Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Stato Avanzamento Attività commessa
Ontologia di riferimento per l'integrazione di servizi e organizzazioni nella Pubblica Amministrazione e nelle Aziende


  anni:  2005   2007   2008   2009   2010   2011   2012   2013   2014 

Stato di Avanzamento attività anno 2011

Previsione attività per l'anno 2011
Risultati conseguiti:
Ontologia della Pubblica Amministrazione, dei servizi e dei sistemi socio-tecnici. E' proseguito lo sviluppo di un modello concettuale dei servizi in un un'ottica sistemica centrata sulla nozione di impegno (commitment), che propone un fondamento ontologico rigoroso delle recenti proposte (in particolare di IBM) per una "scienza dei servizi" fondata sui processi di co-creazione di valore, direttamente legati ai costi/benefici degli agenti che partecipano (con un complessità di ruoli e relazioni) a tali processi. Tali ruoli e relazioni sono regolati da norme generali, che vengono personalizzate attraverso contratti con i singoli attori. Norme e contratti sono anche il focus del progetto ICT4Law, nell'ambito del quale si è analizzata la nozione di contratto in termini di promessa, e si è studiata la struttura delle descrizioni di ruolo, al fine di distinguere i diversi tipi di ruolo. Sono state studiate inoltre alcune meta-proprietà formali (quali completezza e complessità) delle logiche deontiche utilizzate per ragionare sull'interazione e le azioni di una pluralità di agenti vincolati da sistemi normativi. Si è infine studiato lo status ontologico delle situazioni critiche nei sistemi socio-tecnici, in cui i sistemi normativi (giuridici e sociali) sono inseriti in un contesto di interazione che coinvolge sia persone che artefatti. Si è adottata una visione in cui errori e criticità non sono fallimenti di singoli attori o artefatti ma piuttosto problemi sistemici, spesso localizzati nell'interfaccia tra fattore umano e tecnologico, in cui è necessario andare oltre quanto stabilito dalle norme che vincolano e descrivono il comportamento del sistema. Il rilevamento, la gestione e risoluzione delle criticità sono affrontati attraverso tecniche di modellazione che favoriscano la trasparenza del sistema in un'ottica partecipata, finalizzata alla risoluzione collaborativa delle crisi da parte di tutti gli attori coinvolti. Ontology-driven knowledge management Nell'ambito di due progetti di collaborazione con l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie riguardanti la gestione dei dati nei servizi veterinari e di laboratorio, nonché la comunicazione del rischio correlato al consumo degli alimenti, si è studiato il processo di accettazione dei campioni da analizzare, modellando il flusso di dati tra accettazione e laboratori. Si è inoltre proposta una nozione di "oggetto di conoscenza" che vede unitariamente i campioni nei loro aspetti materiali e socio-legali, ed è trattata similmente ai "ruoli incarnati" (prospettili) proposti per modellare alcuni aspetti nell'ambito delle organizzazioni sociali. Ontologia della funzionalità e degli artefatti Nell'ambito del progetto EUJOINT, si sono confrontate 3 nozioni di artefatto riguardanti gli aspetti ontologici, ingegneristici e tecnologici, con particolare attenzione al confronto tra le nozioni di rappresentazione funzionale e modello funzionale adottate in ingegneria. E' iniziata un'analisi delle caratteristiche comuni tra le nozioni di funzione in ambito ingegneristico e biologico, con un focus sugli aspetti intenzionali nell'assegnazione di ruoli funzionali ad oggetti. Si è curata infine un numero speciale di Applied Ontology sull'ontologia delle funzioni, è si è svolto un corso alla ESSLLI summer school sull'ontologia per l'ingegneria. Ontologie fondazionali e modellazione concettuale Sempre nell'ambito di EUJOINT, si è formalizzato un frammento dell'ontologia YAMATO, che è stato confrontato con l'ontologia DOLCE. Si è proposto un approccio alternativo alla modellazione concettuale fondato sulla relazione di "grounding" (una forma di dipendenza esistenziale) come alternativa alla relazione standard di sussunzione, che consente di strutturare le classi di entità in livelli di complessità crescente, gestendo in modo flessibile i vari casi di ereditarietà degli attributi. Si è inoltre formulata una teoria ontologica che assume che gli oggetti e le loro proprietà siano costruiti sulla base di misure, in un'ottica convenzionalista che mantiene l'aggancio con la realtà attraverso l'analisi della capacità predittiva della teoria fondata su tali oggetti costruiti. Ontologia, risorse lessicali e analisi del discorso In collaborazione con IRIT-CNRS, si sono studiate le implicazioni ontologiche delle risorse linguistiche Framenet/Wordnet al fine di migliorarne la struttura e la semantica, individuando e analizzando alcuni errori ricorrenti. Si è svolta attività di tutoring di uno studente del master HLTI (Università di Trento) per l'analisi del legame tra relazioni strutturali di risorse lessicali (Framenet) e relazioni di discorso nelle teorie di rappresentazione del discorso (SDRT). Si è estesa la risorsa lessicale "Senso comune" per la polisemia sistematica. Si è studiata la componente retorica della semantica delle relazioni di discorso. Si è infine organizzato l'evento finale ILIKS e un workshop sulle modalità di costruzione di risorse linguistiche.
Punti critici:
L'aspetto più critico riguarda la necessità acquisire persone con la competenza e le motivazioni necessarie per fare da ponte tra ricerca e applicazioni. Grazie all'attrattività del nostro laboratorio, sicuramente non avremmo difficoltà a trovare tali persone se avessimo le risorse per bandire un call internazionale con un trattamento economico adeguato, nonostante l'estrema competizione nel settore delle tecnologie semantiche in Europa. Purtroppo siamo sotto massa critica per pensare a concrete prospettive di trasferimento tecnologico, proprio in un momento in cui la domanda del mercato potrebbe ancora essere abbastanza consistente, anche se ormai con un trend negativo. Anche la partecipazione a bandi europei (quasi tutti fortemente orientati al trasferimento tecnologico) risulta in questo momento estremamente onerosa, in assenza di risorse dedicate.
 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus