acquisizione del linguaggio da parte di bambini bilingui sia udenti (figli di migranti) che sordi esposti alla LIS e all'Italiano. I risultati permetteranno di individuare cambiamenti evolutivi nel rapporto fra modalità gestuale e vocale, fra lessico e altri aspetti del linguaggio e di operare confronti interlinguistici fra diverse lingue parlate, diverse lingue dei segni e fra lingue vocali e lingue dei segni. Avanzamento delle conoscenze sulla struttura delle lingue dei segni e in particolare della LIS. Nuovi strumenti e materiali per la valutazione delle competenze linguistiche dei bambini con sviluppo tipico e atipico, con particolare riferimento alla classificazione e analisi delle componenti non verbali e della lingua dei segni usata da bambini e adulti sordi, e ai rapporti fra modalità anche in un'ottica di confronto cross culturale e crosslinguistico. Nuovi strumenti e materiali per la valutazione dell'ampiezza del vocabolario e in particolare delle sue caratteristiche accentuali, e più in generale delle capacità di lettura e scrittura di adulti e di bambini della scuola dell'obbligo. Nuove evidenze sulle basi neurali dell'elaborazione del linguaggio scritto in adulti sordi ed udenti
Iniziative per l'acquisizione di ulteriori entrate:
Sui temi di ricerca affrontati dalla Commessa il gruppo LACaM sta attendendo l'esito della valutazione di un progetto presentato nell'ambito della call Europea H2020-FETPROACT-2014 e di un progetto presentato alla Regione Lazio (nell'ambito della call FILAS). Saranno presentate nuove richieste di finanziamento a Fondazioni, Associazioni ed Enti, pubblici e privati, italiani ed europei.
 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus