Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Descrizione
commessa
EPIDEMIOLOGIA E RICERCA SUI SERVIZI SANITARI


Tematiche di ricerca:
Epidemiologia clinica: patologie cardiovascolari, angina pectoris e infarto miocardico, cardiopatie congenite, malattie respiratorie, malattie rare. Valutazione interventi terapeutici (salute mentale, dipendenze e altre aree cliniche). Epidemiologia ambientale: ambiente e salute, analisi della mortalità, ricoveri, tumori, consumo di farmaci. Sorveglianza epidemiologica con biomarcatori di dose assorbita, esposizione, effetti biologici precoci, suscettibilità genetica, alterazioni funzionali o strutturali. Ricerca sulla comunicazione dei "pericoli" e del "rischio". Epidemiologia sociale: comportamenti, percezione del rischio, suscettibilità individuale legati all'uso, abuso e dipendenza da sostanze psicoattive. Organizzazione e costi sociali del Sistema sanitario. Epidemiologia molecolare: biomarcatori di effetto biologico e suscettibilità, rischi ambientali ed occupazionali, biomarcatori di rischio individuale. Sistema epidemiologico integrato di archivi elettronici: archivi dati per sistemi di sorveglianza epidemiologica, sistemi di governo ASL, studi sul fenomeno malformativo e malattie rare tramite il Registro toscano dei difetti congeniti ed il Registro toscano malattie rare.
Obiettivi:
Nell'epidemiologia clinica gli obiettivi sono: lo sviluppo di nuovi strumenti di collezione delle informazioni nella banca dati Image (esposizione radiologica, riconoscimento del sintomo dolore, dati genetici, etc), l'esportazione della base di dati all'ambiente di cardiochirurgia dell'adulto e pediatrica e nuovi metodi epidemiologici e statistici a supporto degli studi clinici. Nel settore dell'epidemiologia ambientale e molecolare la ricerca è finalizzata all'identificazione di biomarcatori molecolari per elaborare nuovi modelli per la stima del rischio e per definire nuovi programmi di prevenzione e sorveglianza clinica mirati, sia a livello individuale (screening genetico), sia a livello di chemioprevenzione e prevenzione secondaria. Nell'epidemiologia sociale le ricerche sono finalizzate sia al monitoraggio epidemiologico di comportamenti "socialmente non accettati" e all'identificazione di fattori di rischio associati, sia alla valutazione dei processi di diagnosi e cura dei comportamenti. Nel sistema epidemiologico integrato la ricerca è finalizzata alla descrizione dello stato di salute e dei fattori di rischio e allo studio di strategie di programmazione sanitaria.
Stato dell'Arte:
Epidemiologia clinica: la ricerca clinica necessita di metodi epidemiologici e statistici per la valutazione dell'innovazione, della gestione razionale delle procedure e dei trattamenti e per il raccordo tra medicina territoriale e ospedaliera. Epidemiologia ambientale: lo studio dell'esposizione di individui e comunità, il riconoscimento di pericoli ambientali e degli effetti sulla salute, la comunicazione dei "pericoli" e del "rischio" necessitano di gruppi di competenze multidisciplinari. Epidemiologia sociale: il coordinamento, la standardizzazione e la messa in comune di indagini e risultati, rendono disponibili ai responsabili delle politiche di intervento, informazioni di supporto alle attività normative e di programmazione. Epidemiologia molecolare: la ricerca sui biomarcatori specifici volti all'identificazione delle differenze inter-individuali in riposta all'esposizione ad agenti tossici, necessita di nuovi modelli per la stima del rischio. Sistema epidemiologico integrato di archivi elettronici: l'uso di registri e di basi-dati all'interno delle istituzioni sanitarie si sviluppa, superando il fine amministrativo, verso la gestione integrata ai fini epidemiologici.
Potenziale Impiego:
per processi produttivi:
Trasferimento per la sanità pubblica, incluso il miglioramento della informazione, comunicazione e partecipazione pubblica. Supporto interpretativo a livello decisionale per Aziende Sanitarie in relazione alle esigenze di governo del sistema. I risultati di studi di follow-up, in particolare su coorti ben selezione, sono fondamentali per indirizzare lo sviluppo di nuove procedure diagnostiche e terapeutiche a cui si associano l'individuazione di nuovi farmaci e markers diagnostici. Trasferimento per lo sviluppo di tecnologie per misure di inquinanti in diverse matrici ambientali, biosensori per la misura dell'esposizione individuale, biomarcatori per la misura della dose assorbita e marcatori per la misura del danno precoce e della suscettibilità genetica. Trasferimento di strumenti che permettono l'analisi delle implicazioni assistenziali ed organizzative oltre che le implicazioni di monitoraggio per la valutazione di efficacia ed appropriatezza degli interventi. Si prevede la definizione di indicatori per progetti condivisi da Amministrazioni Locali ed ASL.
per risposte a bisogni individuali e collettivi:
I risultati sono ovviamente finalizzati al miglioramento del processo di diagnosi e cura del singolo paziente, e come tali di interesse del Servizio Sanitario Nazionale. Produzione di linee guida per promuovere interventi integrati di gestione delle problematiche ambiente e salute. Nel settore degli studi di popolazione, le risultanze sono ovviamente fondamentali sia per la scelta degli interventi di prevenzione universale, selettiva e mirata, sia per la programmazione strategica aziendale dei processi diagnostici terapeutici. Nuovi programmi di prevenzione e sorveglianza clinica mirati, sia a livello individuale (screening genetico), sia a livello di chemioprevenzione e prevenzione secondaria. Studi di follow-up per sviluppare le conoscenze sulla storia naturale e valutare l'efficacia dei percorsi assistenziali. Utilizzazione da parte delle Direzioni delle Aziende sanitarie, degli attori della rete dei servizi, dei rappresentanti del governo e dei cittadini delle comunità interessate allo sviluppo della governance della salute.
Competenze, strumentazione, tecniche di indagine e tecnologie :
Competenze (conoscenze possedute dai partecipanti alla commessa rilevanti ai fini del suo svolgimento):
Sono presenti presso l'IFC e presso altri Istituti del CNR ricercatori e tecnici che hanno maturato esperienza d'eccellenza nel campo della medicina, della biologia, della psicologia, della statistica, della modellistica matematica, dell'informatica, dell'epidemiologica e di altre scienze inerenti la Commessa in oggetto. Va evidenziato che la maggior parte di queste competenze fanno riferimento a ricercatori e tecnici precari, che da anni svolgono attività di ricerca nel contesto CNR o Universitario e che rappresentano le competenze più rilevanti ai fini dello svolgimento della Commessa stessa.
Strumentazione (dispositivi, apparecchiature o impianti utilizzati per lo svolgimento delle attività):
Oltre la strumentazione clinico-diagnostica, di laboratorio e di rilevamento specifica (strumenti per il biomonitoraggio umano, determinazioni spirometriche ed ematochimiche, ecc.) e di supporto ai diversi moduli, la strumentazione utilizzata è prevalentemente di tipo informatico con particolare riferimento all'hardware che richiede server implementati in ambito WEB e al software che richiede applicativi di gestione delle basi di dati, di analisi statistica (Oracle, SAS, SPSS, Stata, ecc..) e di simulazione (WinBUGS, R, ecc...). Vengono utilizzati PC Windows e Mac e software statistici di analisi avanzata, protocolli e questionari standardizzati e Geographic Information System.
Tecniche d'indagine (metodologie per la comprensione di fenomeni o strutture attraverso l'impiego combinato di competenze e strumentazione):
L'attività di ricerca si basa su metodologie di ricerca statistico-epidemiologiche relative agli studi campionari, agli studi di coorte e agli studi caso controllo e su metodi di analisi bayesiane e utilizzo delle stime "latent backfitting" .
Tecnologie (Metodologie di modellazione o di intervento su oggetti e sistemi):
Alcuni moduli componenti la commessa, con particolare riferimento alle indagini sulla popolazione, alle attività di prevenzione e alle attività di comunicazione dei "pericoli" e del "rischio" si basano su specifiche tecnologie di comunicazione e didattiche.
 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus