Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Previsione Attività
Commessa
Tecnologie sostenibili per la trasformazione, conservazione ed il confezionamento dei prodotti ortofrutticoli


  anni:  2006   2007   2008   2009   2010   2011   2012   2013   2014   2015 

Previsione attività anno 2007

Stato avanzamento attività per l'anno 2007
Attività da svolgere:
Frutti di varie specie saranno sottoposti a trattamenti combinati di termoterapia o luce UV con: a) sostanze naturali biologicamente attive; b) composti naturali-simili; c) nuovi formulati a 'rilascio controllato' di principio attivo come i complessi di inclusione delle ciclodestrine con i composti riportati in a) e b), per i noti vantaggi che detti complessi di inclusione offrono rispetto ai fungicidi convenzionali, dal punto di vista tossicologico, ambientale ed economico. L'efficacia dei diversi trattamenti sarà valutata in relazione alla temperatura della miscela, alla durata del trattamento e alla concentrazione di principio attivo per determinare le concentrazioni minime necessarie per il controllo dei patogeni. Specifici studi consentiranno di determinare, su frutti sottoposti a refrigerazione e successive condizioni simulate di mercato, i livelli residuali e la loro persistenza in relazione ai parametri di processo utilizzati. L'impatto dei trattamenti sarà valutato anche attraverso le analisi delle caratteristiche organolettiche, nutrizionali e funzionali, e di specifici indicatori di stress che saranno individuati in relazione alla specie studiata.
Punti critici e azioni da svolgere:
Le competenze specifiche dei partecipanti e la dotazione dell'Istituto dovrebbero creare i presupposti perché le azioni siano svolte in maniera ottimale. L'unico ostacolo non prevedibile potrebbe derivare da condizioni climatiche avverse che, compromettendo la produzione, limiterebbero la costante disponibilità di frutta dal campo collezione. In tale situazione la frutta necessaria per le prove dovrà essere acquistata nei mercati locali comportando maggiori oneri economici.
Risultati attesi nell'anno:
a) Determinare le dosi ottimali e le modalità di applicazione di agenti antimicrobici naturali, nuovi formulati a basso rischio eco-tossicologico, e/o loro eventuali complessi di inclusione con le ciclodestrine per rilascio controllato degli agenti attivi; b) individuare le possibili sinergie derivanti dai trattamenti incrociati di termoterapia o luce UV con composti GRAS e/o attivatori delle difese dei frutti con gli antimicrobici naturali e nuovi formulati a basso rischio; c) dare risposte sulla compatibilità dei diversi principi attivi e sulla convenienza di impiegarli in combinazione o in alternanza al fine di esaltare eventuali effetti sinergici e di ridurre il rischio di insorgenza di ceppi resistenti; d) definire protocolli di lotta ai marciumi che riducano il rischio di selezione di ceppi resistenti, che minimizzino la quantità di residui e che si adattino alla molteplicità dei sistemi di somministrazione dei fungicidi condizionati dalle caratteristiche tecniche che differenziano le linee di lavorazione delle singole centrali; e) determinare l'impatto dei trattamenti sulle caratteristiche qualitative dei frutti.
Iniziative per l'acquisizione di ulteriori entrate:
Nel corso del 2007 saranno attivati rapporti di collaborazione con la ditta ENDURA di Ravenna e l'Istituto di Chimica Biomolecolare (ICB) del CNR di Sassari per valutare l'efficacia di nuovi formulati di interesse biologico (complessi supramolecolari costituiti da ciclodestrina per il rilascio controllato di antimicrobici di interesse per la difesa postraccolta degli ortofrutticoli) attivati da sinergici. Tali complessi saranno preparati dall'ICB il quale ha da tempo attivato contratti di collaborazione con la ENDURA. Inoltre, è stato rinnovato il rapporto di collaborazione con la Syngenta di Milano per valutare l'efficacia di nuovi formulati fungicidi, classificati dall'agenzia statunitense "Environment Protection Agency" (US EPA) come "reduced risk fungicides" per il controllo dei penicilli e di altre patologie postraccolta degli agrumi.
 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus