Home |  English version |  Mappa |  Commenti |  Sondaggio |  Staff |  Contattaci Cerca nel sito  
Stato Avanzamento Attività commessa
Tecnologie avanzate per l'interazione uomo, robot ed agenti intelligenti


  anni:  2005   2006   2007   2008   2009   2010   2011   2012   2013   2014 

Stato di Avanzamento attività anno 2011

Previsione attività per l'anno 2011
Risultati conseguiti:
I risultati provengono dall'attività delle differenti e interagenti linee di sviluppo. Nell'ambito della teoria della fiducia e dell'obiettivo di trasferire il modello teorico di valutare l'affidabilità dell'interlocutore, è stato sviluppato un algoritmo per attribuzione di trust ad un soggetto sulla base della categorizzazione del soggetto medesimo e del contesto in cui quel "soggetto categorizzato" opera. L'algoritmo utilizza mappe cognitive fuzzy modificate in modo da ricavare automaticamente i valori dei pesi tra i concetti relati causalmente. Nell'ambito del progetto europeo I-Talk sono state condotte diverse serie di esperimenti volti a studiare lo sviluppo integrato di capacità linguistiche e comportamentali. L'analisi di tali esperimenti ha permesso di identificare alcuni dei meccanismi alla base della capacità di sviluppare rappresentazioni composizionali e alla base della capacità di generalizzare al livello del comportamento. Sono stati condotti inoltre una serie di esperimenti volti a studiare la possibilità di sviluppare comportamenti complessi riutilizzando e ricombinando capacità comportamentali più elementari sviluppate precedentemente. Nell'ambito dello studio della teoria delle istituzioni come convenzioni si sono ottenuti i seguenti risultati: (1) applicazione della teoria cognitiva delle istituzioni sociali sviluppata nell'anno precedente al caso della proprietà privata e sviluppo ipotesi sul ruolo giocato nei processi di coordinamento dai concetti istituzionali e loro natura rappresentazionale; (2) formalizzazione del quadro concettuale alla teoria dei giochi epistemici; (3) indagine sperimentale su grounding senso-motorio di concetti istituzionali e sviluppo di un paradigma basato su priming e giudizio linguistico; (4) indagine sperimentale su rappresentazione cognitiva di concetti sociali e giuridici attraverso un paradigma di generazione di caratteristiche con comparazione tra soggetti esperti e non esperti. Nell'ambito della modellistica computazionale si sono ottenuti importanti risultati (1) nel controllo dell'azione goal-directed e nella predizione (del progetto europeo Goal-Leaders); (2) nell'interazione sociale e la joint action, (progetto europeo Humanobs). Quest'ultima attività e' accompagnata in alcuni casi da esperimenti su soggetti umani. Nell'ambito della scelta intertemporale possiamo indicare: 1) indagine sperimentale sulle capacità di ritardo della gratificazione in primati non umani (Cepus apella); 2) elaborazione di nuovi protocolli sperimentali per lo studio delle preferenze temporali, attualmente in corso di validazione su soggetti umani e primati non-umani; 3) indagine sperimentale su effetti di framing nei compiti di scelta intertemporale; 4) progettazione e avvio di lavori di simulazione ad agenti sull'evoluzione delle preferenze temporali in diversi contesti ambientali. Nell'ambito degli studi su argomentazione: 1) sviluppo di un modello cognitivo delle decisioni argomentative; 2) sviluppo di un'analisi costi-benefici dell'attività argomentativa, per comprenderne i criteri di utilizzo fra agenti e le opportunità di applicazione fra agenti software.
Risorse strumentali:
Computer per simulazione e sviluppo computazionale di algoritmi; Nell'ambito di I-Talk la metodologia utilizzata prevede lo sviluppo di modelli artificiali robotici provvisti di un sistema nervoso costituito da una rete neurale artificiale che apprende autonomamente in interazione con l'ambiente fisico e sociale. In particolare, nella maggior parte dei casi sono stati sviluppati modelli implementati sul robot umanoide iCub. Per il processo di apprendimento ci si è avvalso di un ambiente di simulazione del robot e dell'ambiente sviluppato presso l'ISTC-CNR.
Punti critici:
Difficoltà di preservare il personale specializzato formato presso l'Istituto a causa della scarsità di opportunità di lavoro stabile. Gravi difficoltà nello svolgimento della normale attività di ricerca (acquisto di materiale, missioni, organizzazione di meeting e convegni) a causa dei continui cambiamenti delle procedure amministrative e delle limitazioni introdotte. Eccesso di burocrazia nella gestione dei finanziamenti, soprattutto con fondi erogati a livello nazionale (MIUR e CNR).
 
Torna indietro Richiedi modifiche Invia per email Stampa
Home Il CNR  |  I servizi News |   Eventi | Istituti |  Focus